Sulla preziosità, sacralità e ricchezza del latino ecclesiastico e non solo

Il Documento ufficiale più recente in cui si possono trovare definizioni sulla preziosità linguistica del latino è il Motu Proprio  Summorum Pontificum di papa Benedetto XVI del 7 Luglio 2007, in cui si afferma:

Tali modo sacra liturgia secundum morem Romanum non solum fidem et
pietatem sed et culturam multarum gentium fecundavit. Constat utique
liturgiam latinam variis suis formis

Buona Pasqua

In un’epoca di notevolissimo caos, pesantezza e in un mondo che corre sempre più verso l’autoannullamento, dall’ambito pratico allo spirituale,

ecco solo qualche dipinto di varie epoche a ricordarci  la 

Pasqua di Resurrezione

(Tintoretto, Crocifissione) 

(Salvador Dalì, Cristo di S. Giovanni della Croce)

 

(Andrea Mantegna, Resurrezione) 

 

 

(Giotto, Noli Me

Depero

Il Museo Archeologico Regionale di Aosta  passa in rassegna un’altra
avanguardia del ‘900: Fortunato Depero, con una mostra dal titolo “Universo Depero”, in riferimento all’opera d’arte “totale” in cui l’artista credeva, che doveva coinvolgere tutti i campi dell’esistenza.

L’esposizione a cura di Alberto Fiz e Nicoletta Boschiero,
aperta fino all’11
maggio 2014 ha il patrocinio

Il Klimt degli esordi e il "Fregio di Beethoven"a Milano

Si è aperta ieri, 12 marzo, a Palazzo Reale a Milano,
la mostra “Klimt, Alle origini di un mito”:
si tratta di venti tele del pittore
viennese (in esposizione fino al 13 luglio 2014).
Nella mostra è coinvolto anche il Belvedere di Vienna (Österreichische Galerie
Belvedere) sede originaria dei dipinti.

Il percorso si concentra sulla fase iniziale dell’opera del pittore, meno nota,

Spagna: La giunta d’Andalusia vuole espropriare la Cattedrale di Cordoba

La Cattedrale di Cordoba sta vivendo un curiosissimo caso, che ci dovrebbe mettere in allarme.

In breve, l’edificio è la Cattedrale dell’Immacolata Concezione di Maria Santissima in Cordova,
ex grande moschea di Cordova, ma la parte-moschea venne comunque edificata al posto dell’antica chiesa visigotica di San Vincenzo.

Qui una breve storia. 

La Basilica Cattolica al di là della complessa

Bologna. I ‘danni’ del Civis (bus a fibra ottica) : 91 milioni di euro

E’ sempre più salato il ‘conto’ del Civis, il tram su gomma mai realizzato a Bologna. La Guardia di finanza provinciale, infatti, ha segnalato alla Corte dei conti altri 48,6 milioni di danno erariale che vanno ad aggiungersi ai precedenti 41 e rotti, e facendo lievitare il totale a 91 milioni.
Contemporaneamente le Fiamme gialle hanno segnalato all’autorità giudiziaria contabile otto persone che potrebbero presto ricevere l’invito a deporre: si tratta dei cinque componenti del cda di Atc nel momento in cui fu pubblicato il bando di gara per l’opera, del direttore dei lavori e di due membri della commissione di pre-qualifica che doveva valutare preventivamente i requisiti delle aziende che avevano presentato domanda per la gara.
La nuova ‘tranche’ di 48,6 milioni si riferisce agli oneri per l’esecuzione di opere ‘urbanistiche’ (strade, marciapiedi, pavimentazioni) realizzate per un sistema di trasporto che risultò ‘irregolare’. dire.it
Bologna: sindaco Merola e giunta Cofferati a giudizio per danno erariale
Una vicenda kafkiana se a riportarci alla concretezza non fosse una montagna di soldi pubblici dilapidata. Sì, sono stati sperperati 150 milioni, arrivati nelle casse comunali attraverso imposte e tasse. Il tutto per un mezzo pubblico di trasporto, il Civis, un maxi-autobus di 18 metri a fibra ottica, progettato, ordinato, poi la fibra posta sotto l’asfalto con disagi per automobilisti, cittadini e commercianti, costruite le banchine con le fermate lungo il percorso oltre ad appositi sottopassi e rotonde, realizzati filmati per illustrarne le meraviglie. Il tutto tra stop and go. Stop, perché fare passare in un centro storico medioevale e alla base delle Due Torri, simbolo della città, un gigante di quel genere non solo trovava l’ostracismo degli ultrà dell’ambiente ma anche di architetti e geologi solitamente pacifici. Go, perché comunque i lavori (per lo più appaltati a cooperative) proseguivano e a ogni ripresa il costo lievitava.
Bologna: chi paga il dietrofront sul Civis?
Bologna: Civis, da Irisbus documento falso per appalto
Bologna: sindaco Merola e giunta Cofferati a giudizio per danno erariale

da Imola Oggi

Entra ne

Emilia Romagna, 7 milioni di euro per rifugiati e detenuti

“6 milioni e trecentomila euro per i rifugiati, un altro milione per migliorare la qualità della vita dei detenuti. E agli emiliani (terremotati e alluvionati) chi ci pensa?” Se lo chiedono i consiglieri regionali Mauro Manfredini, Manes Bernardini, Stefano Cavalli e Roberto Corradi, nel giorno della pubblicazione della graduatoria Sprar e a poche ore dall’intesa Errani-Cancellieri per il miglioramento della qualità della vita dei carcerati, che prevede fino a un milione di euro di cofinanziamento per misure alternative al carcere, formazione, lavoro, corsi di lingua.
 
“Entrambi i protocolli hanno valenza triennale. Errani impegna quindi anche l’amministrazione futura, che almeno per un anno non sarà quindi libera di scegliere se assegnare quei soldi ai detenuti o, magari (in maniera assai più virtuosa), alle nostre famiglie, ai nostri giovani e anziani”.

Rimane inoltre “scoperto un dato, il più rilevante” – sottolineano i consiglieri del Carroccio: “Oltre il 51 per cento dei 3.706 detenuti emiliano romagnoli è straniero. L’unico investimento che sarebbe quindi oculato è quello per rimpatriarli, con specifici accordi a monte. Tutto il resto sono solo i soliti specchietti per le allodole utili alle campagne elettorali del Pd, ma non a risolvere i problemi”

http://www.imolaoggi.it/2014/02/04/e-romagna-oltre-7-mln-di-euro-per-rifugiati-e-detenuti-la-lega-soldi-buttati/

Entra ne

Shirley Temple e una breve riflessione sul cinema

Apprendiamo in questi giorni della scomparsa di Shirley Temple, signora 85enne,
ex stellina infantile della Hollywood del trapassato.
La sua carriera da bambina fu folgorante, bimba prodigio sfruttata all’estremo dallo star-system, cantante, ballerina, attrice. Soprannominata “riccioli d’oro”, iniziò a ballare a soli 3 anni.

Charles Lamont della Educational Pictures la fece apparire in serie

Bouguereau

William-Adolphe Bouguereau è stato un pittore francese, vissuto tra 1825 e 1905.
Epoca da osservare a fondo, per intenderne la vicenda, quella sottesa tra le 2 date, di rivoluzioni e sperimentalismi pittorici e formali, cui il nostro pare non fare molto caso.

(a sinistra, Ritorno della Primavera)

Nato a La Rochelle il 30 novembre, è considerato (oggi) tra i maggiori pittori accademici del

In mostra la fase paesaggistica di Carrà

La mostra cui accenniamo in questa tornata è dedicata ai paesaggi di Carlo Carrà tra 1921 e 1964.Aperta fino al 19 gennaio 2014, è curata da Elena Pontiggia e da Simone Soldini, in collaborazione con Chiara Gatti e Luca Carrà, ed è la prima ampia retrospettiva allestita da un museo svizzero sull’opera di questo protagonista della pittura moderna europea.Figura di rilievo nella storia dell’arte