APRILE 1970.

2 Aprile: Emilia, gruppi di scioperanti occupano gli stabilimenti oltre ad una serie di uffici pubblici a Modena, Mirandola, S. Felice al Panaro, Finale Emilia e San Prospero.6 Aprile: Torino, gruppi di scioperanti assaltano la FIAT e malmenano alcuni sorveglianti.17 Aprile: Trento, cinquecento estremisti del Movimento Studentesco, dopo aver lanciato sassi al termine di un processo penale contro …

Continue reading

MARZO 1970.

3 Marzo: Pisa, scioperanti che protestano per il licenziamento di alcuni dipendenti civili della base USA bloccano l’ Aurelia e la linea ferroviaria nei pressi di Tombolo. Ne seguono tafferugli con la polizia, nel corso dei quali alcune auto private vengono date alle fiamme.6 Marzo: Napoli, scontri tra scioperanti e la Polizia.…

Continue reading

Il sindacalismo all’ Alfa Romeo.

“Erano anni bui, gli anni ’70. Che qualche “sedicente” come scrivevano i giornali sinistri di allora, o “presunto” Brigatista Rosso, come scrive “Il Manifesto” ora vorrebbe far tornare. Insieme a qualche Cattivo Maestro, che mai ha abbandonato l’ idea rivoluzionaria. Ma Epifani e la CGIL si definiscono “sorpresi e costernati” dal fatto di trovare la presenza brigatista nel sindacato.…

Continue reading

libertà  fondamentali

In questi tempi, è bene ricordarsi di queste parole di libertà , che ci vengono da un periodo forse più buio di questo, e, chissà come mai , dall’America:

In the future days which we seek to make secure, we look forward to a world founded upon four essential human freedoms.…

Continue reading

L’ Unità , il PCI e la Rivoluzione Ungherese.

Come l’Unità “informò” i lavoratori italiani:

24/10/56: “Elementi ostili alla democrazia popolare”… “gruppi armati controrivoluzionari”.

25/10/56: Titolo dell’ Editoriale: “Da una parte della barricata a difesa della democrazia”:“L’intervento sovietico è un dovere sacrosanto” senza il quale “si ritornerebbe al terrore fascista tipo Horty”. Il corrispondente de L’Unità, O. Evangelista, scrive che “le squadre dei rivoltosi sono composte prevalentemente da giovani rampolli della aristocrazia e della grossa borghesia”.

Continue reading

UNGHERIA 2006:I Comunisti italiani.

Ed ecco un bel commento dal sito del Partito Comunista Marxista Leninista d’ Italia di qualche giorno fa. Non scherzo, qualche giorno fa. E credo che in cuor loro, tanti comunisti e no-global nostrani la pensino uguale…

“Allineandosi con i fascisti, con i rinnegati e con gli anticomunistiAnche Bertinotti rende omaggio alla controrivoluzione ungherese del ’56“Qui è stata scritta una pagina grande della storia d’Europa”

Seguendo a ruota il rinnegato Napolitano, anche l’imbroglione trotzkista Bertinotti è andato in pellegrinaggio a Budapest a rendere omaggio alla controrivoluzione ungherese del 1956.

Continue reading

Vamos Bien !

Guardatelo, come ride, Camilo Cienfuegos, eroe dei comunisti cubani. Ricorda ,nella risata, nonostante l’ Italia sprofondi, un pinocchietto che giurava mai tasse, non colpiremo i patrimoni, etc. etc.

Vamos bien, Companeros, anche se il mondo finanziario ci retrocede. Vamos bien, Companeros, anche se l’Alitalia sta per fallire. Vamos bien, Companeros, anche se tagliamo fondi all’ Esercito, alla Sicurezza, alla Scuola.

Continue reading

Dopo la Baraldini, Joanne Chesimard verrà da Cuba in Italia ?

Parlo oggi di una gentile amica della Baraldini :Assata Shakur ( nata Joanne Deborah Byron Chesimard 16 luglio 1947 a New York City ) era una attivista nel partito delle pantere nere, Black Panther Party, BPP.Il 2 maggio 1973, Assata Shakur, allora un membro dell’esercito nero di liberazione, Black Liberation Army, BLA, e non più un membro del partito delle pantere nere, BPP, è stata fermata, assieme a due pantere nere: Zayd Shakur e Sundiata Acoli, in una strada statale del New Jersey da James Harper e Werner Foerster, poliziotti statali, per guida con un fanale posteriore rotto.
Continue reading

11/9

Bloggers honor the innocent victims of that awful day…

For some people, it’s about the numbers: 4 planes. 4 targets. 2,996 victims. 4 years and 10 months. 1,763 days. 42,312 hours. 2,538,720 minutes. For others, like me, it’s about the people. Every victim was, at the very least, a son or daughter.…

Continue reading