Home » 2014 » novembre (Page 2)

Salvini, adesso viene il difficile

Il voto di domenica ha portato Matteo Salvini ad emergere come possibile leader del Centro Destra.
E sono cominciate le aggressioni.
Non quelle fisiche (che tra l’altro portano solo altri voti) ma quelle mediatiche, solitamente prodromiche a quelle giudiziarie.
L’argomento è il finanziamento da Mosca.
Ma guarda, quando lo ottenevano i comunisti, tutto bene, adesso che finisce nelle tasche del Fronte Nazionale è uno scandalo ?
Continue reading

La grandezza delle donne

“Donna, se’ tanto grande e tanto vali”, ma solo agli occhi di Dio e nella grazia degli uomini veri … per gli altri sei un angelo o versiera, con i segni sulle spalle, di evidenti cicatrici, a riprova delle ali … come misteri di afrodite, per gli occhi lascivi e famelici, di bocche sbavate, che vedono in te la […]…

Continue reading

Emergency, l’ Ebola e Veronesi.

Ma il medico di Emergency, visto che ama tanto la Sierra Leone, perchè non ci è rimasto a farsi curare ? Perchè esporsi ai rischi di un lungo viaggio fino da noi, con pure il rischio ulteriore di trovare un dottore amico di Veronesi che pratichi l’ Eutanasia ???

Continue reading

Dopo il voto

I risultati sono ormai definitivi e le reazioni del primo momento si sono sedimentate.
Ognuno guardi a casa propria.
Il Centro Destra, davanti al successo della Lega deve prendere atto che le svolte gaie, immigrazioniste, “responsabili”, unioniste, che conducono ad accordi con i comunisti sono profondamente contrarie al sentimento della propria base che o si astiene o cerca (e trova) una alternativa.
Continue reading

La fine degli scontrini e l’estinzione del contante

Renzi annuncia in un video al Corriere che eliminerà quel che resta del contante che Mario Monti aveva già drasticamente ridotto. Il blog Critica Scientifica di Enzo Pennetta riporta le capriole verbali dietro alle quali si schermisce Selfie Man. Consiglio di leggere interamente il pezzo ma mi soffermo su questo passaggio: 
In un pezzo da manuale della comunicazione il Premier annuncia che verrà tolto il contante senza mai nominarlo direttamente.Un’operazione che cambierà (in peggio) le nostre vite.
Continue reading

Ci guadagnano sempre banche, assicurazioni e coop…

Sanità pubblica, ecco l’integrazione con le assicurazioni che piace a Unipol. Il presidente della compagnia delle coop: “Se sapremo superare i pregiudizi consolidati, il pilastro socio-sanitario, inteso non più solo come un costo, può divenire una solida filiera economico-produttiva da aggiungere alle grandi direttrici politiche per il rilancio della crescita nel nostro Paese”.…
Continue reading

Fonzarelli, il 2 a 0 per loro e i coglioni

Regionali, vince l’astensione. Ma Renzi fa finta di nulla. Con appena il 40% dei votanti la sinistra vince in Emilia Romagna e Calabria. Renzi esulta su Twitter: “2-0 per noi” di Raffaello Binelli

I dati delle elezioni regionali in Emilia Romagna e Calabria parlano chiaro: ha stravinto l’astensione. A votare, infatti, sono stati il 40% degli aventi diritto dei quasi 5 milioni e mezzo di persone chiamate alle urne.

Continue reading

BATTERE RENZI E’ POSSIBILE

Una cosa è chiara, ed il Partito dell’ Astensione lo dimostra.Battere il centrosinistra è possibile. Basta presentare un partito VERAMENTE di Centrodestra NON di MODERATI. Basta MODERAZIONE (che vuol dire anche modesto…) . Basta cretinate che fanno spazientire la gente che non ce la fa ad arrivare a fine mese.

Continue reading

Le schede elettorali sono le nostre pallottole

Mentre scrivo non conosco i risultati delle elezioni regionali e, in particolare, i due dati che appaiono più interessanti:
– la percentuale di votanti
– se la Lega in Emilia Romagna sia riuscita a superare Forza Italia.
Sul secondo punto mi sono già ampiamente espresso.
Le oscillazioni di un Cavaliere troppo influenzato dal suo circolo intimo, a cominciare dalla signorina Pascale, rendono impellente non solo una rinnovata leadership dell’intero Centro Destra lasciando a Berlusconi l’onorevole ruolo di Padre Nobile, ma anche un riequilibrio dei rapporti di forza all’interno della Coalizione a favore di quei partiti che maggiormente garantiscono di tenere la barra del timone dritta nei confronti del governo Renzi, dei capricci omosessuali, del buonismo cattocomunista verso immigrati, zingari, occupanti abusivi, dei diktat di Bruxelles, del dirigismo statalista che si traduce in rapine fiscali.
Continue reading