Home » Archive by categoryunione europea (Page 34)

L’islam e il pericolo non visto

La politica-che-non-vede-il-pericolo. La carriera senza ostacoli di Ingrid Mattson. Analisi di Bruce Bawer
Storico della penetrazione islamica in Occidente, ed in Europa in particolare, Bruce Bawer è autore di due saggi che hanno riscosso l’apprezzamento internazionale, tra cui quello di Bernard Lewis, “While Europe splept”, e “Surrender appeasing islam, sacrificing freedom”, non tradotti in italiano.…
Continue reading

Sognare è lecito, realizzare è utopia

Leggo e rileggo la letteronza del governo alla UE. Non trovo difetti se mi pongo del punto di vista liberale. Non vedo cedimenti nella coerenza programmatica. Non balzano agli occhi ingiustizie sociali marchiane, se mi atteggio a socialistoide. Sempre che io mi vesta da buon liberale d’antan. Dunque Berlusconi e i quaranta birboni hanno fatto un buon lavoro: ci sono le liberalizzazioni promesse, l’età pensionabile europeista, le agevolazioni per le imprese, la deburocratizzazione tanto agognata, l’elasticità del lavoro, il paino Sud tremontiano , al riforma costituzionale in senso presidenzialista e chi più ne ha, più ne metta.…

Continue reading

Merkel-Sarkò e l’italia

Grazie a Francia e Germania l’Europa trema davvero di Mauro Bottarelli
Siamo alla follia. All’inutile vertice Ue di domenica, chi era sul banco degli imputati? La Grecia con i suoi bilanci truccati e il default ormai alle porte (nonostante gli altri 8 miliardi di morfina in arrivo, a meno che il Fmi non li blocchi)?…
Continue reading

Bene così

L’unione europea ha condiviso le scelte del Governo illustrate nella lettera di intenti.
Le speranze della sinistra di ribaltare il Premier sono, ancora una volta, naufragate grazie alla solidità del rapporto tra Berlusconi e Bossi.
La lettura dei commenti della stampa induce in confusione, anche perché l’interesse di gran parte dei giornali è di perseguire una (ottusa) critica al Governo, finalizzando il tutto alla eliminazione di Berlusconi.…
Continue reading

Idioti e criminali umanitari

Pazzia della guerra in Libia: la Nato impone la sharia ai libici di Carlo Panella
La Francia di Sarkozy è in evidente imbarazzo a fronte delle dichiarazioni del presidente del Cnt libico Mustafà Jalil che ha affermato non solo che “la sharia sarà alla base della nostra Costituzione”, ma ha anche spiegato che, quindi, verrà abolita la pur blanda legge di Gheddafi che imponeva al marito il consenso ai nuovi matrimoni della prima moglie e che concedeva anche alla donna il diritto di divorzio.…
Continue reading

Tocca all’Italia

Attacco globalista all’Italia 
Dopo la piccola Grecia e la ormai semidistrutta Libia è arrivato il turno dell’Italia. Una volta tanto, chi scrive, pur con molte perplessità e non pochi disgusti, è costretto a stare oggettivamente dalla parte di Berlusconi e Bossi, nemici insidiosi ma secondari, contro il Nemico Principale globalista. La replica di Berlusconi al ghignante duo Merkel e Sarkozy : “Nessuno nell’Unione può autonominarsi commissario e parlare a nome di governi eletti e di popoli europei.…
Continue reading

Chi paga la crisi? Io ci ho già messo quasi ventimila euro in un anno

Io, come si dice a Genova, ho già dato, in quanto, a causa della crisi, ho dovuto accettare un prepensionamento all’italiana da un marchioncino, prima che questo governo mi facesse slittare di un altro anno la finestra. Quindi avrei dovuto percepire la mia pensione d’anzianità di 35 anni di contributi versati (senza calcolare altri periodi […] …

Continue reading

Caro Sarkò, ride ben chi ride ultimo

Ridi ridi Sarkò, che la mamma ha fatto gli gnocchi. Intanto rendiam noti alcuni numeri che il marito di Carlà de Pompadour forse non sa, perché Berlusconi sarà anche una barzelletta vivente, questo governo farà ridere i polli e i suoi oppositori pure di più, ma il ridente Sarko-fago non è certo da meno

Aumento debito pubblico 2007-2010
Il fardello noi italiani si sa, ce lo portiam dietro dalla I repubblica.…
Continue reading

Comunitarismo e liberalismo

Un testo sul comunitarismo che consigliamo

Il comunitarismo ha due origini distinte. Sul piano intellettuale, esso è una reazione alle concezioni “liberal” americane. Sul piano politico, esso è la conseguenza della perdita delle “civic virtues” della società americana e della nascita del multiculturalismo. Ma il comunitarismo non è una risposta adeguata alle esigenze della società post-industriale.…

Continue reading

Ma che ca**o c’ha da ridere il cafone?

Quello stupido di Sarkozy, nel riferire del colloquio con Berlusconi, a una domanda posta alla collega Merkel da un giornalista, appunto sul colloquio, non ha saputo trattenere dei risolini. Se si pensa che il debito pubblico francese è poco al di sotto di quello italiano, e che la disoccupazione della Francia è anche superiore a […] …

Continue reading