Home » Archive by categoryeconomia e finanza (Page 14)

Contro tasse e burocrazia

Le tasse di uno stato predone e inefficiente hanno da tempo superato l’argine del legittimo e del sopportabile e solo un Popolo abituato ad obbedire non si è ancora rivoltato come avrebbe dovuto, forse anche perchè nessuno ha ancora incarnato lo spirito della ribellione, proponendo adeguate garanzie e solidarietà a chi protesta e spingendo sull’acceleratore della protesta.
Continue reading

Tares e imu

La Camusso e i suoi seguaci ripropongono la patrimoniale.
Quei tre sul palco di Sky le vanno dietro.
Ma dopo aver pagato imu e tares, sarebbe da domandare, anche agli elettori comunisti, se non ritengano di aver già pagato una salatissima patrimoniale.
Non riuscirò mai a capire chi continua a votare a sinistra pur venendo depredato e spogliato come un carciofo. 

Entra ne

Continue reading

Almeno fateci i conti e inviateci i moduli

Mentre Alfano ride con i suoi compagni e cerca di indovinare, per compiacerlo meglio, dove voglia andare Matteo Renzi, l’annunciato nuovo padrone del partito comunista, il governo di sinistra continua nella sua politica predatoria, ligio agli ordini della Merkel e delle consorterie finanziarie internazionali che hanno ottenuto l’allontanamento di Berlusconi, critico verso l’euro ed unico vessillifero per il recupero della nostra Sovranità, dal parlamento.
Continue reading

IUC, basta la parola

Dicevano che la madre dei cretini è sempre incinta, oggi sappiamo che anche la madre dei gabellieri lo è.
Ogni acronimo diventa una tassa e mai, come in questo caso, è azzeccato: IUC, ovvero Unica Comunale lasciando l’interpretazione della “I” alla fantasia di ciascuno.
Questa volta l’hanno proprio azzeccata.
Se non ci espropriano le case per regalarle agli immigrati questa volta non ci riusciranno più.
Continue reading

Rubano anche il futuro

Letta annuncia la vendita di parte dei gioielli di casa per portare in cassa 10-12 miliardi.
Letta, così facendo, sa benissimo che sottrae solo risorse per il futuro, spostando il masso del debito pubblico sulle spalle dei nostri figli (e forse neanche, perchè i nodi verranno ben prima al pettine).
Letta non può non sapere (e se non lo sa è ancora più pericoloso perchè è meglio uno in malafede – che ogni tanto si riposa – ad uno sciocco che non fa soste) che se non taglia radicalmente la spesa pubblica tutti i soldi che riuscirà ad incassare dalle privatizzazioni, come dalle nostre tasse, serviranno solo ad alimentare nuova spesa e tutti i sacrifici saranno inutili.
Continue reading

Discount Italia

Ascoltate bene questo video prelevato dalla trasmissione La Gabbia andato in onda mercoledi 20 alle h. 21, 10 su La 7. Riassume in poche immagini la missione del duo Letta-Saccomanni: portare a termine l’operazione Britannia del ’92 a proposito di dismissioni dei nostri più qualificati assetti industriali. E senza bisogno del panfilo.…
Continue reading

Spese, tasse e confusione

L’amica Nessie nel mio precedente post ha lasciato un commento in cui, condividendo la critica alla Trimurti, bastona il PdL per la proposta della tassa unica comunale, TUC.
Ora, il gioco delle sigle crea solo sconcerto, confusione e sembra fatto apposta per tendere dei trappoloni ai cittadini che, nel caos, finiscono per pagare di più e magari sbagliare consentendo agli uomini delle Sceriffo di Nottngham, Befera, di depredarli con ulteriori sanzioni.
Continue reading

Si sposta l’asticella della ricchezza

Entro venerdì 15 la triplice sindacale avrà effettuato in tutta Italia scioperi locali di quattro ore contro la legge di stabilità.
Anche io sono contro tale legge, ma auspico provvedimenti che andrebbero nel senso esattamente opposto a quello della Trimurti che, tra l’altro, non ha detto “beo” sulla proposta di no tax fino a dodicimila euro: forse perchè quando i cittadini stanno meglio guardano altrove e non ai sindacati di regime ?
Continue reading

Patente di corsa

Nel milleseicento, anno più, anno meno, le guerre si combattevano anche con l’uso dei pirati, i corsari, che colpivano i bastimenti battenti bandiera nemica per depredarli delle ricchezze che trasportavano dalle colonie alla madre patria.

Il corsaro forse più noto fu Sir Francis Drake, che ebbe parte anche nella vittoria dell’Inghilterra di Elisabetta I contro la Invincibile Armata spagnola e con la sua patente di corsa aveva negli anni arricchito la corona di Sua Maestà a scapito della Spagna.
Continue reading

Le cicale della sinistra che si credono tanto furbe

Quando guido tengo accesa la radio, sempre sulla prima rete radiofonica.

Intrattenimento, informazione, notiziari.
Intorno alle 9 del mattino, trasmettono Radio anch’io, in cui viene affrontato un argomento con vari ospiti, che preferirei fossero dosati con il Manuale Cancelli, invece sono sempre sbilanciati a favore della sinistra.
Ma questo aiuta a non dimenticare la reale natura dei comunisti.
Continue reading