Home » Archive by categoryeconomia e finanza

Trump riforma e riduce le tasse

Mentre la sinistra si trastulla con la fake news del cosiddetto “Russiagate” (e cosa dovrebbe fare uno eletto Presidente degli Stati Uniti se non cercare un accordo con Putin nemico del suo nemico Obama, quindi suo amico ?) Trump mette a segno la riforma fiscale con una drastica riduzione delle tasse per imprese e persone fisiche.
Continue reading

I predoni dei nostri soldi non si riposano mai

Ormai è una costante.
La sinistra al governo si arrovella per depredarci sempre di più dei nostri soldi con le motivazioni più disparate, dall’aiuto ai “poveri” (così rende poveri anche noi) fino all’accoglienza ai clandestini (così ci sostituiscono sulla nostra terra).
Anche la manovra in corso di approvazione non fa eccezione.
Continue reading

La verità fa male

Dopo una settimana di riflessione il ministro Padoan dichiara che è intollerabile che il commissario europeo Katainen inviti lui e il governo di cui fa parte a dire la verità agli Italiani sui conti pubblici.
Non dice che quello che afferma Katainen sia falso, perchè il nostro debito pubblico è davanti a tutti noi (e probabilmente maggiore di quello che dicono i numeri ufficiali).
Continue reading

Sburgiadati dai loro stessi referenti del soviet

Gentiloni, Renzi, Padoan e tutto l’allegro governo che si regge sul voto dei voltagabbana perchè non ha mai avuto il voto del Popolo, prosegue incurante delle carrettate di concime che chiunque riesce, motivatamente, a gettargli addosso.
Così persino i referenti del soviet europeo, davanti ai quali si genuflettono in ogni momento, ci hanno confermato che la ripresa italiana è una balla colossale.
Continue reading

Lavori usuranti

Che Renzi non sia all’altezza di un ruolo governativo (ed è il motivo per cui va tanto d’accordo con un altro parolaio come Obama: “chi si assomiglia, si piglia“) lo dimostrano le sue due ultime intemerate fallimentari.
La prima, contro Visco, è naufragata perchè il bulletto di Rignano non ha ancora capito che in Italia, grazie al suo partito, comandano gli stranieri, da Bruxelles.
Continue reading

Uno stato da rifare più che da riformare

Come ogni anno la legge di bilancio è motivo di scontro e di pretese.
Le trasmissioni televisive e radiofoniche sono un coro cinese, prono davanti al potere, teso a magnificare le scelte di un governo che, con pochi soldi  (comunque nostri) a disposizione ha elargito così tanto.
E giù ad enumerare il rinnovo degli statali, l’aumento della fascia per gli 80 euro (sempre a favore degli statali, anche se in questo caso ne beneficeranno anche dei lavoratori privati), l’esclusione di ben 11 categorie (pubbliche, per lo più come infermieri e maestre d’asilo) dall’innalzamento della pensione a 67 anni, sterilizzazione degli aumenti iva, nuove assunzioni (nel pubblico: ma non sarebbe meglio spostare i dipendenti già esistenti in numero eccessivo rispetto alla produttività ?).
Continue reading

Quelli che dicono di abbassare le tasse …

... e poi piazzano una nuova tassa sulle polizze vita.
Ma le avete guardate le facce di Gentiloni e Padoan mentre illustravano la loro manovra ?
Le parole che uscivano dalla bocca volevano esprimere ottimismo e fiducia, ma le loro espressioni proiettavano esattamente l’impressione opposta.
E, infatti, man mano che gli “esperti” analizzano la legge finanziaria, ecco che si scoprono le magagne.
Continue reading

Erano più pulite le scarpe di Lauro

Achille Lauro fu armatore (Flotta Lauro), presidente del Napoli calcio, deputato e senatore monarchico e poi dell’MSI-DN, recordman di preferenze, sindaco di Napoli.
I suoi detrattori misero in giro la storia che, prima delle elezioni, regalasse ai suoi concittadini la scarpa sinistra e, se votato, regalasse poi quella destra e per questo fu accusato di “voto di scambio”.
Continue reading

Il paese degli spreconi

Il governo ha dato il via libera al cosiddetto “reddito di inclusione“, cioè all’ennesima mancetta che da quattro anni la sinistra distribuisce, con i nostri soldi, nel tentativo di fermare l’erosione elettorale.
Naturalmente la Boschi si è subito messa a cinguettare giuliva su quanto è bello questo governo che “fa”.
Ma questa volta il peggio l’ho letto da una agenzia di stampa ed è la dichiarazione della segretaria della cisl (i sindacati non fanno mai mancare il loro contributo al dissesto della Nazione) Anna Maria Furlan che plaude all’iniziativa del governo ma chiede “più risorse e più servizi“.
Continue reading

La luce in fondo al tunnel

Ogni regime ha i megafoni della sua propaganda .
In Italia i telegiornali sono ormai a reti unificate, cambiano solo i volti del megafono che propina le medesime storie.
Mercoldi sera, alle 18,30, ecco Sky tg 24 economia con una gigantesca marchetta a favore del governo.
Tre ospiti: un accademico, un giornalista del Sole 24 ore e il solito politico del pci/pds/ds/pd che non manca mai, anche se cambia il soggetto delegato a fare la sua propaganda.
Continue reading