Consigli per i risparmi

Da ieri Renzi ha aumentato anche la tassazione sui risparmi: dal 20 al 26%.
Neppure la Camusso aveva osato tanto, fermandosi a richiedere il 25% .
Stampa di regime e televisione di stato, si affannano a ricordare che per i titoli di stato come bot e btp, la tassazione è ancora ferma al 12,5%.
Una macroscopica disparità nei confronti dei titoli obbligazionari emessi dalle aziende private che pagano il 26%, ma lo stato, per alimentare il suo debito, mantiene la tassazione agevolata.
Ma se un risparmiatore non vuole alimentare con i suoi soldi il debito pubblico e non vuole finanziare questo stato che meriterebbe solo di fallire, può riuscirci senza rimetterci ?
Certamente.
Ci sono ottimi titoli emessi da organismi internazionali come la BEI che offrono rendimenti tassati al 12,50% come i titoli di stato.
Ovviamente sono rendimenti già di loro bassi, perchè sono titoli “sicuri” (per quanto possano esserlo TUTTI i titoli azionari e obbligazionari).
Se uno vuole però alzare il livello di rischio e quello di rendimento, anche con un 7 – 8 %, può, sempre restando sui titoli BEI tassati al 12,50%, acquistare quelli in valute come la lira turca (TRY) o il rand sudafricano (ZAR).

La guerra contro Renzi si combatte anche evitando di finanziarlo, sia pur indirettamente e non partecipando ad alimentare il debito pubblico italiano.



Entra ne

Il noto travestito Vladimiro Guadagno invoca la Legge e l’ Ordine….

Il noto travestito di sesso maschile Vladimiro Guadagno è stato minacciato ed insultato sotto casa. Subito si penserà ad un vile attacco omofobo/nazi/fascio. Niente di tutto questo: ad aggredirlo è stata una banda di spacciatori nordafricani, probabilmente irregolari, per via di una “proclamata” lotta contro lo spaccio del Guadagno. Il quale ha pure chiesto a gran voce la presenza di maggior polizia nel quartiere.
Qualche precisazione:

1) La Legge Italiana, invocata a gran voce dal noto invertito, con l’esclusione del periodo carnascialesco, vieta il travestimento in pubblico. Il sig. Guadagno non si è mai castrato cambiando sesso.
2)Gli spacciatori che lo hanno aggredito sono sicuramente clandestini o ex-clandestini che girano liberamente grazie alla depenalizzazione del reato di immigrazione clandestina voluta dalla sinistra. 
Poichè in Italia ormai tutto si mischia, dopo l’ iscrizione di Feltri e Pascale all’ ARCI-Gay e relativa apertura di Silvio Berlusconi a pederasti e lesbiche, sarebbe auspicabile l’ iscrizione del Sig. Guadagno alla Lega Nord, da sempre contro droga e clandestini.
Non credo però che salvini approverebbe….


Entra ne

Smascherare l’imbroglio di Renzi

Renzi parla, parla, parla.
Quando agli esami universitari non eravamo preparati, l’unica ancora di salvezza era di subissare la commissione (spesso annoiata) di parole per mascherare la nostra ignoranza.
Talvolta ha funzionato.
In politica è più facile.
Noi in Italia abbiamo bisogno di credere alle buone notizie, salvo poi masticare amaro.
E molto amaro vidi masticare i colleghi comunisti dopo che Prodi modificò le aliquote iperf di Berlusconi e quando arrivò la prima busta paga del gennaio 2007, in netto calo.
Così hanno masticato amaro, occhi sgranati, alcuni colleghi comunisti, sostenitori di Renzi e, prima, di Letta e di Monti, quando hanno ricevuto la lettera del comune di Bologna con gli importi della tari e della tasi.
Ma masticare amaro serve solo a farsi venire l’ulcera allo stomaco.
E’ ora di reagire.
Dal vertice europeo, che il putto fiorentino ha strombazzato come un suo grande successo, è uscita una sola certezza: non è stata concessa alcuna proroga all’Italia per il rientro dal deficit.
I quotidiani non asserviti al regime hanno già ipotizzato una manovrona da 25 miliardi in autunno per rispettare il diktat europeo.
Renzi non parla del rientro dal debito, ma di flessibilità che, da parte di chi vorrebbe reintrodurre il cosiddetto “falso in bilancio” per le aziende private, sarebbe un gigantesco falso nel bilancio di uno stato.
Infatti verrebbero escluse dal parametro le cosiddette spese per l’innovazione, le riforme, la crescita.
Quelle spese ci sono.
Quelle spese dovranno essere rimborsate.
Ma Renzi avrebbe “ottenuto” di non conteggiarle.
Per ora.
Così può spendere di più, altri soldi che dovremo restituire con gli interessi.
Nel frattempo il governo pensa di ricollocare, usando il “metodo Olivetti” ?, i 2500 lavoratori dell’Alitalia che verranno dichiarati in esubero per consentire l’immissione di denaro fresco dagli Emirati.
Quello di Renzi è un imbroglio economico, perchè aumenta le tasse per aumentare le spese e non per risanare il bilancio, creando i presupposti per ulteriori tasse contro gli Italiani.
Ma è un imbroglio anche politico con le presunte riforme, quando propone un complesso (quindi, come tutte le leggi non lineari e non chiare, destinato ad imbrogliare il prossimo) sistema elettorale per la camera e la nomina, non più l’elezione, del senato.
Il tutto con il contorno di leggi che spingono ancor di più l’Italia verso il baratro morale come lo ius soli, la cittadinanza e il voto agli immigrati, il “matrimonio” omosessuale, la legge sul “fine vita”, il divorzio “breve”, la distinzione della droga tra “leggere” e pesanti con il corollario dei tossici in libertà, l’occupazione di tutto ciò che è occupabile come la rai e la Federazione Calcio.
Contro questo signore occorrerebbe un Centro Destra coeso e su una opposizione durissima e ostruzionistica.
Invece il Cavaliere è diventato l’ombra di quello che, lascia (stra)parlare la signorina Pascale e ne conferma le scelte sfidando la sua stessa base elettorale, come fece Fini nel 2003 quando all’improvviso sostenne il voto per gli immigrati.
Oggi, quindi, siamo più e meglio rappresentati dalla Lega di Matteo Salvini.
Che un altro Matteo ci possa salvare dal Matteo fiorentino ?



Entra ne