Home » 2015 » marzo (Page 8)

A mare la zavorra

Negli anni scorsi, Berlusconi è sempre riuscito a recuperare la maggioranza parlamentare con una politica di inclusione, cercando di allargare la sua coalizione anche a scapito della linearità e compattezza dell’azione politica di governo.
Era una tattica che ha dato i suoi frutti, ma anche ha evidenziato gli aspetti negativi, in particolare l’essere soggetti al personalismo ambizioso di piccoli uomini che si credevano in diritto di sfruttare a proprio vantaggio i voti ottenuti essenzialmente ed esclusivamente dal Cavaliere.
Continue reading

Massoni

Stiamo vivendo una sorta di guerra  planetaria devastante portata avanti con mezzi e armi “non convenzionali”, ma non per questo,  meno insidiosi e temibili. Le armi non convenzionali le conosciamo già: la fantafinanza, i ricatti del rating, i colpi di spread, i media asserviti al disegno oligarchico, il Debito funzionale a sottomettere i popoli e all’estinzione delle nazioni, ecc.

Continue reading

Tutti contro?Allora Salvini è la scelta giusta

Contro la manifestazione della Lega e Fratelli d’Italia  si sono mossi gli antifascisti permanenti (che immagino improduttivamente ibernati nei centri sociali finchè non vengono richiamati in servizio per qualche manifestazione).
Contro Salvini e la Meloni hanno scritto editoriale di fuoco, fiamme e ironia i giornalisti di regime.
Contro la Destra che risorge i comunisti renziani del pci/pds/ds/pd hanno scagliato gli abituali anatemi.
Continue reading

Il golpe del 2011 in Italia

Quando nell’autunno 2011 si parlò di golpe al governo Berlusconi​, stentai a crederlo, lo ritenevo una bufala, ma oggi, stando a  fresche notizie che sul tema emergono dalla procura di Trani (Il Fatto Quotidiano. Rating: dopo taglio 2011 tesoro pago 2,5 miliardi. Poteva opporsi), sono obbligato a ricredermi. E sono costretto a ricredermi anche sulle effettive capacità che credevo possedesse colei che gestisce il nostro debito pubblico.…
Continue reading

Salvini supera il primo esame importante

Un successo.
Lo scrivono i quotidiani di destra, persino Il Giornale, lo scrivono, più o meno a denti stretti, quasi tutti i quotidiani ostili alla destra, lo dice la rai che cerca di contrapporvi il successo della manifestazione antagonista (cioè comunista).
Una vasta partecipazione di popolo, di un popolo non abituato a manifestare e non propenso a farlo e una sapiente regia che ha portato sul palco anche il leader di Casapound Simone Di Stefano e, soprattutto, Giorgia Meloni che ha parlato alla piazza leghista ottenendo una grande successo personale a dimostrazione della consonanza di idee tra la Destra classica e la Lega di Salvini, ma anche a dimostrazione che Salvini è in grado di catalizzare tutte quelle forze che, con il moderatismo di Berlusconi, erano tenute in disparte, con la perdita di importanti sacche di consenso e di militanza.
Continue reading

Addio al Signor Spock

Ieri gli appassionati di fantascienza hanno perso un attore che aveva saputo magistralmente interpretare un personaggio difficile e che grazie a lui è diventato, nell’immaginario collettivo, il più identificativo di Star Trek: Leonard Nimoy, il Signor Spock.
A me il Signor Spock, con la sua razionalità, logica, non era mai stato molto gradito, ma era necessaria la sua presenza per far risaltare l’umanità del Capitano Kirk, il protagonista della serie classica.
Continue reading