Home » Archive by categoryreligione (Page 8)

Le Cei e la riforma del lavoro…

Un commento: “Mi arrendo. Non volevo crederci ma, dopo aver letto che il Presidente della Cei accoglie a braccia aperte l’art. 18 di ispirazione marxista-leninista; che persino i Vescovi, dunque il Vaticano, si sono arresi al pensiero (moderno?) di coloro per i quali “la religione è l’ oppio dei popoli”. Se ciò va bene a loro : così sia.…

Continue reading

Oriana Fallaci aveva previsto la censura di Dante Alighieri.

” …..E sai cosa significa questo? Significa che nei programmi delle altre-materie dovremmo evitare riferimenti alla religione di cui la nostra cultura è imbevuta, cioè il Cristianesimo. Significa che nei programmi di letteratura non dovremmo includere la Divina Commedia. Poema scritto da un cane-infedele che della vita terrena ed extra-terrena aveva una visione alquanto Cattolica, che all’inferno e per l’esattezza nel Canto Ventottesimo ci sistema Maometto, e che il Paradiso lo affolla di donne.…

Continue reading

Libertà per i Nostri Soldati: il Colonialismo Indiano ed il Nagaland.

Prosegue il mio personale stato di guerra contro l’ India, da molti erroneamente vista come una grande democrazia patria di Gandhi, di santi e santoni; e dopo il Sikkim, i miei ricordi personali mi portano a parlare del Nagaland. Stato annesso dall’ India anni fa che, come recenti restrizioni nell’ accesso fanno supporre, non è ancora pacificato.

Continue reading

Imbecilli per vocazione

Qualche notizia riguardo lo ius soli e lo ius sanguinis, qui.
I “vescovi rossi” per lo Ius Soli. “E’ solo una questione di civiltà”. Monsignor Domenico Mogavero, vescovo di Mazara del Vallo, presidente emerito del Consiglio per gli Affari giuridici della Cei. “Riconoscere la cittadinanza ai figli degli immigrati è una scelta di civiltà.…
Continue reading

Il pensiero politico dopo le ideologie

Il potere culturale ha tentato di liquidare Augusto Del Noce archiviandolo fra i filosofi inattuali ossia refrattari al furore squillante sul palcoscenico postmoderno. Antonio Livi ha tuttavia stabilito che, nell’età della parlantina senza controllo, l’ostracismo alla memoria di Del Noce, pensatore irriducibile agli sdegni crepuscolari, si deve al fatto che egli fu sostenitore di una “metodologia storiografica, che si fonda su induzioni di carattere schiettamente sperimentale, e arriva a stabilire delle leggi universali sulla base di fatti accuratamente esaminati e valutati attraverso il confronto con fatti analoghi”.…

Continue reading

Quei Cattolici Illuminati che la sanno lunga su Gesù e Castellucci.

Nel corso di questi anni ho dovuto smentire svariate panzane cattocomuniste che propinano immagini di un Gesù pvoletavio e povero tra i poveri. Non è così, sappiamo che San Giuseppe era un artigiano benestante e San Pietro un piccolo armatore di barche, ne aveva diverse e le affittava. Gesù inoltre chiedeva la povertà ai Santi, ma amava i peccatori, capace nella sua Bontà Divina di perdonarli e comprendere quanto la natura umana sia tentata dal Male, a causa del Peccato originale.

Continue reading

La destra genovese nel tunnel degli ideali

Mentre passeggiavo con il mio cane mi ha fermato un giovane studente di giurisprudenza e mi ha chiesto come è possibile liberare la mente dalle nebbie depositate da decenni di diseducazione scolastica, politica, giornalistica, televisiva, cinematografica e (pur troppo) parrocchiale. Diseducazione è la parola adatta a significare il risultato di mezzo secolo di varia umanità, di confusioni incoraggiate dai compromessi sottoscritti da cattolici modernizzanti con il laicismo furente e incapacitante.…

Continue reading

Il Cristo viene ucciso in Nigeria. Ma anche a Milano.

Crescono i massacri di Cristiani in Nigeria. Ma anche in italasia, non è che stiamo meglio. Ieri al Teatro Salone Pier Lombardo (da ieri torno a chiamarlo col vecchio nome…) è andata in scena l’ opera iperblasfema del regista cesenate ma francese d’ adozione Romeo Castellucci, “Sul concetto del volto del Figlio di Dio”.

Continue reading

Imbecillità ad oltranza

Un commento: “mi dispiace, da cattolico seppur non praticante, difendere il diritto da italiano di provvedere ai bisogni di profughi in altro modo…difatti, se andiamo a far di conto, non c’è discrasia più ampia nei confronti degli italiani più indigenti che l’occuparsi innanzitutto degli altri che, per arrivare da noi, spendono delle vere fortune che, se rapportate alle vere necessità, nascondono delle scuse più becere, dei sotterfugi più squallidi, delle vere truffe, insomma… con 7000 euro, nel loro paese, potrebbero vivere da ricchi per 10 anni!!!…
Continue reading