Home » Articles posted by Josh (Page 12)

Siparietti Bolognesi

Questa volta si tratta di un post che si propone unicamente di accennare in velocità ad alcuni fatti bolognesi, rimandando a links appositi, per informare e saggiare un “clima”.Non ha ormai senso, in questo pazzesco luogo, tentare di dare una spiegazione razionale o mostrare nessi tra avvenimenti, data la notevole dose d’irrazionalismo dionisiaco costante che percorre le contrastate iniziative felsinee.

Continue reading

Denaro E Bellezza. I Banchieri, Botticelli e il Rogo delle Vanità.

Si tiene a Firenze, a Palazzo Strozzi, una mostra di notevole interesse, (cfr.titolo),indirettamente e curiosamente vicina a temi incandescenti di questo periodo nei nostri blog e nell’attualità. (Nella foto sopra, Jean Provost, “L’avaro e la morte” 1505-1515)Aperta dal 17 settembre fino al 22 gennaio 2012, nasce da un’idea di James M.…

Continue reading

dacci oggi la nostra IRPEF ….

Ed ecco qualche piccolo aggiornamento bolognese: annunciato un nuovo aumento delle tasse.

Si pensa di ottenere Cinque milioni di euro dalla tassa di soggiorno, di piu’ dall’aumento Irpef dallo 0,7% allo 0,8%.Lo ha confermato in Consiglio comunale il sindaco Virginio Merola. “Se saremo costretti a mettere la tassa di soggiorno almeno e’ una tassa che ha uno scopo chiaro – osserva- nel caso di Bologna e’ uno scopo importante, la promozione turistica alla cultura e alla riqualificazione del nostro centro storico.…

Continue reading

Giorgio Vasari, 500 anni

(Giorgio Vasari “Autoritratto”)

Il Giardino delle Esperidi non poteva non occuparsi, almeno brevemente, di questa importante e variegatissima figura, nel cinquecentesimo della nascita, importante per l’arte italiana, europea e mondiale, anche se, come spesso accade, non sono in molti a ricordarsene al di fuori dell’ambito degli studiosi e specialisti di Storia dell’Arte.…

Continue reading

Affinità e divergenze. Bologna: il sindaco Merola dice no ai redditi online, ma il PD con Donini lo smentisce

Nelle fasi convulse della cangiante manovra, Tremonti in pochi giorni ha proposto tra le altre cose l’idea di mettere i redditi online come Visco, poi ancora online ma per categorie e in modo in parte anonimo, poi la norma in quei primi termini almeno pare saltata.

(nella foto, Tremonti e Visco)

Come si comporteranno i Comuni?Per Bologna, il sindaco Merola si dice contrario anche se propone uno stretto monitoraggio dei conti correnti in relazione alla dichiarazione dei redditi.

Continue reading

Le peripezie del ticket in Emilia Romagna

E’ appena entrata in vigore la nuova norma per il ticket emilianoromagnolo, che la Regione ha già annunciato un altro cambiamento. Cose “serie”, come sempre.

Da ora, entro al massimo il 18 settembre, bisogna compilare un modulo che certifica il reddito come nucleo familiare fiscale e stabilire così le varie fasce di esenzione.…

Continue reading

Settembre, di nuovo…

(foto mia)

E rieccoci a Settembre, uno dei miei mesi preferiti, con i suoi colori, ricordi, il distillato del pieno dell’estate appena trascorsa, il suo sentire dolceamaro. Non c’è miglior modo di riaprire il Giardino che una breve rassegna di immagini e poesie.

(foto mia, “L’Angelo della Vendemmia”, affresco murale, Dozza Imolese)

I Pastori

Settembre, andiamo.…

Continue reading

L’Occidente

L’ultimo mio post della stagione.Sempre in sintonia con la mia semi-pausa estiva, propongo un brano degli italiani IANVA,“L’Occidente”, in linea con alcuni degli ultimi nostri post.Magistralmente scritto, ci sono alcune particolarità rispetto ai canoni consueti neofolk:se permane l’influsso military pop, da notare la presenza di sonorità tradizionali italiche, quasi mediterranee rispetto al glaciale del neofolk delle nazioni più a Nord come Germania o UK,e un uso magistrale della tromba, l’italiano retrò, poetico e dannunziano, e una strumentazione particolarmente accurata più vicina al folk noir cantautoriale quasi orchestrato.Seguono audio e testo:

“Come genti del Nord, dai barbarici NumiChe scambiarono per Roma i marmi di Luni,O gli Altaici dell’Est, errabondi e ferini,Fondatori d’imperi per pascolarvi ronzini

O i predoni del Sud, autoeletti SignoriInventandosi un dio da servi-pastori,Abbiamo stomaci esausti, ma appetiti da iene,Tutti incontro alla sera che viene

Dove va a cadere il sole, sepolcreto di tramonti:Quando s’alza il fortunale, si sa, chi avanzaPer primo affonderà

Deleghiamo ogni cosa, anche l’esser violenti,Ma la guerra dei ventri ci scopre impotenti,Sempre sotto tutela di un corretto pensareChe ci castra quel tanto da tirare a campare

Dentro a questo circuito, senza ieri o domani,Per leccar quattro ossa come s’addice ai cani:Non ho più alcuna voglia di fare il possibilista,Guardo solo la notte che è in vista

Dove va a morire il sole, l’orizzonte inghiotte i giorni,La stagione del Maestrale, lo sai, dispero che torniDove va a sfinirsi il vento, l’orizzonte incontra l’onda,Sono oltre al mare aperto e più in là, ma non vi è sponda

Tra Vladivostok, la propaggine estremaE le Orcadi che sono d’Occaso il diadema,Suggestivo, lo so, ma a che pro ci si crede,Se il tenerci alla pelle resta l’unica fede?

Continue reading

I "professionisti della protesta" antiTav bolognesi

La protesta antiTAV andata in onda in Val di Susa in questi giorni è stata particolarmente pesante. Erano presenti anche “protestatari bolognesi” organizzati, come gente proveniente dall’estero. Nella mia limitatissima e relativa opinione, mi sento di dire che la TAV per un verso ci serve, per non restare tagliati fuori dal nuovo sistema di comunicazione e spostamento-collegamento europeo.

Continue reading

Death Of The West

Con la settimana entrante, mi congedo dal Giardino in vista dell’estate, personalmente ritornerò su questi schermi più avanti. Colgo l’occasione per salutare tutti gli Esperidi e i lettori/commentatori, e augurare a tutti una serena estate.Seguiranno adesso questo e un altro post, non scanzonati, ma di breve riflessione.

Non servono molte parole per capire il testo fortemente critico di questo vecchio ma a mio avviso splendido e profetico brano dei Death in June (Douglas P.), non lontano dai significati degli ultimi post qui pubblicati.Il brano fu composto in occasione dell’album “Burial” (1984), poi coverizzato e reso famoso anche dai Sol Invictus.Di seguito anche il testo, su cui consiglio di soffermarsi, alla luce degli ultimi nostri post.…

Continue reading