Home » Archive by categoryeconomia e finanza (Page 3)

Con Trump contro l’ipocrisia del soviet europeo

Il coro di stampa, radio e televisioni, megafoni della consorteria affaristico e finanziaria che vuole dominare il mondo, ha intonato l’ennesimo anatema contro il Presidente Trump per l’ipotesi, ventilata da un quotidiano americano, di colpire con dazi doganali un centinaio di prodotti europei, come ritorsione verso il blocco delle importazioni delle carni di manzo americane.

Continue reading

I bulli si rivelano sempre i più codardi

Il governo fotocopia ha calato le braghe sui voucher o buoni lavoro.Prima, come un bullo, arrogante e prepotente, amplia la portata di un servizio, inventato dal governo Berlusconi, poi, dopo la sconfitta al referendum del 4 dicembre (che equivale ad un bullo che prende una sonora legnata dalle sue vittime) si spaventa per il referendum della cgil e scappa dal confronto.Lasciando sul campo migliaia di utilizzatori (come committenti e come prestatori) che non avranno che una duplice scelta: rinunciare (i committenti) a chiamare i prestatori che quindi perderanno una fonte di reddito oppure chiamarli in “nero”, con tutti i rischi del caso ma anche senza alcun incasso per lo stato.Un grande affare, veramente !Mi domando anche come, simili codardi, possono difenderci dalla invasione degli immigrati o, anche, dai delinquenti che entrano nelle nostre case.Infatti non ci difendono, guardano da un’altra parte e, anzi, se la prendono con chi si difende.…

Continue reading

Silenzio sospetto sulla manovra economica

I media servi del potere oltre ad imbavagliare, tacendo, sulle iniziative della Lega e di Fratelli d’Italia, hanno steso il loro velo servile di silenzio anche su quella che dovrà essere la manovra economica per recuperare i famosi 3,4 miliardi che “ci chiede l’europa”.
Il silenzio è sospetto e non è foriero di buone notizie per i nostri redditi, i nostri risparmi le nostre proprietà.

Continue reading

Eutanasia coatta

C’erano una volta i nostri vecchi.
Onorati, rispettati, accuditi.
Poi arrivò il ’68 e tutto sembrava dovesse essere realizzato in funzione dei giovani.
Con le varie crisi economiche a pagare il prezzo più alto sono state le pensioni (tranne quelle della nomenklatura di stato).
Adesso leggo una aberrante ipotesi per ridurre le tasse ai neoassunti anche eventualmente aumentandole ai più anziani.

Continue reading

Il partito delle tasse

Sfruttando e forse travisando un intervento di Bill Gates, il partito delle tasse si è scatenato per trovare il sistema di mettere le proprie mani adunche su chi produce e utilizza macchinari e sulle cosiddette grandi multinazionali (Google, Amazon, Apple etc.).
Contrariamente al tono di voce apparentemente tranquillo un certo Boccia, ovviamente di sinistra (pci/pds/ds/pd) e che sarebbe presidente di una commissione economica alla camera, appare spesso a TG 24 economia per dichiararsi pronto a introdurre una normativa che consenta il prelievo su tali aziende, ma anche sugli autisti e la società Uber.

Continue reading

La normativa fiscale specchio di una società malata

Quando il Centro Destra tornerà al governo, avrà un’agenda densa di argomenti scottanti e che segnano una profonda differenza con la sinistra.
Tra questi il tema fiscale sarà centrale e non solo per l’abolizione delle aliquote e delle varie forme di tassazione per sostituire tutto con una flat tax agile e che tenda a ridursi progressivamente, ma anche per la cancellazione di tutte quelle normative fiscali che danno da mangiare a commercialisti, avvocati, caf e patronati, ma fanno impazzire, impedendo loro per la mancanza di chiarezza di rendere le dichiarazioni in autonomia, i cittadini.

Continue reading

A caccia di soldi

I giornali e telegiornali proni davanti ai poteri delle consorterie e del soviet di Bruxelles e per questo sostenitori tanto del “rispetto” dei parametri imposti al bilancio, quanto del governo imposto da Mattarella dopo i tre imposti da Napolitano, fanno a gara per dire che, con un bilancio come quello dell’Italia, 3,4 miliardi di euro sono una bazzecola.

Continue reading

La storia infinita

In principio furono Amato e Ciampi (una coppia specializzata nel depredare gli Italiani), con l’Isi, Imposta Straordinaria sugli Immobili, poi trasformata in ICI (Imposta Comunale sugli Immobili).
Prodi ci mise lo zampino con la rivalutazione del 5% delle rendite catastali, aumentando così le rendite, sì ma dello stato, ancora una volta depredando gli Italiani.

Continue reading

Invece di stringere nel pubblico penalizzano il privato

Con un acume che rasenta il premio Nobel (di quelli concessi ad Arafat, Fo od Obama, ovviamente …) il presidente dell’Inps Boeri, dopo aver fatto pubblicare le statistiche dove si rileva come i dipendenti pubblici siano più cagionevoli di salute (e di molto !) dei dipendenti privati, ammalandosi maggiormente al lunedì, oltre ad utilizzare quattro volte di più le giornate ex legge 104/92, trova la soluzione nell’equiparare le ore di reperibilità tra pubblico e privato.

Continue reading

A spese nostre

Quando aprimmo questo blog, gli omolatri ci dicevano: ma cosa costa a voi accettare gli omosessuali ? Nulla, perchè nulla viene chiesto, si rispondevano da soli.
L’inchiesta pubblicata da La Verità di venerdì 10 febbraio, di cui riproduco il titolo di prima pagina, smentisce definitivamente tali affermazioni.
Il “matrimonio” omosessuale costa, eccome, al contribuente Italiano.
Continue reading