Tra il dire e…

… il fare, c’è di mezzo il mare. Sperando che non siano solo parole e sperando che non presenti poi il conto. I rifugiati costano… poi, perchè solo siriani e non anche clandestini (di ogni razza e credo) e rom? Poi, chissà cosa accadrà al cattolicesimo… ma tant’è.
Siria, il Papa: “Conventi chiusi accolgano i rifugiati”. Il Pontefice in visita al centro Astalli di Roma: “I conventi dovrebbero servire alla carne di Cristo” di Chiara Sarra

Con l’acuirsi della situazione in Siria e degli sbarchi sulle coste italiane soprattutto di persone in fuga da Damasco, anche il Vaticano potrebbe presto aprire le sue porte a quelli che cercano asilo. “A cosa servono alla Chiesa i conventi chiusi? I conventi dovrebbero servire alla carne di Cristo e i rifugiati sono la carne di Cristo”, ha proposto Papa Francesco durante il suo discorso nel centro Astalli di Roma dove ha incontrato gli immigrati. “Grazie perchè difendete la vostra dignità, ma anche la nostra dignità umana”, ha detto il Pontefice nel suo discorso nella struttura dei Gesuiti che accoglie i rifugiati, “Non basta dare un panino, ma bisogna accompagnare queste persone”. Alla sua uscita dall’edificio che ospita sia il centro Astalli che l’attigua casa dei Gesuiti, Bergoglio è stato lungamente applaudito dalla folla.

Cristo si è fermato a Maaloula

E’ senza vergogna, il livello di servilismo dei giornalisti italiani al ‘progetto’ globale di annichilimento delle identità.Mentre migliaia di cristiani vengono massacrati in Egitto e Siria, mentre interi villaggi cristiani dove si parla ancora l’antica lingua di Cristo vengono occupati, le case e le chiese date alle fiamme e gli abitanti costretti alla conversione – … continua

Contento il vescovo di roma…

Musulmani recitano Corano a S.Pietro. Uniti alla preghiera di pace indetta dal Papa per la Siria

CITTA’ DEL VATICANO, 7 SET – Un gruppo di una decina di musulmani, tra cui siriani con le bandiere della propria nazione, ha recitato il Corano ai margini di piazza San Pietro, all’esterno delle transenne, unendosi cosi’ alla preghiera per la pace indetta da Papa Francesco. Per diversi minuti e’ stato recitato ‘Il capitolo delle stanze’, verso 13 del Corano. “In quel verso si parla di Allah, che ha fatto istituire un popolo e una comunita’ affinche’ possiamo conoscerci”.

Dei panni cenci contro quelli strappati

Non lasciamo Davide Romano da solo a difendere i bambini. È partita ieri, su Facebook, una campagna che si chiama così. Contiene una lettera pre-compilata da inviare al sindaco Giuliano Pisapia. È una risposta spontanea, nata in rete, ad uno dei casi più assurdi del cosiddetto “multiculturalismo” in salsa arancione milanese.  Condannare l’uso dei bambini-soldato è sempre stato un dovere morale. Nell’era dei social media, “Stop Kony”, la campagna contro il signore della guerra africano che rapisce i minori e li costringe a combattere nelle sue milizie, è stato il video più cliccato del mondo. Eppure un uomo, Davide Romano, a Milano, nel 2013, ha preso posizione realmente (e non su YouTube) contro un caso di incitazione all’abuso sui minori per scopi militari. Non solo non è stato accolto a braccia aperte dai salotti buoni del politicamente corretto. Ma ora è lui che rischia un processo, accusato di “istigazione all’odio razziale e religioso”. Come è possibile? È possibile perché l’uomo su cui Davide Romano ha puntato il dito è l’imam giordano Riyadh al Bustanji.
Nel 2012, Bustanji aveva raccontato, in un’intervista video, di aver incontrato un bambino di Gaza che «conosce a memoria il Corano e prega Allah di poterlo incontrare come un martire della Terra di Gerusalemme». Quel bimbo «è un gigante dei nostri tempi», spiega l’imam nel video . “Martire della Terra di Gerusalemme” sappiamo tutti cosa vuol dire: shahid, un suicida-omicida nel nome della jihad. Ebbene, Riyadh al Bustanji è stato invitato a Milano dal Caim, il Coordinamento delle Associazioni Islamiche Milanesi, a condurre la preghiera di oltre 10mila musulmani, all’Arena Civica, per la fine del Ramadan. Quando Davide Romano ha saputo dell’ospite e si è informato su chi fosse, gli si è ribaltato lo stomaco: «Mi aspettavo – ha spiegato, poi, in un’intervista – un racconto dell’imam in cui spiegava come ha fatto a far recedere il bambino da un proposito così folle. Qualunque adulto ragionevole l’avrebbe fermato. Invece no: di fronte a un bambino con propositi suicidi, l’imam inizia a esaltarlo». A questo punto, in veste di portavoce della sinagoga Beth Shlomo, ha preso carta e penna (cioè: un computer) e ha detto la sua. Davide Romano ha chiesto le dimissioni del coordinatore del Caim, Davide Piccardo. Perché, secondo quanto riferisce: «sostiene che l’imam non ha mai preso posizioni che contraddicano la nostra visione delle cose. Visto che le posizioni dell’imam sono registrate e pubbliche, delle due l’una: o nega la verità e quindi mente, oppure quelle parole sono coerenti con la sua visione dell’Islam». Se le dimissioni non dovessero arrivare, si chiede al sindaco Giuliano Pisapia «di interrompere ogni contatto con questa associazione (il Caim, ndr)». Anche in area di maggioranza, il vice-capogruppo provinciale Roberto Caputo (Pd) ha chiesto che «la giunta prenda le distanze da questo grave avvenimento».
La Comunità Ebraica milanese ha ricordato che «il movimento Hamas (al potere a Gaza, ndr) è stato riconosciuto una organizzazione terroristica dall’Unione Europea». Dunque anche dal nostro Paese. A nostro avviso il Comune di Milano ha sbagliato a partecipare a questa iniziativa per via della presenza di Al Bustanji. «Ci auguriamo che questa partecipazione sia dovuta a una svista. Per questo aspettiamo chiarimenti in merito dall’amministrazione comunale». Invece dei chiarimenti, l’unica risposta è stata (almeno finora) il silenzio di Pisapia. Chi invece ha parlato, a mezzo stampa, è Davide Piccardo, coordinatore del Caim. «Bustanji non ha mai inneggiato all’odio e tanto meno al martirio dei bambini – ha dichiarato Piccardo a La Repubblica – abbiamo dato mandato ai nostri legali di procedere per diffamazione e per istigazione all’odio razziale e religioso nei confronti di chi lo ha fatto».

L’imam del senato

Il messaggio. L’Imam Grasso parla ai fedeli: “Auguri, sono vicino a voi per il Ramadan”. Il presidente di Palazzo Madama su facebook: “Desidero rinnovare ai muslmani di Italia la mia vicinanza. E’ un momento di grande riflessione”

Pietro Grasso si scopre musulmano. Dopo il Ramadan l’“Imam Grasso” fa gli auguri su Facebook, come presidente del Senato, a tutti i musulmani d’Italia. “In occasione della ricorrenza dell’Eid, desidero rinnovare ai musulmani in Italia la mia vicinanza. Il mese del digiuno islamico ha sempre rappresentato un’occasione di profonda riflessione e di accrescimento spirituale dell’animo di ogni credente”.

Lezione di teologia – Poi Grasso dà anche una lezione di teologia: “Oggi più che mai l’uomo ha bisogno di riscoprire i valori che l’Islam, il Cristianesimo e l’Ebraismo custodiscono da secoli. La comune adesione a tali valori ci consentirà di abbattere il muro della divisione tra Oriente e Occidente, consegnando a noi e ai nostri figli una società libera dalle discriminazioni. Sono certo che il nostro Paese saprà accogliere con convinzione questa sfida, facendosi promotore di un sempre più fertile dialogo tra le diverse confessioni che convivono nel territorio italiano”.

Imam Grsso – Insomma Grasso diventa uno sponsor per i musulmani d’Italia. E probabilmente dopo la sua “professione di fede” dovrà anche ascoltare le richieste Chaouki, il deputato del Pd che ha chiesto una buvette e un Imam a Montecitorio per i musulmani che stanno in parlamento. Beh, a palazzo Madama l’Imam c’è già. Si chiama Grasso.

La Misericordia e la Pazienza. I Brutti, Sporchi e Cattivi.

Non sono ricco, ma non ho mai avuto invidia o rancore per i tanti ricchi che si sono costruiti il benessere con onestà. Ma sappiamo che per tante anime candide un ricco non entrerà mai nel Regno dei Cieli, anzi sarà buttato nella Genna con stridor di denti. Peste e corna, e via andare.
Ma sfatiamo la leggenda rossa che tutti i poveri siano Santi per il fatto di essere poveri.
Pinzillacchere, chiacchere, facezie. Come per i ricchi, ci sono tanti poveri onesti, ma anche tanti poveri infami ed abbietti, come mostrato dal film “Brutti, Sporchi e Cattivi” di Ettore Scola. O nei Miserabili e nell’ Opera da Tre Soldi. Peccatori infami, stupratori di parenti, tagliagole ed altre figure orripilanti.
Per i quali, continuare a parlare solo di Misericordia e Perdono può essere un discorso fuorviante e pericoloso. Dio Padre ci ama tutti, ed ha sacrificato Se’ Stesso per la nostra salvezza. Ma la Sua Infinita Pazienza non può essere scambiata per un via libera a 360° gradi. Per secoli Santi magnifici come San Giovanni Bosco, San Pio da Pietrelcina, sono stati inflessibili verso chi abusava della Misericordia. Bastava un loro sguardo, per condannare. Oggi, come allora, in certe zone d’ Italia e del mondo assistiamo quotidianamente ad abomini incredibili. Inenarrabili e sui quali sorvolo, per decenza. Logicanente, esultiamo quando un Figliol Prodigo si pente, ma sono casi rari, in un mondo dove il neo-materialismo ha messo in soffittà ogni umile Spiritualità, quella della Maestrina di Don Camillo o dei personaggi di “Cuore” (e chi lo legge più ????). Spiritualità delle piccole cose, il Crocefisso, il Velo, il Rosario, di quelle Preghiere fatte in Latino di cui, nonostante i mammalucchi odierni ed i Cattolici Adulti dicano il contrario, erano non solo capite dal Popolo, ma erano un vero viatico, insieme alla Liturgia, i Fioretti ed alle Vite dei Santi, per chi era umile, povero, ma soprattutto Timorato di Dio. Già, il Timor di Dio: chi lo insegna più, nè a scuola nè a dottrina. Con insegnanti e catechisti preparatissimi su accoglienza, ecumenismo e ciarpame vario. Meno sui Diritti di Dio (Giovanni Nigro, SUGARCO). E quasi nulla sulla Tradizione, sulla Liturgia, sul Sacro. Cose per la comprensione delle quali non ci vuole certo una Laurea Teologica, ma solo AMORE per quell’ Unico e Vero Dio, che i nostri vecchi possedevano. A dimostrazione che se allevati nella povertà veramente umile ma immensamente Nobile d’ Animo alla base della Famiglia Cattolica non minata alle fondamenta dal materialismo comunista e libertario, con solidi piedistalli nella Divina Provvidenza di manzoniana memoria (e chi lo insegna più, il Don Lisander, nelle scuole…), il seme genera sempre frutti. Ora ci vengono invece a dire che i ragazzi li terrorizziamo, con l’ Inferno, e che già hanno tanti compiti da fare, ed il tennis, la piscina, il calcetto, la gita a Londra. Gita per la quale i Brutti,Sporchi e Cattivi si indebitano, e pure l’ Ipad glielo devono prennere ar pupo. Magari facendo prostituire la sorella, o facendo spacciare il nonno. Tanto anche per i delinquenti c’è il perdono, ed un Don Gallo o Don Vitaliano pronto a colpevolizzare la società…
Siamo in momenti difficili, da anni ogni persona è violentata da immagini e messaggi allucinanti: per la strada dalle pubblicità ed a casa dalla televisione. Il sesso non è più un atto di solenne amore (volete farlo ? Fatelo nel Matrimonio, anche 10 volte al giorno, nessuno dice nulla, non siamo Protestanti sessuofobi, ecchècaspita !), ma qualcosa da consumare come un kebabbino volante. Ma sappiate che il sesso comporta il rischio (che splendido rischio !) di procreare. E che un bimbo di un giorno non si cancella con le mammane, i professori svizzeri e le boninate. Sappiate che l’ infedeltà è pura vigliaccheria, negazione della parola data. E comporta rischi peggiori, dall’ herpes al sifiloma. Arrivando all’ AIDS che ha ripreso a crescere, non solo in Africa.
Momenti pesanti: i Cattolici sono attaccati nei loro Valori in tutto il mondo, non credo che la Misericordia possa sempre portare Pazienza verso coloro che vogliano riconoscersi nella Unica Verità che è il Cristo. Il quale ci ricorda, anche le parole di recentissimi Pontefici, che la Nostra Fede ci lascia liberi, di aderire o meno. Non è un Dio della sottomissione che però promette vergini. Non è un Dio dell’ annullamento come Siddharta. Non è un Dio terrorizzante come quello propinatoci da Confucio o dalla Triade Indù. Ma è il Dio dell’ Amore che ha generato il Mondo. Ma che però incomincia ad averne le tasche piene. Ma piene piene. Dei ricchi e dei poveri Brutti, Sporchi e Cattivi. Sia che risiedano allo Sheraton sia che affollino Lampedusa, magari mischiati con gli sfruttati, ma con in saccoccia i loro dollari carpiti. E la Remissione è per MOLTI, non per TUTTI….

Dio c’è, ma l’ Inferno,pure.

Ufficio Postale, dicesi luogo dove capita di tutto, specie nei borghi e nei paeselli che frequento.
Oggi mi è successo di (come spesso mi accade, mi faccio sempre gli affari altrui…) ascoltare la vicina di sportello. Porella, brutta era brutta, ma almeno fosse stata buona…invece ce l’ aveva col marito (separato o divorziato, non so…) colpevole di non passarle più una lira, pensando alla sua nuova bella (Tina Pica sarebbe bastata…). Ma invece di rivolgersi ad un avvocato, la chiattona dichiarava urbi et orbi che prima o poi l’ avrebbe ammazzato. Dico proprio, mica pantomime o burlamacchi, ma così ! Al mio suggerimento di pensar all’ avvocato, neanche un pensiero. Evvabbè. Ma il fatto è che dopo l’ uscita della simpatica madama ammazzasette, lo stupore dei numerosi astanti era dato non dalla pseudominaccia maritocida, ma il mio commento, che più o meno avrebbe fatto piacere a Guareschi, sintetizzandolo così: “Il problema non è tanto la galera (paventata dai presenti alla pulzella), ma quello che vien dopo, l’ Inferno, che è eterno, orrendo e pieno. Da cui, poche menate, quando si è dentro non si scappa. Per sempre. Oh, dico per l’ ETERNITA !” . Ma a veder le facce che mi scrutavano, il matto dovevo esser io, non la minacciatrice scortese, perchè all’ alba del 2013 credo ancora a Messer Satanasso, Berlicche, l’ IraddIddio e la Genna e lo stridor di denti.
Poi alla sera, tutti davanti al TG a chiedersi perchè ci son terremoti, uragani e baruffe…

densità popolazione

Quando si pensa alla sovrappopolazione, di solito l’Italia, se paragonata all’America centrale e del sud, all’Africa e al Medio Oriente, non viene considerata fra i paesi più popolosi del mondo; anzi, stando ai mass-media l’Italia avrebbe una natalità in costante diminuzione. Niente di più falso. Stando ai dati dell’Atlante Geografico DeAgostini del 2003 (quindi la … continua

Ma chi consiglia il Cardinal Bagnasco ?

Mio Padre anni fa mi disse (erano gli anni ’70…) che una volta un sacerdote gli rifiutò la Confessione perchè Fascista. Però non andava a confessarsi nè tantomeno a fare la Santa Comunione in Camicia Nera.
Ma se un orgoglioso peccatore maschio si presenta ad un funerale vestito da donna ribadendo la confusione con testardaggine, perchè il presidente della CEI non lo caccia ? E perchè poi ha voluto celebrare un funerale laico, comunista ed antifascista di un prete che più volte si schierò contro il Magistero e la Dottrina della Chiesa ?

La società multietnica è fallita, ora ammettetelo

Dopo l’agguato di Londra i responsabili della sicurezza hanno messo in guardia sul pericolo emulazione. Uno scenario temuto perché difficilmente controllabile. Capiremo più avanti se anche l’episodio di Parigi rientri nello stessa «categoria» o se invece è il gesto di un folle. Intanto si possono indicare alcuni elementi. I bersagli: si tratta di militari, una … continua