Home » 2014 » dicembre (Page 6)

Storace denuncia (finalmente) Vauro per “istigazione a delinquere”.

Leggo che Francesco Storace oggi ha denunciato il vignettista rosso Vauro per “istigazione a delinquere”. Questo dopo il litigio alla faziosa trasmissione Anno Uno dove, durante una violenta aggressione verbale, il noto estremista antifascista si era lamentato che gli assassini rossi che spararono al politico romano durante gli Anni di Piombo, “non avessero mirato meglio”. Come si vede, nonostante la tarda età del personaggio, la sua carica di odio che lo accompagnerà fino alla tomba non accenna a diminuire.

Continue reading

Fonzie, altra figuraccia.

Il governicchio di fonzie prima fa una cosa giusta, precettando i ferrovieri rossoguidati.Poi, per tenersi buoni i comunisti, ci ripensa. Perdendoci la faccia… A casa, lui e Marino !

Continue reading

Peso el tacòn del buso

Oggi sciopero generale.
Ieri il governo voleva mostrare i muscoli e Renzi ha mandato allo sbaraglio Lupi che ha precettato i ferrovieri.
La veemente reazione della Camusso ha portato il povero Travicello Lupi a revocare la precettazione, cercando di salvare la faccia con la riduzione di un’ora dello sciopero.
Continue reading

Il problema è l’antipolitica…

Giorgio Napolitano: “Critica alla politica è degenerata in patologia eversiva”. Il Capo dello Stato parla del decadimento del sistema politico e chiede di colpire infiltrazioni e corruzione. Ma se la prende con giornali e opinion makers. E dice: “Mai come nello scorso biennio metodi di intimidazione fisica in Parlamento”. Errore storico: non ricorda i tumulti del 1953, a pochi mesi dalla sua elezione alla Camera di F.…
Continue reading

Quelli puliti

“Dai rom ai voti gonfiati, nel mio Pd un sistema schifoso”. ESCLUSIVO Dopo il terremoto dell’inchiesta “Mafia Capitale”, Tommaso Giuntella al Giornale.it ammette che nel partito ci sono troppe irregolarità. Dai voti comprati alle tessere gonfiate, fino ai rom in fila ai seggi: ecco tutte le porcherie del Pd romano di Francesco Curridori

Mafia Capitale, il commissariamento, ma non solo.

Continue reading

Le bollette degli zingari

L’avevo letto in una rassegna stampa e benissimo ha fatto Elly a riprendere il pezzo perchè è emblematico di come, per anni, in ossequio ad un malinteso senso di ospitalità, di antirazzsimo (sic !) e di tolleranza, alcuni individui abbiano svenduto dignità e istigato a perseverare in  comportamenti disonesti (da parte di chi veniva beneficiato violando la legge).
Continue reading

La Coop sei… Lui: George Soros

Leggo su più siti web che George Soros, già condannato in contumacia dalla Malaysia per aver intentato speculazioni fraudolente, già proprietario del fondo speculativo Quantum delle Antille è diventato azionista al 5% della Coop. Beh, che c’è di strano? Soros è un finanziere-filantropo specialista in porte girevoli del potere, in doppi e tripli ruoli, in doppiogiochismi, pertanto è più che naturale che metta lo zampino in una grande holding come la Coop.…
Continue reading

Prima di Babbo Natale passa Dracula Fisco

Siamo a una settimana dalla scadenza del 16 dicembre che mi sembra stia passando molto, troppo in sordina per non disturbare il manovratore, chiacchierone di Firenze.
Eppure entro il 16 dicembre dovremo saldare Tasi, Tari e Imu, almeno come privati e non so quanti altri balzelli per i vari adempimenti fiscali che ci sono richiesti.
Continue reading

Devono pagare pure le bollette… poverini!

I nomadi accusano Bitonci: “Ci fa pagare pure le bollette”. I nomadi accusano il sindaco di Padova: “Zanonato era un amico, ora dobbiamo pagare le bollette”. Poi passano alle mincacce: “Chi ci crea problemi non esce vivo” di Giovanni Masini

Fumo e fiamme sono state viste levarsi dal campo nomadi di Mortise, alle porte di Padova.

Continue reading

Delrio vs. Merkel

Lui è il sottosegretario tuttofare, tutto dire, tuttologo di Renzi (quello che furono Amato per Craxi o Gianni Letta per Berlusconi).
Lei la cancellierona della Bundesrepublik.
Lui sembra uscito da un digiuno prolungato, mentre lei da un opulento banchetto.
Delrio (che il sistema di scrittura del computer continua a correggermi in “delirio“) osa contraddire Sua Cancellierona Merkel.
Continue reading