Home » Uncategorized » Settembre, di nuovo…

Settembre, di nuovo…

(foto mia)

E rieccoci a Settembre,

uno dei miei mesi preferiti, con i suoi colori, ricordi, il distillato del pieno dell’estate appena trascorsa, il suo sentire dolceamaro. Non c’è miglior modo di riaprire il Giardino che una breve rassegna di immagini e poesie.

(foto mia, “L’Angelo della Vendemmia”, affresco murale, Dozza Imolese)

I Pastori

Settembre, andiamo. E’ tempo di migrare.

Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori

lascian gli stazzi e vanno verso il mare:

scendono all’Adriatico selvaggio

che verde è come i pascoli dei monti.

Han bevuto profondamente ai fonti

alpestri, che sapor d’acqua natía

rimanga ne’ cuori esuli a conforto,

che lungo illuda la lor sete in via.

Rinnovato hanno verga d’avellano.

E vanno pel tratturo antico al piano,

quasi per un erbal fiume silente,

su le vestigia degli antichi padri.

O voce di colui che primamente

conosce il tremolar della marina!

Ora lungh’esso il litoral cammina

la greggia. Senza mutamento è l’aria.

il sole imbionda sì la viva lana

che quasi dalla sabbia non divaria.

Isciacquío, calpestío, dolci romori.

Ah perché non son io co’ miei pastori?

(Gabriele D’Annunzio, da “Alcyone”)

(foto mia)

Settembre

Già l’olea fragrante nei giardini

d’amarezza ci punge: il lago un poco

si ritira da noi, scopre una spiaggia

d’aride cose,

di remi infranti, di reti strappate.

E il vento che illumina le vigne

già volge ai giorni fermi queste plaghe

da una dubbiosa brulicante estate.

Nella morte già certa

cammineremo con più coraggio,

andremo a lento guado coi cani

nell’onda che rotola minuta.

(Vittorio Sereni, da “Frontiera”)

Chiudo con un breve (splendido) brano, “September” di David Sylvian, tratto da “Secrets Of The Beehive” del 1987 (nell’immagine soprastante, fotografia e set a cura di Nigel Grierson e Vaughan Oliver).

“September’s here again….”

(foto mia, albero di fico)

Josh