Home » 2014 » aprile (Page 8)

Su ebola

E’ apparsa su un sito web una lettera scritta da una madre, indirizzata al Prof. Clerici presidente dei Microbiologi clinici italiani. Ecco il testo integrale della lettera apparsa su Imola Oggi

Sono una Madre Italiana, figlia, sorella, cugina, nipote di medici e fin da piccola in casa a colazione abbiamo mangiato pane e prevenzione, quindi benché non sia medico, so esattamente cosa sia ebola per trasmissione diretta dell’informazione.

Continue reading

Libri: Il Cronista

In questo saggio di Gaetano Rizza scritto in modo impeccabile e con un ritmo tale da non far staccare il lettore della pagina, vengono descritti gli ultimi anni della nostra Italia, soprattutto da un punto di vista politico ma non solo, fino agli ultimi recentissimi eventi, cioè le elezioni amministrative del 2011 e il referendum sul nucleare.…

Continue reading

Non ci resta che sperare nel virus Ebola

Un magistrato a Grosseto decide di far trascrivere nel registro dello stato civile l’unione perpetrata tra due omosessuali e certificata negli Stati Uniti.
Un gruppo di magistrati e di nominati prosegue nella decimazione delle leggi ideologicamente sgradite e rimuovono il divieto di fecondazione eterologa, ribaltando il volere del Popolo che aveva bocciato, facendo mancare il quorum, un referendum sul tema.
Continue reading

Comunisti dentro (e fuori)

Personalmente non vedo in quale altro modo apostrofare chi:
1) in campo economico riduce tutto ad 
    espropriare le case, 
    taglieggiare i redditi da lavoro,
    depredare i risparmi;
2) in campo sociale parla ancora, nel 2014 !, di togliere a chi ha avuto per dare a chi non avrebbe mai avuto, come se chi ha avuto non fosse, in larga parte, grazie al suo lavoro, al suo impegno, al suo ingegno, punendo quindi i capaci e i meritevoli per premiare certo chi è sfortunato, ma anche lavativi e parassiti (senza considerare che le tassazioni imposte puniscono essenzialmente chi ha sempre pagato pur riuscendo a risparmiare qualcosa);
3) in campo giudiziario lasciare campo libero a magistrati che tracimano dal loro ambito fino a condizionare la libera espressione di voto impedendo la candidatura del Leader politico del Centro Destra o abrogando sistematicamente leggi di cui non condividono la filosofia (come quella sulla fecondazione eterologa);
4) in campo identitario, apre le porte di una nazione all’imbastardimento massivo, addirittura andandosi a prendere (con pesanti oneri economici) i clandestini al di fuori delle acque territoriali;
5) in campo istituzionale, costruire artificiosi meccanismi complessi pur di evitare che il Popolo si esprima con un voto chiaro e lineare;
6) in campo internazionale, si presenta prono davanti alla finanza internazionale, senza alcun sussulto di dignità nazionale come, invece, nazioni di dimensioni più ridotte, come l’Ungheria hanno mostrato di voler e saper fare;
7) in campo politico perseguita chi, legittimamente, propone soluzioni, come la secessione, non conformi alla propria volontà o chi esprime opinioni “politicamente scorrette” (per loro) ma in realtà rette e tradizionali;
8) in campo fiscale mantiene ed inasprisce i controlli dello stato vessatore invece di ridurne l’impatto sulla vita di tutti i giorni;
9) in campo partitico, vive e dirige un movimento che affonda le sue radici nelle teorie marxiste;
10) in campo morale ritiene normale il “matrimonio” omosessuale, la eliminazione delle sanzioni penali per i tossici, concedere cittadinanza e voto agli immigrati passando dal nostro millenario ius sanguinis al barbaro ius soli.
Continue reading

Tsunami umano in arrivo

 
Alfano sgrana gli occhi, mette gli incisivi da coniglio mannaro in avanti  e chiede aiuto all’Europa. Sembra uno  di quei contadinotti siculi che a fronte di un incendio del  suo podere corre a chiedere aiuto proprio al mafioso che ha appiccato il rogo. Ma va là? Proprio da Van Rompuy o dagli Eurokomissar vai a piangere o inetto e pavido uomo?…
Continue reading

Il DEF … iciente

Nel momento in cui scrivo (pomeriggio del giorno precedente la pubblicazione) non ho notizie di come sarà il DEF del bulletto fiorentino.Non può peraltro esservi alcun dubbio sul fatto che Renzi, invece di tagliare realmente le spese, le aumenta e, dovendo pagar dazio alla Merkel ed agli sfruttatori di Bruxelles, preleverà soldi da privati ( con ‘aumento delle tasse sui risparmi di cui nessuno parla) e aziende (con l’aumento dei prelievi sulle banche che le espone alla scalata degli stranieri).

Continue reading

Ma non era ciò che volevano?

Fmi vede nero sull’Italia: “Nel 2015 peggio di Atene”. Allarme disoccupazione. Il tasso di disoccupazione crescerà al 12,4% nel 2014. E nel 2015 il pil greco “doppierà” quello italiano di Nico Di Giuseppe

Allarme disoccupazione in Italia. Secondo le stime contenute nel World Economic Outlook (Weo) del Fondo Monetario Internazionale, la disoccupazione cresce al 12,4% nel 2014, dal 12,2% del 2013, per poi calare all’11,9% nel 2015.

Continue reading

La Ue vuole sabotare South Stream

Vox aveva lanciato l’allarme durante i ‘giorni’ della Crimea. L’Unione europea è pronta a fare l’ennesimo danno all’Italia (dopo il bombardamento della Libia con la scusa della primavera araba), alla sua economia e alla sua sicurezza energetica. La Ue infatti è pronta a congelare i piani per il completamento del gasdotto da 40 miliardi di … continua

Continue reading

Ma si, suvvia, è una nuova era…

Scola: minareto sì, ma non in Duomo. Ma l’arcivescovo avverte: “Attenti a chi ci sta dietro, ai Paesi stranieri e alla lingua in cui predica l’imam” di Sabrina Cottone

Il cardinale Angelo Scola dice sì alla moschea. E anche al minareto. «Non farei grandi problemi per i minareti. Certo, purché non me lo facciano in piazza del Duomo…» sorride alla domanda dei giornalisti che lo interrogano all’Università Cattolica.

Continue reading

Cercasi Orban Italiano

E’ con grande piacere che leggo della nuova vittoria elettorale di Victor Orban, presidente Ungherese e leader del partito antieuropeista Fidesz.
Una vittoria che diventa ancora più rotonda se consideriamo il circa 20% andato al partito dei Migliori (Jobbik) e che fa sperare in una valanga antieuropeista a Strasburgo.
Continue reading