Home » Archive by categoryeconomia e finanza (Page 15)

Nani e ballerine contro la privatizzazione Rai

Dalle colonne dei giornali e nelle interviste nei giornali radio e tv, compaiono attori, soubrettine, giornalisti che difendono la Rai pubblica il giorno dopo a quello in cui Saccomanni ne dice una giusta: privatizzare due reti Rai.
Beh, forse non è giusta per intero ma solo per due terzi, ma dall’agente delle tasse imposto a Letta dalla Merkel è già molto.
Continue reading

Paga e TASI ! (ovvero La danza degli acronimi)

Confesso che nel valzer degli acronimi propinati dalla nuova legge finanziaria di Letta, non ci ho capito nulla. Parlo di Tares, Tarsu, Trise, Tari e Tasi. Ci capite qualcosa? Ogni quotidiano fa a gara nel pubblicare quadri riassuntivi, specchietti sinottici dove si tenta di spiegare le varie sigle con relative aliquote, ciascuno in modo diverso dall’altro.    Personalmente, capisco solo che hanno fatto finta di toglierci l’IMU sulla prima casa, per poi metterci di colpo tre o quattro altre tasse alla volta.…
Continue reading

Disinformazione di regime ridicola e dalle gambe corte

Il Resto del Carlino è il quotidiano che, da sempre, entra in casa mia.
Lo comprava mio padre, ho continuato a comprarlo io e, nonostante tutto, continuerò a farlo per la cronaca di Bologna e del Bologna, visto che le alternative con cronaca locale (Repubblica e Corsera) sono addirittura peggio.
Il quotidiano con la lettura del quale sono cresciuto aveva la direzione di un Grande come Girolamo Modesti che rappresentava la vera alternativa e opposizione alla giunta comunista di Bologna, oggi, però, è veramente caduto in basso.
Continue reading

Le fantasie di Letta

” E’ una legge di stabilità che per la prima volta abbassa il debito, abbassa il deficit, abbassa la spesa primaria e abbassa un pò di tasse …”.
Peccato che aumenti, molto di più, altre tasse.
Molti ricordano Prodi che, vinte (?) le elezioni del 2006, come primo provvedimento mise le sue mani adunche sulle aliquote di Berlusconi che ci avevano realmente abbassato le tasse senza aumentare altre tipologie di imposte e a gennaio 2007 ci trovammo tutti con qualche decina di euro in meno.
Continue reading

Alfiniani d’America e d’Italia

Il voltafaccia di un centinaio di rappresentanti repubblicani alla camera bassa, ha impedito il fallimento dello stato federale.
Sarebbe stato non solo la ciliegina sulla torta del fallimento di otto anni di presidenza Obama, ma anche un fortissimo segnale di inversione di tendenza contro la spesa pubblica in tutto il mondo.
Continue reading

In mutande alla cipriota

Ormai arrivano quasi quotidianamente solo gragnuole di pugni così violenti e rapidi che i cittadini, non hanno nemmeno più il tempo né la forza di reagire. O di rendersi conto cosa piove loro addosso. E questo sia a livello nazionale che a livello internazionale. L’ultima, è la proposta choc della commare secca (secondo un sonetto di Gioacchino Belli, la morte).…

Continue reading

A come Alitalia

Nel 2008 Berlusconi vinse le elezioni con due formidabili cavalli di battaglia: l’abolizione dell’ici e l’italianità di Alitalia.
Ambedue gli obiettivi raggiunti.
Favorevolissimo all’abolizione dell’ici, ero e resta contrario al “salvataggio” di Alitalia.
Fu un bagno di sangue, scorporando il marcio dal buono e solo questo fu ceduto, per un tozzo di pane, a imprenditori privati.
Continue reading

Lettera ad Attilio Befera

Egregio dott. Befera,

con il termine egregio, non intendo lusingarla, ma ricordare che di egregio lei possiede lo stipendio (456.733, 00 euro all’anno), che lo seleziona drasticamente dal branco di noi comuni mortali contribuenti. Capisco che lo stipendio uno deve anche sudarselo e che per giustificarne l’entità lei ha deciso in un sol colpo, manovrato dai suoi padroni di riferimento,  di :

  • Far fallire lo stato
  • Far fallire le industrie e desertificare il Paese,  gettando nella disperazione e inducendo al suicidio tanti nostri validi impreditori.

Continue reading

Vogliono mettere le mani sui nostri risparmi

Leggo un lancio di agenzia: “Camusso: tagli sulle tasse o mobilitazione generale“.
La Camusso è la segretaria generale della cgil, il sindacato comunista.
Uno ingenuo potrebbe pensare: che i comunisti si siano convertiti alla Libertà economica, alla difesa del risparmio, della proprietà, dei meriti, delle capacità ?
Poi leggo un articolo che conclude con la dichiarazione della stessa Camusso secondo la quale la Legge di Stabilità deve portare un taglio della tassazione su stipendi e pensioni, altrimenti “saremo costretti a riaprire una nuova stagione di mobilitazione unitaria …Questo sarà il punto dirimente, la misura di giudizio del provvedimento … Il dibattito attuale non ci convince.
Continue reading

Saccomanni

Ma qualcuno crede veramente che Saccomanni molli la poltrona facendo felici sessanta milioni di Italiani ?

Entra ne

Continue reading