Home » Archive by categorypolitica estera (Page 4)

Basi elettorali

Se è vero quel che riportano i giornali (sono infatti sempre più convinto della inutilità dei giornalisti – e degli “esperti” – i cui commenti sono di una banalità che non si ritrova neppure al bar dello sport) c’è una analogia tra Trump e Marine Le Pen: la base elettorale.
Continue reading

Sperare nel meglio ma prepararsi al peggio

Marine Le Pen ed Emanuel Macron andranno al ballottaggio.
Tutti gli altri candidati socialisti, comunisti e gaullisti hanno invitato a votare Macron.
Come era prevedibile e come già accadde quando il padre della Le Pen affrontò al ballottaggio Chirac.
Solo che questa volta il candidato non è un gaullista, ma un esponente della sinistra, per di più manifestamente asservito alle consorterie di potere finanziarie e affaristiche europee e mondiali.
Continue reading

Un voto anche per noi

Per quanto non ami i francesi, il voto di oggi e il ballottaggio fra due settimane avrà influenza anche per noi Italiani.
La Francia ha sempre menato (ingiustificatamente) vanto di una sorta di autonomia, strettamente legata alla grandeur di De Gaulle.
Sconfitta sul campo, si è seduta per due volte al tavolo delle nazioni vincitrici grazie agli Inglesi e agli Americani, che l’hanno pure collocata tra le cinque potenze con diritto di veto nel consiglio di sicurezza dell’onu.
Continue reading

Il nemico del mio nemico,diventa mio amico

O, quanto meno, ha le mie simpatie.
A leggere le litanie degli organismi a libro paga della Spectre che trovano difetti di democrazia ogniqualvolta il risultato elettorale non è quello che volevano, Erdogan cresce nella mia simpatia.
Probabilmente non sono il solo a pensarla così, visto che Trump, nonostante i condizionamenti (ricatti ?
Continue reading

Ma quant’è forte la pressione delle consorterie ?

Due brutte notizie provenienti dagli Stati Uniti.Steve Bannon è stato rimosso dal Consiglio di Sicurezza Nazionale e Trump ha cambiato idea su Assad.Non credo che i fondamentali della politica di una persona settantenne come Trump possano cambiare nel giro di tre mesi, credo invece che le pressioni (e le minacce alle sue aziende ?) lo abbiano costretto ad abbandonare la (giusta) strada del dialogo con Mosca e Putin, per riprendere la vecchia e dannosa politica mediorientale che ha fatto nascere le repubbliche islamiche e l’Isis.Come è accaduto per Berlusconi, le pressioni arrivano direttamente dalla famiglia, infatti pare che sia stata la figlia con il genero a manovrare per eliminare dai giochi Bannon.Continuo a sperare che Trump possa rappresentare una rottura traumatica verso il passato, ma i due fatti elencati segnano, inevitabilmente, una battuta di arresto e due punti a favore della Spectre.…

Continue reading

Con Londra contro il soviet ad egemonia tedesca

Aria nuova in Europa.
La Brexit induce alla speranza che altri Popoli e altre Nazioni riescano a ritrovare la via della Libertà e della Sovranità, sganciandosi dall’esiziale giogo tedesco.
Sì, perchè appare sempre più evidente, soprattutto con l’uscita del Regno Unito unica Grande Potenza europea che potesse riequilibrare la strafottenza degli Schulz e quella, altrettanto nociva anche se coperta da una ipocrisia curiale, della Merkel, il soviet è ancora di più a guida tedesca.
Continue reading

Alleanza trasversale contro il soviet europeo

Con il Regno Unito che ha formalizzato la scelta di uscire dall’unione europea, si apre una nuova fase politica in cui i partiti e gli stati sovranisti hanno l’obbligo morale, per portare a compimento questa autentica rivoluzione di Libertà, di collaborare.
Non importa di come si chiamino i nostri compagni di viaggio, l’obiettivo è restaurare l’Europa dei Popoli e delle Nazioni, non quella delle consorterie di affari, della finanza e della burocrazia perfettamente rappresentata dal grigiore degli Juncker, Schulz, Tajani, Gentiloni e compagni.
Continue reading

L’Europa che vorrei celebrare

Ieri sono stati celebrati i sessanta anni del trattato di Roma che ha dato il via alla decadenza dei Popoli e delle Nazioni europee.
Tale celebrazione è perfettamente in linea con quelle che in Italia continuano ad essere promosse per “festeggiare” una cocente sconfitta militare.
Juncker e compagni si sono fatti benedire da Bergoglio nella loro missione di distruggere l’Eredità dei nostri Padri, sradicando i Valori e l’Identità dei Popoli e delle Nazioni europee con l’immissione massiccia di genti che nulla hanno a che spartire con la nostra Civiltà, la nostra Storia, la nostra Cultura, il nostro Sangue.
Continue reading

Una voce per gli Italiani

Mentre dobbiamo ancora riflettere e commentare con più elementi di conoscenza su quanto è accaduto a Londra, per restare in tema di politica estera annotiamo come gli stessi commentatori che nei tre dibattiti tra Trump e la moglie di Clinton avevano dato vincente costei, dopo il primo dibattito a cinque tra i candidati alla presidenza francese hanno decretato vincitore Macron, il beniamino delle consorterie, colui che, pur essendo stato ministro di Hollande, viene definito “di centro”, il beneficiario prima della campagna scandalistica con la quale hanno fatto fuori Fillon.
Continue reading

L’aggressione a Trump nasconde interessi mostruosi

Leggo che l’FBI, una volta scudo della Libertà, indaga sui rapporti tra il Presidente Trump e la Russia.
Sicuramente il tempo degli agenti federali americani sarebbe speso meglio se il Bureau si dedicasse alla caccia ai delinquenti, ai rapinatori, agli assassini seriali, ai terroristi, ma evidentemente quella che sotto Hoover era una Istituzione con la “I” maiuscola, oggi è semplicemente uno strumento ad uso di qualche abile manipolatore.
Continue reading