La miglior difesa è l’attacco

Da tre giorni il quotidiano della città, Il Resto del Carlino, nel suo fascicolo dedicato a Bologna ci informa circa i ripetuti, costanti furti nelle abitazioni, particolarmente nella zona Colli.
Pare che a nulla servano porte blindate e allarmi.
I rapinatori sarebbero professionisti delle scalate e riuscirebbero ad insinuarsi in casa senza difficoltà, ripulendola in un paio di ore.
Il fine settimana, quando spesso i proprietari sono via, è il periodo a più alto rischio.
Nonostante le ripetute denunce sembra che le Forze dell’Ordine non svolgano (presumibilmente non hanno disposizioni in proposito) un efficiente servizio di prevenzione.
Oggi un rappresentante di sicurezza privata ha esposto la sua idea circa un servizio dedicato al pattugliamento in zona ed il cui costo sia ripartito tra tutti gli abitanti.
Potrebbe essere una buona soluzione anche se, considerate le tasse che paghiamo, dovremmo poter detrarre le spese per la sicurezza (che lo stato non garantisce) dalle imposte.
Ma potrebbe anche essere una buona idea autorizzare i cittadini a portare armi per legittima difesa di se stessi e delle proprietà private.
In uno dei servizi dei giorni scorsi, un cittadino ha descritto come lui avesse visto scalare fino al secondo piano due criminali ed entrare in un appartamento.
Non ci dice, però, cosa abbia fatto.
Chiamato la Polizia ?
E quanto tempo ha impiegato per intervenire ?
Non sarebbe stato molto meglio se, in legittimo e regolare possesso di un’arma, fosse direttamente e immediatamente intervenuto ?
Immagino che il rumore degli spari avrebbe fatto intervenire anche altri abitanti e i delinquenti sarebbero stati presi e ridotti all’impotenza.
Far West ?
Certo.
Ma fu proprio con sistemi spicci che il Far West divenne civile da selvaggio che era.
E qui, in assenza dello stato, la priorità è difendere le nostre vite e le nostre proprietà.
Venga quindi modificata la norma sulla legittima difesa, rendendola più favorevole ai cittadini onesti e meno garantista verso i delinquenti e si dia la possibilità ai cittadini onesti, incensurati, di nazionalità Italiana e che abbiano svolto il servizio militare di possedere legalmente armi di difesa.



Entra ne

La via è giusta, il mezzo sbagliato

Berlusconi per attaccare l’europa del quarto reich germanico, ha dichiarato che i tedeschi non credono ai campi di concentramento.
Condivido in toto la scelta di una campagna elettorale contro l’euro e la Germania, ma vi sono così tanti argomenti in merito che è sbagliato scegliere quello più controverso e che può alienare al Cavaliere il sostegno di tanti che, a Destra, con mentalità aperta, prendono in critica considerazione anche le tesi c.d. “negazioniste” (che altro non sono se non una revisione storica senza sudditanza verso la storia scritta dai vincitori e senza preconcetti) e si domandano legittimamente il perchè ci sia una così violenta campagna per impedire a delle libere opinioni di essere diffuse.
Capisco la necessità di Berlusconi di non lasciarsi sommergere dalla propaganda renziana cui sono asserviti, con pochissime eccezioni, i mass media italiani e dagli strepiti sempre più incoerenti di Grillo.
Ma chi lo ha consigliato di sollevare contro la Germania la questione dei conti con la storia di tale nazione, ha fatto solo un autogoal.


Entra ne

M5S non sarà panacea di tutti i mali, ma partitocrazia è tutti i mali

Viva il parroco

… Quindi non c’è scelta. Anche stavolta non ho nessun dubbio per chi votare, ci mancherebbe altro. E per chi se non per il Movimento 5 stelle? Anche così arraffazzonato com’è? Anche se Grillo ha, volutamente, poco savoir-faire perché, ha ragione lui, certa gente ci vive col savoir-faire che tradotto nella loro lingua politichese non significa altro che metterla in quel posto al popolo con la vaselina

The post M5S non sarà panacea di tutti i mali, ma partitocrazia è tutti i mali appeared first on IL CRONISTA MANNARO.

Chi paga per trasformare le carceri in un Grand Hotel ?

E’ di moda parlare e scrivere sui massimi sistemi.
I clandestini vanno salvati (da loro stessi) , raccolti in mare (anche a 200 e più miglia dalle coste Italiane , abbondantemente oltre le acque territoriali) , ospitati (in hotel di lusso) , nutriti, coccolati, vezzeggiati e se delinquono è solo colpa della società.
Analogamente le carceri devono essere resort a cinque stelle, una sorta di cura termale di lusso per chi ha compiuto atti contro la persona e la proprietà.
E’ vero che, con la giustizia che ci ritroviamo in Italia, è molto probabile che in galera ci siano anche molti innocenti, ma almeno un terzo sono immigrati che, grazie alla Marina Militare trasformata per ordine dei politici in “porta dentro”, sono arrivati in Italia senza mezzi di sostentamento e senza lavoro, quindi con un’unica scelta: delinquere per sopravvivere.
Adesso ci si mette pure il vescovo di Roma pro tempore a supportare Pannella nella sua battaglia sulle carceri, amnistia e quant’altro.
Intendiamoci: il principio della rieducazione (sempre ammesso che quello da rieducare sia colpevole e non un perseguitato per le sue opinioni e azioni politiche) è giusto, come è giusto che i carcerati vivano decorosamente la loro condizione.
Ma tutto ha un costo e quando si chiedono ulteriori sacrifici, tassando i risparmi e le case degli Italiani, non si può pensare di trasformare le nostre carceri in accoglienti Grand Hotel.
A meno che il denaro per realizzarlo non venga TUTTO dalle casse vaticane …




Entra ne

Quando le Guerre sono VERAMENTE Civili…

Uno degli aspetti che gli Irlandesi tengono a far sapere sulla propria Storia è che una delle prime cose che vollero approntare,durante la Rivoluzione, furono le Uniformi.
Mogli, Fidanzate, Sorelle, Madri passarono ore ed ore, anche notturne, a cucire le Uniformi per l’ Esercito Rivoluzionario Irlandese.
Vere Uniformi, con Mostrine e Gradi: non fazzoletti o fascette ROSSE da mettere e togliere per poter sparare alle spalle di VERI Soldati in Uniformi Vere. E poi scappare in montagna…

Ricordare i Marò nella Festa di San Marco


Mentre celebriamo San Marco, Patrono di Venezia e della Serenissima Repubblica del Leone, non possiamo dimenticare i nostri Militari, dell’omonimo e glorioso Battaglione, ancora tenuti sequestrati in India.

Ogni giorno che passa evidenzia la inettitudine di ben tre governi, tre presidenti del consiglio, tre ministri degli esteri, tre ministri della difesa, incapaci di liberare chi ha adempiuto con onore al proprio dovere.
Monti, Letta e Renzi, Terzi, Bonino e Mogherini si stanno dimostrando alla … “altezza” di Jimmy Carter che nel 1979 fu incapace di liberare i diplomatici Americani sequestrati nella loro ambasciata di Teheran e là rimasero per oltre 400 giorni, finchè solo la volontà di sberleffo da parte del governo iraniano consentì la loro liberazione, dopo che Carter ebbe perso le elezioni.
Oggi, 25 aprile, Festa di San Marco, dobbiamo quindi anche rinnovare il nostro impegno, nella vita quotidiana, per dimostrare la nostra ostilità all’India, boicottando tutti i suoi prodotti e aziende.
Girone e La Torre liberi !



Entra ne

L’ossessione economica e la fine della cultura

Gian Lorenzo Bernini

Confesso che sta diventando per me una sorta di tortura psicologica notare come sui media, sulla blogosfera, sul web, impazzano dottrine economiche, teorie monetariste, ideologi dell’economia. Non sono pochi i blog e i siti che hanno come tema la finanza e le sue storture. O sono ispirati a varie scuole di pensiero economica (Von Mises, von Hayek, Keynes, Neokeynesiani

Mare nostrum ?

Quanto ci costa mare nostrum ?
Quanto ci costano le velleità delle Boldrine, degli Alfini, delle Carfagne, dei Renzi, dei Napolitani, per ritagliarsi un santino con la loro bontà diffusa a spese nostre ?
Ci costano 10 milioni di euro al mese.
Senza considerare i costi futuri: rapine, malattie, disordini sociali, pretese di assistenzialismo, perdità di Identità e Sovranità Nazionale.
Allora non sarebbe più semplice e meno costoso utilizzare la nostra Marina Militare per i suoi scopi istituzionali: difendere i confini della Patria ?
Non sarebbe meglio che i clandestini fossero, sì, salvati in mare, ma ricondotti al porto di partenza ?
Scommettiamo che dopo un mesetto di retromarcia forzata, smetterebbero di partire per le nostre coste ?
E allora sì che il Mediterraneo tornerebbe ad essere NOSTRUM, nella sua vera e piena accezione.



Entra ne