Home » 2014 » gennaio (Page 4)

L’immangiabile pastone del putto fiorentino

La stampa ruffiana e quella interessata hanno elevato elegiaci “ah, oh” al pacchetto riformatore del putto di Firenze in trasferta sotto la falce e martello della direzione pci/pds/ds/pd.
Ma voi mangereste un piatto di tortellini annegati nel vino e coperti da strati di rucola, scaglie di cioccolata e peperoncino ?
Credo neppure quei tedeschi che da bambino vedevo a Pinarella di Cervia ingozzarsi di spaghetti al pomodoro e di insalata (una forchettata degli uni e una dell’altra …) oserebbero tanto.
Continue reading

Su Matteo Renzi il giovane salvatore…

Al peggio non c’è mai fine di Giorgio Cattaneo

Matteo Renzi che progetta il futuro dell’Italia con Silvio Berlusconi. Renzi, cioè il Nulla elevato a insidia: oggi per il governo Letta, domani per gli italiani tutti. A cui proporrà, tra un sorrisone e l’altro, il Programma di Afflizione Definitiva messo a punto dai “padroni dell’universo” e affidato alla manovalanza tecnocratica di Bruxelles (Barroso, Van Rompuy, Schulz, Draghi) cui obbediscono mercenari e maggiordomi italici, da Letta a Saccomanni, in un tragicomico gioco delle parti secondo cui il pericolo che ci minaccia è Beppe Grillo, è la Costituzione antifascista, è la rappresentanza democratica – e non l’euro-catastrofe, non la disoccupazione a valanga che disintegra il tessuto sociale, non l’astuto Marchionne che ripiega su marchi prestigiosi come Alfa e Maserati per non dire apertamente che l’epoca delle utilitarie Fiat è finita, e che gli operai di Melfi, Pomigliano e Mirafiori, esaurita l’ultima cassa integrazione, dovranno cercarsi un altro lavoro, magari emigrando a Detroit.

Continue reading

Letta e Alfano ci regalano più clandestini

Che non avesse il “quid” lo avevamo capito presto e il Cavaliere lo aveva anche proclamato Urbi et Orbi.
Che non avesse neppure gli attributi necessari a mantenere il punto lo si era intuito dal suo cedimento sulla “mini imu” e, adesso, lo constatiamo con l’approvazione dell’emendamento governativo che declassa la clandestinità, cioè l’ingresso e la permanenza illegale in Italia, a semplice illecito amministrativo.
Continue reading

Il gioco del Putto fiorentino

 
Siamo ai giardini di Boboli a Firenze. Ma  il nuovo Putto delle fontane fiorentine da molti lodato per energia ed eloquio, non è così innocuo da limitarsi agli zampilli e ai giochi d’acqua. Parlo di Matteuccio  Renzi che in prima battuta poteva sembrare simpatico anche al popolo di destra, poiché  seriamente intenzionato a rottamare le tre streghe macbethiane del Pd Livia Turco, Rosy Bindi e Finocchiaro (nella foto in basso col carrello).…
Continue reading

Ancora sul Castrista Abbado.

Marzo 2005, Claudio Abbado e gli altri centonovantanove firmatari (tra cui José Saramago e Nadine Gordimer,ma anche Gianni Minà e Red Ronnie), affermavano che a Cuba «non esiste un singolo caso di scomparsa, tortura o esecuzione extra-giudiziaria» e che la rivoluzione ha consentito il raggiungimento di livelli disalute, educazione e cultura riconosciuti internazionalmente».

Continue reading

Oh, ma davvero?

Commissione esteri: Bonino: «Tra i rifugiati anche cellule dormienti». L’allarme lanciato dal ministro degli Esteri. «In Libia trovano un’autostrada senza controllo»
L’allarme arriva dalla Farnesina, per bocca del ministro degli Esteri Bonino: «In milioni di rifugiati, tra donne e bambini trovano facile nascondiglio tutta una serie di altri signori. Si tratta di un problema europeo perché l’Italia è un Paese di transito e dove vanno a finire le cellule dormienti è una questione europea».…
Continue reading

Nuovi disastri…

La soluzione al problema esodati. Giovannini e il piano per gli esodati: un prestito d’onore da aziende e Stato. Il ministro del Lavoro: «Contribuzione di imprese, lavoratori e Stato, senza violare la riforma Fornero»

Il procedimento «è complesso» ha subito precisato il ministro Enrico Giovannini. Ma che gli uffici del dicastero siano a lavoro, è innegabile.

Continue reading

Via il reato di clandestinità, ringraziando Alfano…

Il governo Letta cancella il reato di clandestinità. Un emendamento del governo converte il reato in illecito amministrativo. Resta la valenza penale per i recidivi. Scaramucce tra Pd e Ncd, ma alla fine la norma passa con 182 sì di Sergio Rame

Il governo Letta cancella il reato di clandestinità. Con un blitz a Palazzo Madama il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri presenta un emendamento al ddl sulla depenalizzazione e sulla messa alla prova che converte l’immigrazione clandestina in illecito amministrativo.

Continue reading

Ce lo chiede l’europa…

Giustizia, il ministro Cancellieri: “Oltre otto milioni di processi pendenti”. Il Guardasigilli legge alla Camera la relazione annuale sull’amministrazione della Giustizia. Su amnistia e indulto l’appello: “Ci consentirebbero di rispondere in tempi certi e celeri alle sollecitazioni del Consiglio d’Europa”. In diminuzione il numero di detenuti, oltre 1000 ricorsi alla Corte europea.…
Continue reading