Home » 2015 » maggio (Page 2)

CONTRE NOUS DE LA TYRANNIE L’ETANDARD SANGLANT EST LEVE’

   Continua, tra alti e bassi (ahimè, per ora verrebbe quasi da dire più alti per gli uomini del Califfato e bassi per la coalizione che li combatte che non viceversa), la terribile lotta in Medio Oriente tra l’esercito di tagliagole del sedicente Stato Islamico (ISIS) e quanti, tra combattenti locali rischianti effettivamente la pelle sul terreno e loro alleati internazionali restii ad impegnarsi oltre l’asettica pratica dei bombardamenti aerei selettivi di dubbia efficacia militare (malgrado il raggiungimento di qualche buon risultato, come l’uccisione o il ferimento di importanti leaders nemici), gli contendono il controllo delle zone inevitabilmente destinate alle pene dell’inferno, qualora cadute nelle mani degli invasati del Califfo.   Ora, sembra che le priorità nell’immediato siano la riconquista di Ramadi, in Iraq, e quella di Palmyra, in Siria, quest’ultima al centro anche di forti preoccupazioni internazionali per la sorte che potrebbero subire le preziose rovine della città antica, data la nota sensibilità jihadista verso simili meraviglie archeologiche patrimonio dell’Umanità.   Una nostra personalità politica di primo piano ha osservato, in questi giorni, che per battere l’ISIS non può bastare la sola forza militare, ma è necessario innanzi tutto che l’Iraq si comporti come un Paese unito e democratico contro quella minaccia, il che, però, è più o meno come dire che è necessario che Babbo Natale esista: non si può infatti obiettivamente ignorare quale unità tra tutte le etnie e religioni presenti e quale democrazia regnino nello Stato irakeno costruito sotto l’egida delle potenze che avevano abbattuto il dispotico regime di Saddam Hussein, e quanto si presenti di fatto impossibile, al momento, apportare significative correzioni a tale situazione.   L’ISIS ha del resto messo a segno i suoi colpi e i suoi successi appunto laddove maggiormente lo Stato ufficiale si presentava debole, o fortemente in crisi, o addirittura quasi inesistente: nell’Iraq uscito dalla guerra e dall’occupazione americane, con strutture istituzionali ancora fragili, forti rivalità etnico-religiose, forze armate non ancora al top e chissà in quale misura motivate; nella Siria già da tempo tormentata da una tremenda guerra civile contro una dittatura pluridecennale; infine nella Libia del dopo “primavera araba”, caduta praticamente nel caos in seguito alla dissoluzione del regime del colonnello-beduino Gheddafi.   La stessa riconquista di Ramadi da parte dlle forze irakene, ad esempio, potrebbe essere resa più difficile dal fatto che i suoi abitanti sono musulmani di fede sunnita, e potrebbero, anche non condividendo l’estremismo dell’ISIS, opporsi ai militari regolari di Baghdad inviati a liberarli per il solo essere questi in massima parte sciiti, e quindi percepiti come una “minaccia”, per la loro esistenza, addirittura ancora maggiore di quella rappresentata dai correligionari tagliagole.   Questo per quanto riguarda le forze direttamente impegnate sul terreno, ma chiarezza nei rapporti reciproci, compattezza ed unità d’intenti non sono maggiori neppure tra gli attori internazionali più significativamente coinvolti negli sforzi per ovviare all’emergenza: come fa notare anche il professore della Costal Carolina University Joseph Fitsnakis, specialista in intelligence ed antiterrorismo, gli Stati Uniti, che tra l’altro non intendono inviare di nuovo soldati di terra in Medio Oriente, dopo aver fatto tanto per sganciarsi dall’Iraq, non sono molto in sintonia con il principale nemico dell’ISIS, che è l’Iran, il quale è guardato con diffidenza anche dall’Arabia Saudita per l’eccessivo peso che esso verrebbe ad avere nella regione in caso di vittoria sul Califfato, ed anche la Turchia vorrebbe vedere l’ISIS sconfitto, ma al tempo stesso ce l’ha pure con i curdi, che fronteggiano i jihadisti appoggiati dall’Iran.   Insomma, un bel pasticcio dal quale non si riesce ancora ad intravedere una possibilità di uscita definitiva, mentre sembra certo che tanto sangue innocente sia ancora destinato ad essere versato nelle terre che gli ossessi del Califfo continuano ad ingoiarsi, avvantaggiati dai dubbi e dalle rivalità interne al fronte dei loro avversari.   “Contre nous de la tyrannie l’étandard sanglant est levé”, si cantava sulle note della Marsigliese, lo stendardo sanguinante della tirannia è alzato contro di noi.   Ed era da molto tempo che una tirannia così sanguinaria ed internazionalmente pericolosa come quella che si ammanta di quelle bandieracce nere non si vedeva fiorire sotto il sole.   Speriamo che ci se ne renda conto prima che sia troppo tardi.Tommaso Pellegrino

Continue reading

Invoco eterna dannazione su tutti i gabellieri

Piove sul bagnato.
Già normalmente considero le tasse come sterco del Diavolo e chi le aumenta, le introduce, le inventa, le sostiene e le vota, ancora peggio.
Ma quando si è direttamente colpiti, non si può che invocare un intervento soprannaturale perchè castighi pesantemente i fautori delle tasse (tanto sono tutti a sinistra …).

Continue reading

Colesterolo ? Chissene !

Una delle pubblicità che non sopporto è veramente terroristica.Cena (quella dove, alla faccia degli alimentaristi, magno de più…). Rilassato, giornata finita, in attesa che il TG serale te faccia incaspità. Mentre ci dedichiamo ad una bella costatona oppure meloncino con salumi vari, sullo schermo appare una faccia da funerale di un tizio.

Continue reading

Io e la Soia…

Domani solita spesa del week-end in un noto supermercato anticomunista.Pausa della dieta. Ripassavo il volantino.Questa volta è micidiale, ahimè:2 paginoni dedicati interamente ai Figli di Soia…Ma veramente, uno come caspita fa a mangiare certe cose ?Burger di Soia in 5 varietà…tra cui uno alla Napoletana (ah, povera Posillipo…!) ed una alle verdure.

Continue reading

Agli americani non piace la FIFA….

Eugenio Figueredo, uno degli arrestati

Sotto Obama, gli americani, che un tempo sfornavano attori come Clark Gable, Robert Redford, Paul Newman, che facevano strage di cuori femminili, stanno diventando tutti pederasti.Infatti, è UFFICIALE: agli americani NON piace più la FIFA !

Continue reading

Bergoglio e Repubblica.

Non capisco perchè tutto questo scandalo sul fatto che il Vescovo di Roma legga solo Repubblica…. Sarebbe peggio se leggesse SOLO Avvenire o Famiglia Valdese, molto più a sinistra del quotidiano di Barbariccia….

Continue reading

Unioni Incivili

Le unioni incivili sono il grimaldello di satana contro il Matrimonio e la Famiglia.Chi non lo capisce, può accomodarsi fuori dalla Chiesa.Vescovi d’ Irlanda compresi. Anche l’ aborto e la droga sono realtà, ma si combattono.

Continue reading

Eurofestival 2015

In Romania l’ Eurofestival è seguito da sempre.Per far piacere a Mia Moglie, l’ho guardato anche quest’anno.Oltre a Conchita la barbita, un trionfo di baci tra pederasti e lesbiche.Intanto il SISI avanza inesorabilmente…

Continue reading

Romero Beato e Camara prossimamente…

So che a molti Cattolici, pur contrari a Camara, Romero non dispiace; a me no. Comunisti:uno e l’ altro. Non cambierò mai idea. E’ la stessa linea sottile che separa piccole differenze sostanziali che pian piano hanno contribuito a smantellare la Chiesa di un tempo.Don Bosco non faceva politica, ma era un politico sostanziale,Evviva Don Bosco.

Continue reading