Home » Archive by categorypolitica interna (Page 62)

L’istruzione in Carrozza

Ieri a Radio anch’io era ospite la ministra dell’istruzione Maria nonricordoche Carrozza.

Chiacchiera ne ha, da vendere.
Ma di tutte le sue parole mi ricordo tre temi.
Non ha voluto dire per chi voterà come segretario del suo partito.
Altamente diseducativo.
Così si insegna la furbizia per salire sul carro del vincitore sempre e comunque.

Continue reading

Tutti illegittimi tranne uno: il Cavaliere

La corte costituzionale sancendo l’illegittimità della legge elettorale che ha eletto i parlamenti del 2006, 2008 e 2013 nelle parti riguardanti il premio di maggioranza e le liste bloccate, produce effetti probabilmente non meditati dagli estensori della pronuncia.
Napolitano, eletto dal parlamento del 2006 e riconfermato da quello del 2013: tamquam non esset.
Continue reading

Sincronie sospette

La corte costituzionale ha bocciato la legge elettorale che ha eletto i parlamenti nel 2006, 2008 e 2013.Però ha concesso tempo due settimane prima di pubblicare le motivazioni.Grasso aveva appena minacciato di trasferire il dibattito sulla legge elettorale alla camera.Pare che i partiti stiano accordandosi per abolire il senato e procedere con una legge maggioritaria a doppio turno (pessima scelta: favorirebbe gli intrallazzi sotto banco tra il primo ed il secondo turno).
Continue reading

Guidiamo tutti la Ferrari e siamo tutti finti poveri

Con la tempistica di un razzo spaziale, il governo Letta ha varato l’ISEE, un nuovo marchingegno detto anche riccometro. Ma come? Siamo in braghe di tela, il paese è in decrescita recessiva, il benessere è finito, le nostre tredicesime verranno immolate all’altare di tasse rapinose che hanno tanti di quegli acronimi che non ci si sta più dietro e che succede?…
Continue reading

E noi continuiamo a sopportare ?

Grasso crede di essere il nuovo “Unto dal Signore” e si permette di alzare la voce “minacciando” di spostare la discussione sulla legge elettorale alla camera bassa (ma poi dovrà pur tornare a quella alta … alta … si fa per dire) se non verranno esauditi i desiderata del vecchio comunista che risiede al Quirinale.

Continue reading

Io voto perchè …

Negli anni settanta, durante una campagna elettorale, apparvero manifesti, studiati dal Partito Liberale Italiano, con una grande scritta: tu voterai liberale perchè.
L’idea era di produrre una seconda tornata di manifesti con tutti i perchè per cui si dovesse votare liberale.
Il vecchio PLI non ne ebbe il tempo perchè l’incivile comportamento dei comunisti, abituale in ogni elezione quando distruggono i manifesti altrui quando non cercano di impedirne l’affissione, aveva smontato la campagna con le aggiunte tramite bombolette di vernice, delle più improbabili offese.
Continue reading

Risus abundat …

La fotografia riprodotta è stata pubblicata oggi ne Il Giornale.
Si riconoscono i ministri Quagliariello, Lupi, Alfano, De Girolamo e Lorenzin, transfughi dal Centro Destra ma non dimissionari oltre all’ “imbucato”, non si sa bene a quale titolo, Schifani.
Ridono, forse compiaciuti per aver conservato la poltrona e chissenefrega se il governo di sinistra che loro sostengono assieme alle solite stampelle dei senatori a morte nominati da Napolitano ha ripristinato parte dell’imu 2013 come antipasto all’indigestione di tasse (rifiuti, sui risparmi, sulle case, sui redditi) che ci aspetta, nel dispiegamento della più feroce politica di repressione fiscale e di impoverimento sociale ed economico tipica dei regimi comunisti.
Continue reading

Grillo non é né identitario né sovranista

Con quella carta geografica dell’Europa sbarrata da una svastica, Grillo ha finalmente e definitivamente gettato la maschera. A tutta prima, senza aver letto il suo post credevo che  Grillo avesse  lanciato l’allarme nei confronti di una Ue legata alle oligarchie finanziarie. E siccome abbiamo detto dozzine di volte che il progetto europeo è totalitario,  pensavo si trattasse di questo.…
Continue reading

Nel Centro Destra non c’è posto per Alfano

Oggi un mio vecchio amico mi ha chiesto se volevo partecipare alla costituzione del circolo degli alfaniani a Bologna.
Naturalmente, conoscendomi da più di quaranta anni non è riuscito a finire la frase senza mettersi a ridere, tanto è assurda l’ipotesi, per chi mi conosce dai tempi del liceo, che io possa collocarmi a sinistra.
Continue reading

Occasione sprecata

La mozione di sfiducia individuale dei grillini contro la Cancellieri, al di là della inconsistenza e strumentalità delle motivazioni, poteva essere l’occasione per liberarsi dei “tecnici” rivelatisi peggio dei politici.
Via la Cancellieri e via Saccomanni con le loro pappagorge che danno proprio l’idea di come la casta esista solo per crapulare.
Continue reading