Home » Articles posted by Nessie

La processione dei Polacchi ai confini. E la stampa tace…

Avrete notato come i media (a parte poche eccezioni) hanno silenziato l’iniziativa polacca di qualche giorno fa. Una catena umana  lungo i confini del paese, pregando “Dio perché salvi la Polonia e il mondo”. Migliaia di persone strette l’una all’altra, coroncina del Rosario in mano, hanno segnato tutti i 3.511 chilometri del confine che separa Varsavia dalla Germania, Ucraina, Bielorussia, Lituania, Repubblica Ceca, Slovacchia e Mar Baltico.…

Continue reading

Referendum Lombardo-Veneto per l’autonomia

REGIONE LOMBARDIA

Mi ero ripromessa di trattare il tema del referendum consultivo del 22 ottobre che interessa due Regioni-motore d’Italia: la Lombardia e il Veneto. Domenica 22  si vota  e si  sperimenterà per la prima volta in Lombardia,  il voto elettronico. Di questo, detto in tutta sincerità, ne avrei fatto a meno, ma mi è già arrivata la carta informativa della Regione Lombardia  intestata con la solita Rosa Camunia bianca su fondo verde,  con tanto di istruzioni per l’uso.

Continue reading

Gentiloni e la rete a strascico digitale

“Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione Europea-Legge europea 2017”. Ecco l’amara sorpresa che attende gli Italiani martedi prossimo al Senato. Avrebbe già dovuto passare giovedi 5 ma è mancato il numero legale (per fortuna) ed è stato rinviato a martedi. Il disegno di legge, che reca come primo firmatario il nome del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, è uno di quegli atti adottati in termini brevissimi, per via scadenze di legge che ne giustificano l’adozione senza un’approfondita discussione parlamentare che ne rallenterebbe l’iter.…
Continue reading

Spagna, Catalogna e manganelli

Sinceramente non so ancora che dire riguardo ad un referendum voluto ad ogni costo e che pare, non compaia nella Costituzione spagnola redatta dopo la caduta del franchismo. Troppo facile scrivere luoghi ormai comuni come “siamo tutti catalani”. Ieri lo scrivevano sugli americani, poi sugli inglesi, poi sugli irlandesi, ecc. Le élites criminali che ci sgovernano non hanno una regola fissa pur di destabilizzare ad ogni costo.…
Continue reading

Il PD si aggrappa alle tonache, le tonache parlano sinistrese

Ormai non passa più un giorno senza dover subire  purghe bergogliane. E che PURGHE! Stalin era quasi un dilettante in confronto. Provate voi stessi a farvi un Google con le due parole di ricerca “Bergoglio e clandestini”, e otterrete, al riguardo, un florilegio delle sue declaratio, per dirla in latinorum.…
Continue reading

Il risveglio dei popoli d’Europa non è impossibile

Il film l’abbiamo già visto: le forze identitarie e nazionali avanzano ma non vincono. Spesso i partiti istituzionali  fanno le alleanze più indecenti pur di impedirne l’avanzata. Ma intanto ogni volta  i partiti dell’Eurocrazia devono inventarsi un  nuovo maledetto imbroglio, in trucco di dozzina, un qualcosa per rallentarne la vittoria  nel vano tentativo di rimanere a galla.…

Continue reading

Pagliacciate istrioniche da parte di Gra(da)sso

Ma ne dobbiamo sentire ancora di cialtronate in questa buia notte della Repubblica che non passa mai? Sì, adda passà ‘a nuttata ma vedo che non passa mai. Nel frattempo ci tocca vedere e  sentire tante di quelle pagliacciate da rimanere tramortiti.

L’ultima è l’assolo demenziale di  Pietro Grasso che ieri in tv, a tutto schermo si prosterna “in quanto uomo”, perché – a detta sua – il cosiddetto “femminicidio” (in realtà omicidio di donne, ma l’ONU sta imponendo mediaticamente questo neologismo orwelliano),  è come un virus che si incista in nuce nel corpo e nella mente  d’ogni maschio.…
Continue reading

50 sfumature di rosso

La stampa e i media ufficiali (o maistream o come vogliamo chiamarli) si connota per avere 50 sfumatore di rosso e  la cosiddetta dialettica interna al loro stesso schieramento è sempre e solo imposta da loro. Niente pesi e contrappesi, ma sfumatore di rosso diversificate al proprio interno e distribuite tra gli ospiti in studio nei loro talk show.…
Continue reading

La buia notte in cui tutte le vacche sono nere

Ritorno a parlare di stupri etnici (sì, inutile non volerne vedere la connotazione) legati ad un’invasione-occupazione del nostro suolo. Ma anche a come il sistema mediatico al servizio di questo governo si difende con la teoria del “questo o quello per me pari sono”. Alludo alla provvidenziale notizia dei due carabinieri caduti tragicamente nella trappola al miele delle due studentesse americane ubriache.…
Continue reading

Blindatura completa o quasi

Stiamo assistendo ad una progressiva blindatura di tutti gli spazi di democrazia e  di partecipazione in senso fisico, morale e intellettuale. Non bastasse ciò, ci sono commissioni al lavoro per mettere le mani sul web con la scusa dell’Hate Speech (commissione Jo Cox, voluta dalla Boldrini, estensioni della legge Mancino  volute da Fiano, altri controlli sulla rete voluti da Orlando, ecc).…

Continue reading