Home » Archive by categoryimmigrazione (Page 7)

Mille volte meglio Orban di tutti i Gentiloni italiani

È umiliante per ogni vero Italiano ricevere le giuste reprimende di austriaci e ungheresi e poi ascoltare le patetiche scuse di Gentiloni.Proprio esponenti del governo italiano hanno per primi minacciato la chiusura dei porti e adesso che ci viene consigliata, fuggono inorriditi, dimostrando l’inesistenza di qualsivoglia dignità.È evidente che la questione immigratoria non si risolve mandando i clandestini in giro per l’Europa e neppure lasciandoli sciamare sul territorio nazionale, imponendone la presenza, con la forza, alle comunità locali che legittimamente si ribellano alle imposizioni prefettizie.Il blocco navale dell’Africa, il respingimento, la chiusura dei porti e il raduno, di chi ancora riuscisse ad arrivare, in un’isola in attesa di rimpatrio, sono le uniche soluzioni degne di uno Stato con la “S” maiuscola.Ma chi oggi è al governo non ha la dignità di procedere con determinazione e preferisce reagire ai logici e legittimi suggerimenti, strillando come una verginella offesa.Allora, se non facciamo nulla per impedire ai clandestini di arrivare sulla nostra terra, anzi offriamo loro il trasporto, vitto, alloggio, cure, istruzione e persino la cittadinanza, fanno benissimo governi con ben altra spina dorsale a proibirne l’accesso sul loro territorio, lasciandoceli godere tutti a casa nostra.…

Continue reading

Istituzioni allo sbando

Che oltre 500 parlamentari abbiano cambiato casacca nel corso di una sola legislatura, senza dimettersi, è una indegnità che grida vendetta.
Ma la colpa non è dei singoli che, tenendo famiglia, cercano prima di tutto di salvaguardare il loro fondo schiena (semmai saranno da valutare degni o meno di riconferma da parte degli elettori) bensì di una legge costituzionale che alimenta, favorisce e protegge simili voltagabbana.

Continue reading

Su certe scarcerazioni…

Poliziotto accoltellato in Stazione Centrale, scarcerato l’aggressore. Il 31enne della Guinea adesso ha l’obbligo di firma
Milano, 19 luglio 2017 – È stato scarcerato con obbligo di firma S.M.D., il 31enne della Guinea che due giorni fa ha aggredito con un coltello un poliziotto all’esterno della Stazione Centrale, mentre con altri agenti tentava di bloccarlo.…
Continue reading

Ius soli:non abbassare la guardia

Gentiloni, come già fece davanti al referendum della cgil, si è ritirato dalla battaglia sullo ius soli.
Ma la vicenda dei voucher, reintrodotti appena passato il periodo referendario, ci dice che non possiamo fidarci.
Un colpo di mano è sempre dietro l’angolo, soprattutto quando hanno la scusa dell’intervento umanitario e i preti di Bergoglio pronti a dare l’assoluzione per qualsiasi nefandezza sia commessa nel nome dell’accoglienza, tanto che uno di loro apostrofa come “prepotenti” gli Italiani contrari allo ius soli.

Continue reading

Faranno la fine di Ceausescu

Le proteste contro l’imposizione dell’accoglienza di clandestini in Sicilia, Abruzzo, Lazio, che si aggiungono a quelle di Veneto e Lombardia sono la punta di un iceberg più grosso di quello che si è staccato dall’Antardite.
Renzi, Bergoglio, la Boldrini che vogliono imporre l’accoglienza e una legislazione invisa a gran parte degli Italiani, credono di poter così “educare”, con la forza, da parte dei prefetti, la loro visione assolutista, totalitaria ed a senso unico.

Continue reading

Vacanze con sogno

Prima notte di vacanza e primo sogno roseo.
Gli Italiani, all’ennesima presa per i fondelli del governo di sinistra consisente in un aumento del debito pubblico per pagare i costi di accoglienza di decine di migliaia di clandestini, finalmente si ribellano.
Prendono d’assalto gli hotel a cinque stelle dove i clandestini sono alloggiati come satrapi a spese nostre, requisiscono tutte le navi delle ong dove caricano tutti gli immigrati e li riportano in Africa, chiudendo quindi ermeticamente ogni porto di partenza.

Continue reading

L’uomo venuto dal Kremlino

Alla fine degli anni sessanta (o primi settanta) Anthony Quinn fu protagonista di un film che Bergoglio, Galantino e i loro sodali dovrebbero guardare attentamente perchè ne avrebbero solo da imparare.
Il film era “L’uomo venuto dal Kremlino” ed era tratto da un romanzo di Morris West.
La trama, molto semplice e perfettamente parametrata sull’epoca della guerra fredda, quando il comunismo sembrava inarrestabile, narra di una crescente tensione tra l’Occidente e la Russia, con una Cina sempre più povera, affamata, che si affacciava con il suo miliardo (allora) di persone sulla scena mondiale.

Continue reading

Bonino e gli immigrati

Ho trovato un commento interessante su un post di Maurizio Blondet che trattava altro argomento. E rendetevi conto, qualora non lo avreste già fatto, in che mani siamo…
La senatrice Emma Bonino è ora impegnata nella raccolta delle firme per la legge di iniziativa popolare, dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”.
Continue reading

La bugia sull’isolamento di Trump

Il vertice G20 di Amburgo senza alcun epocale accordo.
Sul commercio, la dichiarazione finale contiene una petizione di principio per il libero scambio e un’altrettanto scontata e sacrosanta affermazione sul diritto degli stati di difendere la propria produzione dalle pratiche commerciali scorrette.
In parole povere se in Cina e altrove il costo del lavoro è un decimo di quello delle nazioni occidentali perchè c’è un regime tirannico che schiavizza i lavoratori e, quindi,i prodotti (peraltro di qualità inferiore) costano un decimo dei nostri, è legittimo imporre dazi che riequilibrino la concorrenza.

Continue reading

Effetto serra nella testa di Renzi

Renzi è il tipico esponente di quei cattocomunisti che nella democrazia cristiana esprimevano opinioni in base alla platea, alle circostanze, alla convenienza.
Non ha idee sue, tranne la maggior gloria di se stesso.
Gioca quindi a tutto campo.
Lui vorrebbe che tutti, a Destra come a sinistra, si riconoscessero nella sua guida.

Continue reading