Home » Archive by categorymagistratura (Page 5)

Stupro di gruppo

Dicono, il carcere non automatico non è buonismo… e, bontà loro, la colpa è delle donne che si fanno stuprare e, ci spiegano perchè sia anche giusto che i giudici valutino caso per caso… dopo aver letto quel mucchio di stronzate, auguro a chi la pensa come gli articolisti una sola cosa.…
Continue reading

Le specie protette: gli assassini extracomunitari

Kabobo ha ucciso tre persone a colpi di piccone. Ma per gli esperti non è capace di intendere Secondo gli psichiatri che dal 6 giugno lo seguono il ghanese sarebbe incapace di intendere e di volere. Per questo, oltre al carcere, potrebbe addirittura evitare il processo di Franco Grilli

L’orrore compiuto da Mada Kabobo, il ghanese che l’11 maggio scorso a Milano ha ucciso tre persone a colpi di piccone, è ancora davanti ai nostri occhi.

Continue reading

Le specie protette, i gay e le lesbiche

 Prima questa notizia e poi il post di Nessie.
La legge pro gay è illiberale. Perché ci serve una norma speciale a tutela dei gay, degli islamici o dei neri e non degli anziani o degli indigenti? di Marcello Veneziani

Ci sono due precise ragioni contro la legge sull’omofobia e non c’entrano affatto né l’omofobia né l’omolatria, ossia il culto dei gay, che è oggi tendenza assai più pervasiva dell’altra.

Continue reading

Stupro di gruppo… diamogli anche la medaglia

Stupro branco, si misure diverse carcere. Legittimita’ costituzionale sollevata da tribunale Salerno

ROMA, 23 LUG– No alla sola custodia cautelare in carcere per il reato di violenza sessuale di gruppo se il caso concreto consente di applicare misure alternative. Lo ha stabilito la Consulta che ha dichiarato l’illegittimita’ costituzionale dell’articolo 275, comma 3, terzo periodo, del codice di procedura penale.

Continue reading

Magistratura italiana

Ecco la giustizia all’italiana: a casa un altro pirata della strada. Ieri ai domiciliari il marocchino che ha ucciso una ragazza a Milano. Oggi un albanese che ha ridotto in fin di vita un 14enne di Varese. Ma è giustizia? di Libero Pennucci
Un altro “pirata” scarcerato e mandato ai domiciliari a tempo di record.…
Continue reading

Del fare pena…

Caso Kyenge, Calderoli indagato per diffamazione. “Diffamazione aggravata dall’odio razziale”: con quest’accusa Roberto Calderoli è formalmente indagato dalla Procura di Bergamo. Kyenge: “Ho accettato le scuse” di Raffaello Binelli
Adesso il “caso Kyenge” finisce in tribunale. Il senatore Roberto Calderoli, al centro della polemica per una frase pronunciata sabato sera a Treviglio sul ministro Kyenge, paragonato a un orango, dovrà vedersela coi magistrati.…
Continue reading

Giustizia (e magistratura) giusti.

Rapì e uccise il figlio di un industriale. Libero senza essere mai stato in carcere. Giovanni Di Pietro, classe ’56, venne condannato a 30 anni ma la sentenza non gli è stata mai notificata: ora è estinta

CATANIA – Venne condannato a 30 anni di carcere per aver rapito e ucciso, nel 1978, Franz Trovato, il figlio 26enne di un facoltoso industriale catanese, ma la sentenza non gli è stata mai notificata.

Continue reading

Magistratura…

Se per la giudice la frode fiscale vale più di 4 donne violentate. La vera storia del maniaco ancora in libertà: la magistrata non ha avuto il tempo di scrivere le motivazioni. Era impeganata ad accelerare il processo contro Berlusconi di Luca Fazzo

Di qua il processo lampo a Silvio Berlusconi.

Continue reading

L’orco che accompagna i bambini

Patteggiò per abusi su minori, ora il prete accompagna i ragazzi dell’oratorio in gita. Polemiche nel bergamasco per la decisione di invitare don Luigi Mantia alla vacanza in montagna dell’oratorio di Casirate d’Adda di Luisa De Montis

A febbraio ha patteggiato due anni per abusi su minori, ma la pena è stata sospesa e don Luigi Mantia è stato mandato a Pumenengo (Bergamo) in una parrocchia rimasta senza parroco fino a settembre.

Continue reading

Su magistratura, carceri e amnistia

Amnistia e guerra togata di Davide Giacalone
L’amnistia trova uno sponsor eccellente, il ministro della giustizia. Non mi scandalizzano né l’ipotesi (a favore della quale i radicali conducono una coerente campagna) né l’altolocata adesione. Ma supporre di usare quello strumento per rimediare al sovraffollamento carcerario è, al tempo stesso, un errore e un’illusione.…
Continue reading