INTERROMPETE QUELL’ INTERRUZIONE!

Ho finora evitato di prendere posizione sulla drammatica vicenda di Eluana Englaro per una molteplicità di motivi. In primo luogo, per il rispetto che andrebbe comunque tributato ai protagonisti di simili tragedie, tanto profondamente umane e tanto diverse dalle questioni, solitamente a carattere politico o storico, a proposito delle quali chi mi conosce sa che sono invece sempre ben pronto a lanciarmi in ogni disputa con la mia consueta mancanza di preconcetti e peli sulla lingua.…

Continue reading

A rose by any other name would smell as sweet

Da qualche anno in qua c’e’ qualcosa che non mi torna. Precisamente, dal periodo immediatamente precedente il crollo dell’URSS, che ha visto l’inizio delle migrazioni bibliche e la nascita dell’EU; e dallo 11 settembre 2001, data a decorrere dalla quale sono iniziate in grande stile le “esportazioni democratiche” e la “lotta al terrorismo”.…

Continue reading

Non si può essere Cattolici e Negazionisti.

Come ho cercato di spiegare in “Santosepolcro”, la posizione della Chiesa e del Santo Padre nei confronti del Negazionismo è sempre stata chiara e netta, e cioè di mera condanna. Le strumentalizzazioni mediatiche di questi giorni mi costringono ad un piccolo sunto di storia a riguardo i Cattolici in Germania all’ avvento del nazionalsocialismo; nella convinzione assoluta che i Cattolici avrebbero seguito gli Israeliti nei Campi di Concentramento.

Continue reading

L’ Eccidio di Cadibona

A commento di un mio post del 2006,ho ricevuto il seguente commento, al quale mi sembra doveroso dare maggior spazio,essendo io latitante da qualche tempo per mancanza di tempo.

Eccolo:

Intervista a Roberto Nicolick, Autore di “39 biglietti di sola andata” L EDIZIONI Savona

“Il titolo del libro “39 biglietti di sola andata” ha un motivo preciso d’essere ?” “Si, 39 sono i prigionieri giustiziati in modo arbitrario e sommario dai partigiani comunisti nel maggio del 45, a guerra finita, solo per vendetta .
Continue reading

I Sopravvissuti, finalmente in dvd

Una serie cult degli anni settanta rimasta nella memoria di tanti trova, da oggi, la sua prima distribuzione in dvd in Italia e, ciliegina sulla torta, conterrà anche la misteriosa terza stagione, mai trasmessa in Italia.Leggo nel sito della Hobby & Work che sono previsti 19 dvd con uscite quattrordicinali per i primi tre e, dal quarto, settimanale .In pratica, se la periodicità annunciata sarà rispettata, nel prossimo maggio potremo avere l’intera serie in dvd.A distanza di 30 anni, quanti tra il 1976 e il 1980, prima grazie alla televisione della Svizzera Italiana, poi con la vecchia Rai, si appassionarono alle prime due stagioni potranno vedere la conclusione del ciclo originario.Originario perché, pressoché in contemporanea, la Bbc ha prodotto la prima stagione della nuova serie che speriamo di possa essere all’altezza dell’originale e di poter vedere quanto prima.Magari dopo il “ripasso” che le previste 19 uscite (2 puntate a dvd) consentiranno a tutti gli appassionati ed anche per conoscere la fine della prima serie.Io appartengo alla generazione che, ventenne nel 1976, vide la serie l’anno successivo la sua trasmissione in Inghilterra e grazie alla Tv Svizzera Italiana.Mi ricordo che fu un caso che sintonizzai la televisione sul canale giusto e lo sceneggiato appassionò non solo mio padre che comunque ha sempre condiviso il piacere di un film o di un libro di fantascienza, ma anche mia madre che guardava sempre con malcelato disgusto – come spesso fanno le donne … – ai libri “degli omini verdi e dei dischi volanti”.In effetti i Sopravvissuti non hanno nulla a che vedere con “omini verdi e dischi volanti” ed ho sempre accostato la serie a quello che, per me, resta il miglior romanzo di fantascienza che abbia mai letto: Il giorno dei Trifidi di John Wyndham.E’ il mondo del dopo-catastrofe … il 95% della popolazione mondiale è morto … non c’è più chi faccia funzionare i tanti meccanismi che ci danno benessere e sicurezza … pochi sono i sopravvissuti che hanno il compito di ripopolare la Terra … di dare un futuro all’Umanità … di costruire una nuova società … migliore … ma i pericoli sono in agguato … e provengono anche da altri uomini … e la grande Storia dell’Umanità ricomincia …

Entra ne

Continue reading

Al Zawahiri e il Mondo libero

Me li sono guardati tutti. Dal 2001 ad oggi non mi sono perso un solo messaggio di “al Qaeda”. Bin Laden, poi ancora bin Laden, poi al Zawahiri, poi il fu al Zarkawi, poi di nuovo il fu bin Laden (Benazir Buhtto riferi’ che questi era stato ucciso da un agente dell’ISI pachistano, prima di essere uccisa a sua volta), poi ancora al Zawahiri… La domanda che mi sono sempre posto era piu’ o meno la…

Continue reading

DOBBIAMO TUTTI ESSERE "OBAMACONS"?

L’interminabile maratona delle elezioni presidenziali americane si è alla fine conclusa, giorni fa, con la vittoria nettissima del primo presidente di colore della storia di quella Nazione: il democratico Barack Hussein Obama. Francamente non ricordavo un simile coinvolgimento emotivo, da parte dei miei connazionali, in nessuno dei precedenti eventi analoghi di cui conservo cosciente memoria.…

Continue reading

Giovane e… abbronzato

MOSCA – Il neo eletto presidente degli Stati Uniti è giovane, bello ed abbronzato ed il presidente della Federazione Russa Dmitry Medvedev non dovrebbe avere problemi ad avere rapporti con lui.
Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi nel corso della conferenza stampa al termine del bilaterale Russia-Italia aggiungendo poi che “abbronzato” l’ha detto come “grande complimento”.
Continue reading

Ieri accadde: La metafora di Orson Wells

Quando – il 30 ottobre 1938 – la CBS mando’ in onda “La guerra dei mondi”, le “masse” credettero davvero che fossero sbarcati gli extraterrestri. Solo pochi misero in relazione il fatto con la vigilia della festa di Halloween (una specie di pesce d’aprile anglosassone); pochissimi, invece, interpretarono l’evento come un esperimento su larga scala per saggiare la potenza del mezzo radiofonico, …

Continue reading