Quei destri nemici della Destra.




Da anni combatto la mia personale battaglia, all’ interno della variegata galassia della Destra, contro il grande cancro generatore di mostri che è Friedrich Nietzsche. Nemico assoluto del concetto Cattolico del Dio Vivente, anarco individualista che pone l’ Uomo al centro del Pensiero. Oggi aggiungo volentieri un altro generatore di mostri, quel René Guenon che attira alcuni verso l’ Islamismo filosofico, teosofico e magico, portandoli all’ apostasia. Decisamente Cattofobi, protetti dalla Taikya/Tukjia (dissimulazione).


Certo, sono pochi, ma fanno danni.

Domani, all’ Angelus…

Scusate se mi ripeto, sono pesante, noioso…
Ma secondo voi, domani, a mesdì (milanese, non arabo…mezzogiorno…) condannerà il Terrorismo di Matrice Islamica ? Oppure il Terrorismo Stragista (fuorviante ed in voga a sinistra). Oppure il Terrorismo (generico) ????
Ma vogliamo dirle, quelle paroline ?

TERRORISMO ISLAMICO.

Oggi piangiamo. E poi ?

Piangeremo i nostri morti. Qualche prete ci  ammonirà, pregando per il dialogo interreligioso, nel nome dell’ ecumenismo. Francesco condannerà un “vago terrorismo” senza aggiungere “islamista”. Qualche politico ci insegnerà la bellezza della democrazia laica, contro l’ oscurantismo religioso. I Centri Asociali daranno la colpa ad Israele, bruciandone la bandiera, con quella americana. La Boldrini esalterà l’ antifascismo, Saviano darà la colpa a Salvini, Fedez e J-Ax faranno una canzone, “Basta populismo, zio !”.
Eppoi, funerali di stato, e bla bla, per questi che erano solo lì a lavorare, non a giocare a fare le velate rapite e rilasciate. Bandiere, discorsi vuoti, famiglie in lacrime.

Già, ma poi ? Ritorneremo a parlare di islàm moderato, di islàm religione di pace, ospitare barbuti ed irriverenti islamici a “Quarto Grado”, a farci insultare, “bastardipopulistiomofobi” che non siamoaltro ! Nelle moschee continueranno a predicare in lingue incomprensibili. Nei Nostri Oratori troveremo una copia del corano, in Chiese moderniste faremo parlare gli imàm, nel segno del Dio comune (comune una cippalippa, ebbasta ! ). Toglieremo il Crocefisso dalle Nostre Scuole, metteremo il velo alle nostre bimbe per non offenderli.
Già, chi siamo, noi, per giudicarli ? 
Chi siamo noi, per arrabbiarci ?

Forze davvero Poco Speciali…

In certi paesi mi fan più paura le locali Teste di Cuoio che i Terroristi.
Sto vedendo le foto di Dacca: ma che precisione puoi avere con un AK 47, al massimo fai una strage. E tale è stata !

Milano, arabia.

Ieri al ballottaggio a Milano hanno partecipato spontaneamente al voto anche alcune donne diversamente credenti…
Eccole in coda ai seggi.

Don Babbalone, Episodio 8: le promesse elettorali del PD.

Don Babbalone, Parroco di Vattelapesca è felice: ha appena saputo che i candidati sindaci del PD hanno ricevuto notizia da Renzi che, in caso di vittoria ai ballottaggi di domenica 19 giugno, riceveranno finanziamenti destinati a mettere luci e lampioni nei campi dei loro comuni. Ha subito allestito la solita riunione di part…scusate, di Parrocchia, annunciando la bella notizia, sicuramente destinata a rendere più sicure le località. Inoltre ha pensato che, con i campi illuminati, potranno essere garantite feste ecumeniche destinate al finanziamento di nuovi Centri Interreligiosi dove proseguire il dialogo coi fratelli musulmani. Con speciali magazzini dove, non più necessarie per via delle luci, i fratelli potranno accumulare le tante candele in loro possesso di marca TNT (Tutti Nati Tolleranti ?).

Ma, come quasi sempre, a rovinare la festa, è apparsa la vecchietta degli episodi precedenti, portando il foglio 2 della notizia, rimasto nella macchina FAX, che precisava che la luce nei campi sarà messa per poter lavorare anche di notte, in particolare per potere accedere al nuovo prestito pensionistico in programma di governo.

Don Babbalone, imbronciato, è stato visto allontanarsi canticchiando “Bella Ciao” e slogan del tipo: “Macchina faxxista, sei la prima della lista !”.

Il Profeta ed il giovane efebo Zahid.

Ma all’ ISIS che dicono dell’ Hadith 12.669, detto di Musnah Amad ?
Che dicono del giovane efebo Zahid ed il Profeta ?
Mica lo dico io, ma lo ricorda Vittorio Messori nel Timone di Maggio…pag. 64.

Quel Cassius Clay che disprezzava i bianchi…

Cassius Clay, renitente alla leva come molti partigiani, apparteneva alla Nation of Islàm: “….Allo scopo di ripristinare questo status la NOI si prefigge l’obiettivo di creare all’interno degli Stati Uniti una nazione esclusivamente nera filo-islamica….”. 
Che propaganda la superiorità della razza negra.
Posso dire che mi era cordialmente antipatico ?

Tutto il mondo contro l’austria… noi no!

Santa Austria, speranza d’Europa  – San Fedele – (un tempo, era l’anniversario di nozze dei miei Genitori. Poi, Papà è andato nel Mondo a fianco… ) – a casa, a Taurianova di Nino Spirlì

E, allora, non siamo pazzi, noi, i sognatori della Destra italiana! E non siamo i soli, da Capo Nord a Lampedusa, a sapere che esista un’Europa che si è rotta le balle di essere invasa e conquistata viscidamente  dall’islam. Anzi, dal Nazislamismo, come lo definisce nel suo eccellente saggio giuridico lo scrittore e Maresciallo dell’Arma Riccardo Prisciano (peraltro punito per islamofobia dai suoi superiori). L’Austria, il suo Popolo, ha scelto di confermare la propria lucidità mentale ed intellettuale. Il proprio rigore civile. La propria appartenenza. La Storia dell’Occidente e la Fiducia in un futuro libero e democratico. E, non ultima, la Fede nel Figlio di Dio, Salvator Mundi. Gesù di Nazareth.

Lo ha fatto esercitando il nobile diritto al voto. Entrando nel seggio elettorale, scegliendo di accettare la scheda e segnare con una X la propria scelta. Quella giusta. La stessa che, mesi fa, fecero i nostri cugini Francesi, premiando Marine e Marion Le Pen. Il Loro Amor di Patria. Il coraggio, la tenacia, la chiarezza delle idee e delle decisioni. La difesa dei diritti della gente comune e non delle lobbyes che si stanno arricchendo con gli sbarchi e la falsa accoglienza. Anche i tedeschi, alle ultime tornate amministrative, hanno dato un paio di bordate alla insopportabile extracurvy al gusto di birra, quella Merkel che ridacchia di noi e cerca di farci diventare una sorta di budello pieno di immigrati che nessun altro Paese europeo vuole. Né l’Austria, né la Francia, né la Spagna (che gli spara sui gommoni), né l’Ungheria, la Germania, la Macedonia, la Bulgaria, la Grecia stessa, né i Paesi del Nord Europa, che, adesso e finalmente, li risputano per via aerea… Continuo?

Insomma, siamo i soli, assieme a quei fintoni dello Stato della Città del Vaticano, col loro monarca dalle scarpe sfondate e il cuore marxista, a farci invadere dai migliori attori 2.0. Piangono, piangono, si disperano sui barconi massomafiosi. Ma, appena toccata terra (nostra), cominciano ad urlarci in faccia pretese assurde e minacce. E rubano, ammazzano, spacciano, e, quando sono in festa, sgozzano povere capre sui balconi di casa o in mezzo alla strada. Senza che un solo pezzo di fango animalista e pacifista scriva una sola riga contro quella porcheria. Mentre il mio agnello pasquale me lo avvelenano con le campagne stampa stracolme di foto melense di bambini e capretti intrecciati in grovigli d’amore da immaginetta da beghina. La speranza, oggi, fiorisce a Vienna! Se, al secondo turno, Norbert Hofer, Leader indiscusso del Partito della Libertà, attualmente primo assoluto nella classifica dei più votati col suo 35% e più, vincerà le presidenziali austriache, avremo un bell’esempio da seguire. Una virtù da emulare! Speriamo che il miracolo avvenga. Che i nostri ritrovati Amici Austriaci, fieri difensori della nostra Storia, si uniscano nel voto e ci regalino un Presidente in cui ci riconosceremo anche tutti noi che, Fratelli di Oriana, ne benediciamo profezie e speranze. Per gli invasori non sarà una buona notizia, ma per chi spera di poter dare un futuro cristiano, libero e democratico ai propri figli, sì. Dio lo voglia! (anche se il papa cattolico rema contro). Fra me e me… In cammino verso la Chiesa d’Oriente…