Popolo, Patria e Nazione

Nella frazione di un paese in provincia di Bologna, era stata organizzata una Festa d’Autunno con lo scopo di raccogliere fondi per aiutare un ospedale che cura bambini.
Sono insorte le organizzazioni antifasciste e le “istituzioni” riuscendo ad impedirne il regolare svolgimento.
Gli stessi che entrano in crisi epilettica quando si parla dei bambini immigrati e ci accusano di essere insensibili, si dimostrano, nei fatti, totalmente crudeli e insensibili verso i bambini italiani (e non) solo perchè la raccolta di fondi seguiva una Festa organizzata da movimenti vicini a Forza Nuova.
Continue reading

Parte la Leopolda…

Leopolda, i requisiti del perfetto renziano di Andrea Scanzi
Ci siamo: è il gran giorno. Oggi comincia la Leopolda 8, imperdibile sin dal nome: “L8”. Per sceglierlo, i renziani hanno preso tre mesi di ferie. Certo, forse non sarà l’edizione migliore. Non ci sarà la regista Simona Ercolani, stranamente non confermata dopo le edizioni precedenti e la gloriosa campagna referendaria del 4 dicembre.…
Continue reading

Al voto al più presto

Se avessimo dei politici seri, una volta approvata la legge di bilancio si occuperebbero solo dell’ordinaria amministrazione, mentre Mattarella, sciogliendo le camere, fisserebbe un giorno, a metà febbraio, per il voto.
Poichè i nostri politici devono rispondere alle varie clientele elettorali, ecco che mettono in cantiere la commissione sulle banche, la legge sul cosiddetto fine vita (eutanasia mascherata) e quella aberrante sullo ius soli.
Continue reading

Piccoli Lothar crescono

Avete sentito le ultime dichiarazioni di Di Maio, il piccolo Lothar dei poteri d’Oltreatolantico, durante il suo viaggio statunitense? Potete leggerle voi stessi sul Blog di Grillo. Il Moretto diligente parla con il Vice Assistente Segretario, Conrad Tripple. Poi dichiara di aver avuto un incontro anche con il majority whip della Camera dei Rappresentanti Steve Scalise e si mostra soddisfatto da questi incontri.

Continue reading

I due volponi

Non mi piace.
Ho letto che Renzi auspica che venga restituita l’eleggibilità a Berlusconi (e questo sarebbe sacrosanto) per sfidarlo a singolar tenzone in un collegio uninominale alle prossime elezioni.
E questo non mi piace.
Sembra che i due stiano facendo un giochetto in sintonia, accreditandosi l’un l’altro come leaders dei rispettivi schieramenti.
Continue reading

Mani rosse sulla Federcalcio

L’estromissione dalla fase finale in Russia di calcio, ha scatenato i mai appagati appetiti della sinistra, sempre pronta ad occupare poltrone.
Con la Federcalcio ci aveva provato nel 2006, con la scusa dello scandalo che ha sottratto due scudetti alla Juventus e con la nomina di Rossi a commissario.
Tavecchio, come fece nel 1994 Berlusconi con Ochetto, ruppe loro però il gioco e divenne presidente.
Continue reading

La lezione di Ostia

Ostia non è l’Italia e non è neppure un comune (come dovrebbe essere).
Il voto di domenica, però, ci propone alcuni insegnamenti.
Intanto la indifferenza dei cittadini alla capacità di amministrare di questo o quello.
La Raggi non mi sembra faccia granchè, ma più della sua incapacità, conta la propaganda con i grillini che, ancora, possono vantare una loro “diversità”.
Continue reading

La verità fa male

Dopo una settimana di riflessione il ministro Padoan dichiara che è intollerabile che il commissario europeo Katainen inviti lui e il governo di cui fa parte a dire la verità agli Italiani sui conti pubblici.
Non dice che quello che afferma Katainen sia falso, perchè il nostro debito pubblico è davanti a tutti noi (e probabilmente maggiore di quello che dicono i numeri ufficiali).
Continue reading

Massima onorificenza ad un giovane scienziato

La mia città ha assegnato la sua massima onorificenza ad un trentenne.Il premio è l’equivalente di un Ambrogino d’oro.Il giovane ha inventato un algoritmo per mezzo del quale sarà facilitata ed anticipata la diagnosi di una eventuale insorgenza di alzheimer.

Le demenze senili, se prese in tempo, sono curabili con i farmaci attualmente in circolazione.…

Continue reading

Guide del tramonto *

La Bindi, dall’alto del suo scranno di presidentessa della commissione antimafia, si è sentita in obbligo di illuminarci con il suo parere sulla morte di Riina: la sua fine non significa la fine della mafia.
Eh già, come potrebbero diversamente fare romanzieri, sceneggiatori televisivi, cinematografari e presidenti di commissione se la mafia diventasse criminalità organizzata, l’eterno gioco tra guardie e ladri, tra onesti e disonesti, che c’è sempre stato e sempre ci sarà in tutto il mondo e non solo in Italia ?…
Continue reading