Home » Archive by categorypolitica estera (Page 2)

Paese che vai, Alfano che trovi

In quanto Italiani, siamo perfettamente a conoscenza dei voltagabbana di casa nostra, da Badoglio a Fini per scendere a Bondi e finire con Alfano, l’uomo senza quid (per otto anni ministro di tutto – Giustizia, Interni, Esteri e con un partito sotto il 3% e nel quale si farà fregare da Casini).
Continue reading

C’è ancora speranza per il futuro dei Popoli e delle Nazioni europee

Persino i tedeschi cominciano a stancarsi della Merkel.

Nonostante una campagna elettorale “uno contro tutti” e nonostante l’imbroglio finale tentato per convincere a votare Merkel (facendo presagire una riduzione del margine sui socialisti e quindi richiamando il famigerato “voto utile“) l’AFD, il partito “populista, razziste,xenofobo” ed al quale sono “imputate” venature “neonaziste” (che la sinistra trova in chiunque si opponga alla sua deriva morale, politica, economica e sociale), entra in forze nel parlamento tedesco.…
Continue reading

Nazionalismo speranza dei Popoli

Siamo ad un nuovo appuntamento, il quarto, con il voto popolare, quello strumento tanto inviso alla casta dei privilegiati da far dire ad un giornalista del Corsera a Sky tg 24 economia che Cameron ha fatto un grande errore ad indire il referendum che ha visto prevalere la Brexit.
Ecco come le caste dei privilegiati considerano il far votare, un errore e forse è per tale motivo che rinviano il voto in Italia nonostante un parlamento e un governo delegittimati dai troppi traditori che hanno cambiato casacca.…
Continue reading

Crema catalana

Confesso di aver sempre avuto simpatia per i nostri cugini Spagnoli e ancor di più per i Catalani sin da quando, non ancora tredicenne, sbuffando perchè avrei preferito la solita vacanza mare e monti, al seguito dei miei genitori, visitai Barcellona.
In seguito sono tornato in Spagna quattro volte.
Ovviamente non apprezzo la composizione trasversale del governo catalano, mai e poi mai sarei disponibile ad avere i socialcomunisti al mio fianco.…
Continue reading

Non si abbia paura della guerra

Quel grassoccio con l’aspetto di un domestico della commedia italiana che tiranneggia dei disgraziati in Corea del Nord ha lanciato un altro missile e noi cosa facciamo ?

Convochiamo un inutile organo dell’onu per parlarci addosso senza risolvere nulla.

Certa gente conosce solo il linguaggio del bastone e finchè ci limitiamo a parlare continuerà a tracimare.
Continue reading

I megafoni della manipolazione

Dalla serata di sabato 12 agosto, radio e telegiornali hanno ammorbato l’etere con una interpretazione faziosa e unilaterale dei fatti accaduti a Charlottesville, nello stato americano della Virginia.
Nei giornali radio della domenica addirittura la vicenda era definita come un’aggressione dei Suprematisti Bianchi, definiti neonazisti e razzisti, e del Klan contro una fantomatica marcia antirazzista.
Continue reading

Un governo da operetta

Nel suo editoriale domenicale il direttore de Il Resto del Carlino è stato sin troppo generoso con Gentiloni e il suo governo, parlando di “bluff”.
Il topolino partorito dopo le roboanti affermazioni sulla missione navale nelle acque libiche era atteso.
Quella che doveva essere la missione risolutiva per bloccare l’invasione, appare come l’ennesima bufala di un governo che riesce solo a produrre obblighi (sui vaccinj sottraendo i figli alla legittima potestà dei genitori), divieti (con leggi repressive della libertà ma solo degli Italiani) e sanzioni (per chiunque esprima opinioni che potrebbero stimolare una ripresa della Identità e dell Orgoglio Nazionale).…
Continue reading

I sottomessi

Lunedì mattina a Radio anch’io trattavano la questione delle nuove violenze a Gerusalemme.
Semplifico il tema, per come lo vedo io, perché non è la ragione del presente commento.
Gerusalemme è la capitale storica degli ebrei che furono dispersi dopo la ribellione contro i Romani.
Adesso è legittimamente la loro capitale.…
Continue reading

La bugia sull’isolamento di Trump

Il vertice G20 di Amburgo senza alcun epocale accordo.
Sul commercio, la dichiarazione finale contiene una petizione di principio per il libero scambio e un’altrettanto scontata e sacrosanta affermazione sul diritto degli stati di difendere la propria produzione dalle pratiche commerciali scorrette.
In parole povere se in Cina e altrove il costo del lavoro è un decimo di quello delle nazioni occidentali perchè c’è un regime tirannico che schiavizza i lavoratori e, quindi,i prodotti (peraltro di qualità inferiore) costano un decimo dei nostri, è legittimo imporre dazi che riequilibrino la concorrenza.
Continue reading

L’inutilità dell’unione sovietica europea

Sarebbe interessante conoscere il costo dei “vertici” dei capi di stato e di governo dell’unione sovietica europea.
Ventisette signori, compresa qualche signora, cui si aggiungono tre maggiordomi in livrea europea.
Per una parte dell’incontro è tollerata anche la May, la cui presenza è del tutto inutile, non perchè non potrebbe essere determinante, ma perchè non ha le palle per organizzare la fronda alla Merkel.…
Continue reading