Home » politica estera » La Ue dei Cetrioli e di altre verdure killer

La Ue dei Cetrioli e di altre verdure killer

Imputato Cetriolo si alzi:  cos’ ha da dire a sua discolpa? Niente, ho solo una forma per così dire…minacciosa. E così siamo passati dalla ridicola Ue del diametri  dei cetrioli e delle zucchine omologati per l’uopo, alla messa sotto accusa delle povere cucurbitacee a causa del batterio letale Escherichia Coli  . L’emissario del governo spagnolo col cetriolo in mano che chiede risarcimenti ai parrucconi stolti di Bruxelles rimarrà negli annali della storia di un’Europa incapace perfino di mettersi d’accordo su cosa dar da mangiare di decente e di commestibile agli europei.
La cosa più grottesca è sapere che occorre energia per trasferire grosse quantità di camion di verdure nate in Spagna, trattate in Olanda e vendute in Germania. Sempre più energia per una società allargata ai quattro punti cardinali dell’universo in perenne impazzimento, visto che ogni giorno che passa, scoppia una nuova malattia.  Diciamo la verità a proposito di Germania: non stanno facendo una brllante figura . Ma è inutile che mi dilunghi a descrivere gli scienziati di Krukkonia che in questi giorni le stanno tentando tutte, ma proprio tutte per rendersi ridicoli agli occhi del mondo: sarà stato il cetriolo? le zucchine? la soia? i ceci? I piselli? le lattughe a foglia larga? leggere questo divertente pezzo sul Culturista “La notte dei trifidi e l’alba  delle zucchine“. Siamo al fanta-horror, al thriller dell’Assurdo.
 Erano sicurissimi della colpevolezza della soia i cui germogli vengono fatti crescere nelle botti trattate a vapore, ma poi hanno fatto dietrofront, visto che dei 27 deceduti non ce n’è uno che abbia consumato un solo germoglio e sono tornati a fare gli Sherlock Holmes con tanto di lente di ingrandimento sui cetrioli.
Una cosa è certa: si tratta di guerre alimentari tra lobby contrapposte i cui obiettivi sono chiari: far mangiare ai consumatori quel che vogliono loro. Non si mangia più carne? Eccoti vietate le verdure. E così via… Intanto sui giornali piovono i soliti sondaggi: hai modificato le tue abitudini alimentari? TANTO, POCO, NULLA? Mettete la crocetta: è democrazia anche questa.  
Non poteva mancare il buon ministro della Sanità Ferruccio Fazio, che fece acquistare per conto del governo su imposizione dell’OMS, una partita cospicua di vaccini contro la “suina”, detta anche influenza H1 N1, rimasti poi inutilizzati, il quale interviene ora in tv con un’aurea raccomandazione: lavare bene la verdura eppoi lavarsi le mani. Ma va’ ?!?
Ogni giorno scoppia una nuova epidemia (vera, falsa, reale, virtuale) ma laviamoci le mani. Ponzio Pilato for President.