Home » 2014 » dicembre

L’ultima notizia dell’anno

Centinaia di immigrati diretti in Croazia: la nave dirottata verso l’Italia. Non è la prima volta che succede: qualche vgiorno fa centinaia di clandestini arrivati in Grecia si sono rifiutati di sbarcare e si sono fatti portare in Italia di Sergio Rame

Alla fine i clandestini vengono spediti tutti in Italia.

Continue reading

Aspettando l’Alba (Dorata) del 2015

Sono tre anni pieni da quando la cricca di Bruxelles, con la complicità della sinistra interna e di un pugno di traditori puniti poi nelle urne, estromise Silvio Berlusconi dal governo per consegnarlo, in rapida sequenza, a tre suoi messi.
Sono passati tre anni da quando la sinistra ululava contro il Centro Destra, berciando sulla crisi.

Continue reading

Renzi l’incantatore

Anch’io all’inizio avevo dato una certa fiducia a Renzi, soprattutto quando – eravamo nell’estate 2013 – sentii parlarne molto bene da un crocchio di persone, tra le quali c’era un mio conoscente che la faceva da gallo dominante, o da una mia cugina che ne era stata abbagliata: ah! Renzi! Per lei non c’era altro che Renzi per salvare la patria.…
Continue reading

Palle renziane

Ho letto la sintesi e ascoltato i brani trasmessi dai tele e radiogiornali.
Una conferenza stampa ricolma di vuoto.
Ostellino ha ragione: Renzi è furbo, ma non intelligente.
Se fosse intelligente parlerebbe di meno.
Se fosse intelligente userebbe meno slang giovanilistico e più concetti solidi.
Se fosse intelligente taglierebbe le tasse, la spesa e il debito pubblico in un circolo virtuoso, invece aumenta tasse, spesa e debito avvitando sempre più il circolo vizioso che ci ha condotto all’attuale situazione fallimentare.

Continue reading

I poco invidiabili primati di Agrigento

Esattamente come oggi, il 29 dicembre di tanti anni fa, ero stato felice per una visita di piacere alla Valle dei Templi di Agrigento (Viaggio in Sicilia)
Oggi, invece, m’ha riempito di tristezza e amarezza l’apprendere notizie altamente negative sulla città: Agrigento è la città meno vivibile d’Italia. Eppure i suoi consiglieri comunali sono i più stakanovisti d’Italia (I poco invidiabili primati di Agrigento).…
Continue reading

Figli di un dio minore

Il fenomeno fiorentino ha dato alle stampe i primi decreti attuativi del suo Giobàt, cioè quel provvedimento che riduce le garanzie per i lavoratori.
Apprendo dalla lettura dei quotidiani che i dipendenti statali sarebbero esentati dal soggiacere alla ghigliottina renziana (e i loro referenti al governo ci tengono a tenerli esenti, tanto che è giustificato il sospetto che il Giobàt sia l’ennesima fregatura che il fenomeno fiorentino vende come la panacea dei venditori ambulanti nei vecchi film western).

Continue reading

Sogno di una notte di Capodanno

Sognare è rimasta l’unica prerogativa concessaci. La tassa sui sogni non l’hanno ancora applicata. Perciò sogno… O se vogliamo dirla all’americana I have a dream
Napolitano se ne andrà tra fischi e pernacchie sotto il Quirinale il 14 gennaio dopo il semestre europeo. Là sotto ci sono folle di dimostranti imbufaliti con squadre e  compassi innalzati e cartelli con le scritte: Massone, tornatene in Loggia.
Continue reading

Spendi 100 prendi 9

Ecco quello che ha contribuito al grande disavanzo pubblico italiano: lo spreco di denaro per il collocamento dei gruppi fotovoltaici sui tetti delle scuole italiane, fatti installare da amministrazioni locali, forse su input dell’allora ministro Pecoraro Scanio, a sua volta estasiato e innamorato dei pannelli fotovoltaici.
Il 22 dicembre scorso, il titolo di una lettera pubblicata sul Giornale, nella rubrica L’angolo di Granzotto, aveva catturato la mia attenzione “Spendi 100 prendi 9, il fotovoltaico è un vero affare”.…
Continue reading

CATTOCOMUNISTI….

In fondo mi fanno pena. Per anni sono stati nelle catacombe, con l’ Icona dei Preti Guerriglieri alla parete, dopo che San Giovanni Paolo II aveva fatto a pezzi la Teologia della Liberazione. Scrivevano peana a Martini, gironzolavano spaesati intorno alla Curia Milanese, si vestivano con bandiere blasfeme iridate, giocando ad Assisi al pauperista da operetta.

Continue reading