Home » 2015 (Page 7)

Ogni pretesto è buono per tassarci

Renzi non si smentisce, mai.
A seguito degli eventi francesi, pur essendosi vilmente ritratto da ogni impegno bellico, Renzi straparla e, ogni volta che straparla, elargisce denari (le nostre tasse) a destra e a manca.
Così ha profuso due miliardi ” per la sicurezza”, ma se uno crede che sia per aumentare gli stipendi degli Uomini e Donne delle Forze Armate e delle Forze dell’Ordine e fornire loro i mezzi per combattere criminali e terroristi, si sbaglia.

Continue reading

Francesco, dal Kenia.

«L’esperienza dimostra che la violenza, il conflitto e il terrorismo si alimentano con la paura, la sfiducia e la disperazione, che nascono dalla povertà e dalla frustrazione».Francesco, oggi, in Kenia.Peccato che molti dei terroristi mussulmani siano benestanti, talvolta istruiti nelle scuole europee…

Continue reading

Turchia, l’ambiguo agente provocatore

Ci mancava anche l’abbattimento del jet russo, per completare il desolante teatro di destabilizzazione mondiale nel quale siamo immersi! Putin al G20 ha parlato chiaro e tondo: ci sono 40 stati che direttamente o indirettamente foraggiano il sedicente “stato islamico” (Isis, Is o Isil o Daesh o come vogliamo chiamarlo). Ecco perché non se ne viene a capo.

Continue reading

Giornata Violenza sulle Donne ?

Oggi è Santa Caterina d’ Alessandria. Rispettiamo i Santi del Giorno e non celebriamo ricorrenze laiciste che ci vogliono imporre per ogni Santo Giorno.Per cambiare il calendario e scristianizzarlo…

Continue reading

Mai fidarsi dei musulmani

Adesso lo ha capito anche Putin e immagino che per Erdogan si preparino giorni difficili.
Peccato, perchè i due avrebbero potuto remare nella stessa direzione, essendo ambedue invisi alle consorterie politico-finanziarie-lobbistiche dell’unione sovietica europea e dei democratici obamiani.
Conseguenze tragiche, preconizza Putin.
Vedremo se Putin sarà meno parolaio di Obama.

Continue reading

Lasciamo Draghi ai suoi conti

Leggo che Berlusconi starebbe pensando a Draghi come candidato premier per il Centro Destra.
Se fosse vero sarebbe un altro segno di cedimento all’età.
Draghi è stato sottosegretario al Tesoro con Prodi nel 1996, ha sistematicamente tenuto corda alla sinistra. è un burocrate dell’unione sovietica europea, non ha mai pronunciato una sillaba di Destra, rappresenta la parte peggiore del capitalismo, quello senza valori che non siano i bilanci per i quali è disposto a calpestare chiunque, soprattutto la Libertà, la Sovranità e l’Identità dei Popoli.

Continue reading

L’Islam oggi come il comunismo ieri

Sarà un destino “cinico e baro“, ma proprio quando un cancro che aveva fatto metastasi, il comunismo, veniva progressivamente debellato, ecco apparirne un altro, una recidiva, visto che nei secoli passati, a ondate, si è sempre ripresentato alle nostre porte.
Qualcuno, incurabilmente buonista, ha visto nella manifestazione di poche centinaia in tutta Italia (su circa due milioni di fedeli musulmani) partecipanti “non nel mio nome” la possibilità di contrapporre un Islam “buono” a quello “cattivo” dell’Isis, cercando di trarre anche la conclusione che il “vero” Islam sia quello “buono”.

Continue reading