Home » Archive by categorycomunisti (Page 3)

Gad Lerner, il moralmente superiore

Lerner insulta gli elettori del Cav: “Stupidi o i complici nell’illegalità”. Il giornalista sul blog contro chi vota Berlusconi: “Vittime della dabbenaggine oppure complici nella furbizia illegale” di Sergio Rame

Parole di fuoco contro Silvio Berlusconi e insulti violentissimi contro gli elettori del Pdl. L’ultimo attacco di Gad Lerner arriva dalle pagine del suo blog.

Continue reading

L’idiozia che non ha confini

Basta con mamma e papà. «Sui moduli? Secondo genitore». Venezia, idea della neo delegata ai diritti gay: domande per le scuole, si cambia

VENEZIA — Addio alla dicitura «mamma» e «papà» dai moduli per l’iscrizione agli asili nido e alle scuole dell’infanzia. Al loro posto comparirà «genitore 1» e «genitore 2».

Continue reading

Firenze e gli zingari

I rom invadono Firenze e il sindaco non fa nulla. Nelle più belle piazze di Firenze rom ed extracomunitari lavano i panni sporchi e si fanno il bidet nelle fontane storiche accanto a turisti esterrefatti. Mentre Renzi pensa a pedonalizzare e a mettere i vasoni pieni di fiori in centro e il ministro Kyenge allo ius soli.…
Continue reading

Banca delle Marche e Pd

Il caso Banca delle Marche e il potere locale dei partiti

Le notizie di stampa sulla vicenda Banca delle Marche, piuttosto numerose in questa prima metà di agosto, dicono molto su come la partitocrazia trasforma, in una regione italiana, la democrazia in una oligarchia di comitati di affari che gestiscono come propria la cosa pubblica e, quel che è forse ancora più grave, condizionano potentemente l’economia locale, sottraendo risorse alla collettività e creando privilegi e rendite di posizione, disegnando un nuovo feudalesimo.

Continue reading

Prima, gli italiani

Tenendo presente che in italia ci sono ancora migliaia di ITALIANI terremotati che vivono in altrettanti container o chi ha perso il lavoro e insieme al lavoro anche la casa… e vive in maniera del tutto precaria… Quindi, prima si dovrebbero risolvere i problemi degli italiani e poi si potrebbe (forse) guardare ad altro.…
Continue reading

Il ricco e il povero (mutande in faccia)

Crocetta è il “Paperone” d’Italia: guadagna 330 mila euro all’anno, molto più di Barack Obama. E’ tra i governatori più pagati del Paese. Ma a gravare sulle casse siciliane è l’intero costo della sua giunta: 2 milioni di euro contro i 400 mila di quella lombarda

La lotta ai costi della politica si ferma sullo stretto di Messina.

Continue reading

L’assoluta incapacità di voler capire

Caro ministro lei non poteva non sapere di Giuseppe Marino

Personalmente trovo sopravvalutata l’esasperata ricerca di competenza nei politici: tanti specialisti sono stati pessimi ministri nei settori di propria competenza. Eppure, quando Cecile Kyenge è stata nominata ministro, quanto meno, in quanto donna che ha alle spalle una storia di immigrazione di successo, ci si aspettava avesse una conoscenza particolareggiata della materia.

Continue reading

Ma che, davero?

Napolitano: “Europa malata di mancato sviluppo”. “Non riesce a crescere, sta perdendo velocità e competitività”

“L’Europa non sta bene. E’ malata di mancato sviluppo economico e sociale”. Al meeting di Comunione e Liberazione di Rimini Giorgio Napolitano parla della situazione del nostro continente. “Non riesce a crescere, sta perdendo velocità, competitività – spiega – e questo è senza dubbio uno dei fattori fondamentali di crisi”.

Continue reading

Comunisti,maestri di spesa e di tasse

Aumentano le tasse, ma aumenta anche il debito pubblico.
Nelle aziende private si taglia, a cominciare dal personale.
Nello stato invece basta affidare ad un comunista un ministero e la spesa aumenta, a cominciare dal personale.
Così al richiamo della cgil il ministro per la “cultura” annuncia nuove assunzioni, soprattutto al sud nella migliore tradizione clientelare e spendacciona.
Continue reading

Le vittime di Tito secondo il vice di Marino…

A volte ricordiamo vittime che nemmeno sono italiane e le si commemora con tutti gli onori e altre volte, invece, si preferisce dimenticare… ma magari non è stato Tito a fare quei massacri o forse le vittime non erano italiane… o per certa gente ci sono vittime di serie a e vittime di serie b… come gli italiani, o sono di serie a o sono di serie b.…
Continue reading