Home » Archive by categoryunione europea (Page 33)

Il male assoluto

Ecco perché l’Europa è nella rete di Goldman Sachs di Gian Micalessin
La Goldman Sachs? Una banca d’affari che in Europa ha «tessuto una rete d’influenza unica sedimentata nel corso dei lustri grazie a una fitta trama sia pubblica, sia sotterranea». A dirlo non sono i soliti quattro gatti appassionati di trame e complotti internazionali, ma quelli di Le Monde.…
Continue reading

Misure aggiuntive

Prima un paio di commenti: “Come volevasi dimostrare..”servono misure aggiuntive”.. per far mangiare gli untori. Fatte nuove misure ne occorreranno altre perchè i profittatori della speculazione hanno capito che possono mangiarsi l’Italia. I francesi stranamente continuano a comprare nostrre aziende di pregio, chissà come mai .. Il rimedio c’è: uscire dall’euro.”

“Sangue per noi, lacrime di coccodrillo per loro.…
Continue reading

Gli inutili vertici dell’Eurozona

Il Nuovo Ordine Mondiale è in grossi guai. La suddivisione Europea sta visibilmente cadendo a pezzi.

Si può sempre dire quando un accordo importante del NWO è in modalità crisi. I rappresentanti dei media mainstream continuano a chiedere ai portavoce di alto livello: “Ciò minaccia il vostro programma?” Rispondono: “No, questo è solo un’aberrazione temporanea”.…

Continue reading

Lagarde

La signora omicidi di Johnny Doe
La Lagarde direttore FMI: “L’Italia è un Paese solvibile ma non credibile.” La dice lunga questa frase… se é solvibile, che cazzo vuole quest’altra testa di legno a capo di questa organizzazione di lestofanti, killers dei paesi dove mettono piede? Infatti agli strozzini interessa la “credibilità”, una speciale credibilità.…
Continue reading

In nome di Dio, vattene…

Giusto due minuti fa, stavo seguendo un dibattito alla 7. C’era un giornalista straniero che in un italiano un pò stentato diceva che i mercati non vogliono più Berlusconi e, al suo posto “pretendono” un governo tecnico. E ora, leggo questo. Il financial times a nome di quale dio parla?
Berlusconi, il Financial Times preme: «Vattene in nome di Dio e dell’Italia».…
Continue reading

Nanoleone, la culona, la grecia, gli strozzini e il banchiere

Il bluff greco di Johnny Doe 
Papandreou nella notte del 2 novembre – sotto le pressioni del cancelliere tedesco Angela Merkel e del presidente francese Nicolas Sarkozy – ha fatto marcia indietro. Il premier greco ha ceduto all’ultimatum dei due leader europei: nessun quesito sull’accordo del 27 ottobre. Se un referendum ci deve essere, che riguardi la permanenza della Grecia nell’Eurozona.…
Continue reading

La grecia, il referendum, la culona e nanoleone

Merkel: « Avanti anche senza Grecia». Ma ora il governo di Atene è in bilico. L’esecutivo di Papandreou si spacca sul referendum. E in Parlamento perde la maggioranza sul voto di fiducia
MILANO – Rischio sopravvivenza per il governo di Georges Papandreou. L’esecutivo del premier greco si è spaccato sulla scelta di quest’ultimo di indire un referendum sul piano salva-euro varato dall’Unione.…
Continue reading

Il crollo

Crollo della democrazia e crollo del buon senso di Ida Magli
Nel momento in cui sto scrivendo questa breve nota (1 novembre 2011 ore 11) la borsa italiana perde più del 5% Cosa c’è di diverso da ieri? L’Italia è sicuramente la stessa, anzi. Approfittando del giorno festivo, molti sono andati tranquillamente fuori città mentre Berlusconi, Bersani, Vendola e compagni litigano come il solito (anzi, data la festività, forse un po’ meno del solito).…
Continue reading

Ancora sull’eurotruffa, parla Monti…

Lettera al premier
Signor presidente del Consiglio,
mi permetto di richiamare la Sua attenzione su alcuni aspetti delle Sue dichiarazioni di venerdì sull’euro. Lei ha affermato: «L’euro non ha convinto nessuno. È una moneta strana, attaccabile dalla speculazione internazionale, perché non è di un solo Paese ma di tanti che però non hanno un governo unitario né una banca di riferimento e delle garanzie.…
Continue reading

Eurotruffa

La vera storia dell’”eurotruffa”. Così Prodi & C. ci hanno svenduto di Claudio Borghi
La nave non deve limitarsi a uscire dal porto con la banda e navigare bene per un po’, ma deve arrivare sana e salva a destinazione, se ciò non accade e fa naufragio, è doveroso indagarne le cause e se è il caso cercare i responsabili.…
Continue reading