Home » politica interna » Blindati ma ad "alta caratura tecnica"

Blindati ma ad "alta caratura tecnica"

Habemus gubernum. Sarò lombrosiana ma solo a vedermeli apparire davanti agli occhi,  i dodici apostoli del nuovo governo Monti, sono presa da una desolante sensazione di rigor mortis. E se i cialtroni di prima (governo ed opposizione) facevano pensare ai personaggi di una commedia di Dino Risi o di Monicelli, quelli che abbiamo davanti sembrano il governo dei morti viventi. Dev’essere l’effetto Plutone, dio del denaro, degli inferi, delle ricchezze nascoste a darmi questa sensazione mortifera. E costoro sono qui con lo stesso sguardo serioso e accigliato di un impresario di pompe funebri.
Obama dagli Usa giubila e si congratula per il nuovo governo. Ora anche qui in Italia,  ha il suo Karzai.  E’ solo che qui non ci sono Talebani con tanto di attributi pronti ad andare ai…monti, quelli veri per combattere col coltello tra i denti, contro questi golpisti della finanza.
Applaude anche la Federal Reserve per bocca del suo governatore Charles Evans  “Stanno facendo le cose giuste” e questo è motivo per “essere fiduciosi”. Fine dell’Italietta cialtrona e  anarchica da governicchi balneari, quella del miracolo imprevisto  come un goal che nessuno si aspettava ma che arriva all’improvviso, delle lunghe vacanze,  della vita un po’ bighellona ma poeticamente e autenticamente italiana. Ora ci controlleranno i conti preventivamente, le manovre finanziare, le leggi di stabilità, di pareggio di bilancio. Tagli ai dipendenti pubblici, tredicesime decurtate, patrimoniali, rastrellamenti alla…tedesca. Arriveranno le lobby e le corporation multinazionali a papparsi quel che resta del nostro patrimonio industriale.  E non solo. La sinistra più stolida e vassalla della finanza delega a Monti (cioè al Karzai della Fed)  udite udite…perfino la legge elettorale. Ma si può essere più idioti di così?
Napolitano poi, in queste ore sembra  un paranoico Barone di Munchausen, sempre pronto a porgere l’orecchio per sentire se l’erba cresce:  annuncia fiducioso che l’indice Mibtel (la cosa più importante dell’universo) ora crescerà, perché i mercati (e cioè le bische per scommettitori) ci daranno fiducia.  Dal Sol dell’Avvenire di comunistica memoria,  alla riduzione dello spread: invero, una sublime weltanschauung!.
Ecco qualcuna delle singolari esternazioni di Mario Monti in queste ore per encomiare il suo governo “ad alta caratura tecnica”:
La non presenza di personalità politiche nel governo, agevolerà anzichè ostacolare il radicamente, perchè toglierà un motivo di imbarazzo. La blindatura di un governo dipende dalla sua capacità di agire incisivamente e di spiegare ai cittadini e al parlamento la portata della sua azione. Questa è la blindatura che cercherò con i miei ministri”.
Evviva i blindati Goldman Sachs, i professori della  Bocconi e della  Cattolica del Sacro Cuore, allora.
E a proposito di questi ultimi mi scrive l’amico Scarth:
“Professarsi cattolici e contemporanemente praticare il credo globalista della finanza predatrice, appartenendo perfino alla Chiesa bocconiana, goldman e chissà cos’altro, impartendo lezioni di moralismo a qualche libertino di passaggio  poi è un capolavoro nonchè un insulto prima di tutto a quei cattolici spediti a dormire sotto ai ponti applicando allegramente le suddette dottrine economiche”.
Qui la lista delle new entries governative. Doppio incarico per i due banchieri Mario Monti alla guida del governo e col Superministero dell’Economia e a Corrado Passera di Banca Intesa  che accorperà il Ministero dello Sviluppo economico a quello dei Trasporti e Infrastrutture.
A proposito, il programma (e cioè la cosa più importante)  non è stato ancora reso pubblico. Sarebbe stato troppo democratico e  trasparente e  avrebbe messo in crisi la blindatura del prof. Monti.
E’  nato pure un Ministero per l’Integrazione, ciò che lascia presumere che l’immigrazione continuerà. E pure un altro per la  Coesione Territoriale, che ha tutta l’aria di essere stato suggerito dal deus ex machina di questo golpe bianco, Giorgio Napolitano. Ovvio, bisogna pur festeggiare il 150esimo dell’unità di un’Italia che sta per cadere in pasto agli avvoltoi!