Home » 2014 » settembre (Page 3)

Sulla Ue

Stiglitz: l’Europa continua a sbagliare ricetta economica

Il Nobel per l’economia 2001, Joseph Stiglitz, è tornato sulla crisi di Eurolandia. Ripeteno concetti noti ma che sembrano sfuggire ai politici europei ed italiani: in assenza di crescita il rigore non serve a superare una crisi, anzi tende a peggiorarla… Il mondo cambia rapidamente sotto i colpi dell’innovazione tecnologica e forse presto al posto di banche e assicurazioni potremmo vedere Apple e Alibaba concedere credito e assumersi rischi.

Continue reading

Ferruccio De Bortoli…

De Bortoli stronca Renzi e il suo governo. Il direttore del Corriere attacca frontalmente il capo del governo di Raffaello Binelli

Ferruccio de Bortoli ha scelto un giorno non a caso – il lancio della nuova grafica del Corriere – per rifilare una pesante bordata a Matteo Renzi. Non tanto (e non solo) al suo esecutivo ma proprio a lui, Presidente del Consiglio e leader del Pd.

Continue reading

Renzi massacrato

Un Pd che con l’avvento di Matteo il gelataio ha compiuto per intero la sua metamorfosi che lo ha condotto ad essere il vero partito dei padroni e della casta di papponi, tutta. Il centro destra ormai, come dico da anni è solo una coalizione di destra da operetta, la destra degli yuppies alla Morelli che è la fotocopia malriuscita di Montezemolo.…

Continue reading

Cambiamento violento

Renzi avrebbe dichiarato negli Stati Uniti che è ora di un cambiamento violento.
Purchè poi non si metta a frignare con la tata di Berlino, se farà come i pifferi di montagna, che vennero per suonare e furono suonati.

Entra ne

Continue reading

La bufala depistante dell’art. 18

La sinistra litiga con la sinistra stessa. Qualcuno penserà: “Chissenefrega?”. Purtroppo il problema ci riguarda poiché trattasi di una forma di dispotico assolutismo che impedisce il reale esercizio della critica. Della serie, sinistra di governo e di lotta, di potere e d’opposizione. Per ogni Renzi, c’è sempre una Camusso o un Landini a fare da contraltare.…
Continue reading

La tolleranza non basta

Oh, allora si presume che il vaticano, come l’italia abbia abolito il reato di clandestinità. O quantomeno sia in procinto di abolirlo se, secondo lui bisogna accoglierli tutti… E’ facile parlare quando sono sempre gli altri a pagare, eh e le porte del vaticano, pardon, i confini del vaticano restano chiusi?…
Continue reading

I 5 Stelle in Europa percepiscono tanto quanto gli altri?

Arriverà il tempo in cui vedrò i parlamentari, italiani, europei, andare a lavorare (non in palazzi principeschi, ma in capannoni) in tuta blu, con la gavetta col pranzo nella borsa, prendersi il tram e pernottare – quando è il caso – in pensioni a una stella, come ho fatto io (più o meno) per una vita?…

Continue reading

Napisan, Renzie e il lavoro

 Un commento: “É risaputo che in Italia, sempre legata al modello govenativo democristiano del chiagni e fotti, quando si fanno proclami di forti cambiamenti il disco rosso del mirino laser di palazzo Chigi ha come obiettivo il popolo bue soffocato dalll’esorbitanti tasse e dalle poche tutele di questo paese. Le belle parole (non di meno le intenzioni) di Renzi e Napolitano, che si sostengono come in una piéce teatrale, non vogliono incidere sui veri problemi del paese e cioè: Ricerca, Evasione, Mafia, ma dare in pasto al capitalismo straniero la forza lavoro di questo paese, ecco, cominciano da qui, perché è la cosa più facile e, allo stesso tempo, la più remunarativa da mettere sul piatto dell’Unione Europea: abbiamo cancellato l’art.
Continue reading

Berlusconi, non fare scherzi da prete

Non mi è piaciuta affatto la battuta di domenica di Berlusconi per cui in Italia c’è una sola bandiera che sventola e si chiama Renzi.
Ancor meno mi piace leggere nella edizione online di Libero della ipotesi di un nuovo partito tra Berlusconi e Renzi.
Così il Cavaliere svende i suoi elettori e infama venti anni di sacrifici, esattamente come di Montanelli si ricorda il tradimento con la sua Voce e non i venti anni di guerra ai comunisti con il suo Giornale.
Continue reading

Bastonate extranazionali

Crisi, Financial Times: “Se l’Italia non cresce farà default sul debito pubblico”. Un editoriale di Wolfgang Munchau lancia l’allarme: “Il fardello del debito italiano è un problema per tutti noi”. E il Paese non ha strumenti per uscire dalla “trappola”. Matteo Renzi “ha promesso riforme radicali ma non ha ancora realizzato nulla” ed è “ingenuo pensare che l’economia ripartirà miracolosamente quando le imprese potranno licenziare il personale”.…
Continue reading