Home » 2013 » ottobre (Page 7)

Purghe staliniane… e psicoreati

Hanno partorito un mostro giuridico. Non ce ne stiamo accorgendo ma la repubblica di Napolitano e della Boldrini, del ministro Kyenge e dei manovali del Parlamento sta stravolgendo lo Stato di diritto di Marcello Veneziani

Non ce ne stiamo accorgendo ma, nel giro di poche settimane, la repubblica di Napolitano e della Boldrini, del ministro Kyenge e dei volenterosi manovali del Parlamento, sta stravolgendo lo Stato di diritto e il senso della giustizia col plauso dei media.

Continue reading

Meglio tacere e…

Prima qui. E poi, il resto delle stronzate del signor Letta che ha ricevuto i complimentoni dell’abbronzato d’oltreoceano.
Legge stabilità, Letta: “Noi siamo stati i primi ad abbassare le tasse”. Il capo del governo difende la manovra dell’esecutivo e aggiunge: “La service tax sarà molto meno della somma di Imu e Tares.…
Continue reading

LA SALVEZZA DELL’EUROPA: MARINA LE PEN

Quanto da me scritto, e da anni, a proposito della doppia tragedia di Lampedusa (doppia: per gli africani che affogano e per noi che continuiamo ad accoglierli, impoverendoci per mantenerli e svendendo agli invasori la nostra identità occidentale), trova un perfetto riscontro nelle parole di Marina Le Pen, come riportate in questo video di Youtube:

I sondaggi prevedono già che sarà Marina la trionfatrice delle prossime elezioni in Francia, il che significa che finalmente assisteremo alla riscossa della vera Europa, salvata da una donna che ha più coglioni di tutti i politici “maschi” di sinistra messi assieme.…
Continue reading

Una croce in due

Ho un Cristo senza croce, l’ho acquistato presso un antiquario, mutilato e bellissimo. Ma non ha croce. Per questo mi si è affacciato un’idea… Forse tu hai una croce senza Cristo. Quella che tu solo conosci, tutti e due siete incompleti. Il mio Cristo non riposa perché gli manca una croce.…

Continue reading

Verdi

Numerose iniziative sono state e sono in corso per il bicentenario verdiano, e non sarà con un semplice e breve post che si potrà esaurire un argomento così vasto.

(sopra, Riccardo Muti su Verdi)

Alcuni punti possono essere comunque ricordati. Giuseppe Verdi (1813-1901) è senz’altro figura di punta dell’Ottocento italiano e non solo per la lunga durata della sua vita.…

Continue reading

Alfiniani d’America e d’Italia

Il voltafaccia di un centinaio di rappresentanti repubblicani alla camera bassa, ha impedito il fallimento dello stato federale.
Sarebbe stato non solo la ciliegina sulla torta del fallimento di otto anni di presidenza Obama, ma anche un fortissimo segnale di inversione di tendenza contro la spesa pubblica in tutto il mondo.
Continue reading

In mutande alla cipriota

Ormai arrivano quasi quotidianamente solo gragnuole di pugni così violenti e rapidi che i cittadini, non hanno nemmeno più il tempo né la forza di reagire. O di rendersi conto cosa piove loro addosso. E questo sia a livello nazionale che a livello internazionale. L’ultima, è la proposta choc della commare secca (secondo un sonetto di Gioacchino Belli, la morte).…

Continue reading

Rapine autorizzate

Patrimoniale. Tra le pieghe della manovra spunta la tassa sui risparmi: 20 euro ogni 10mila in banca. La tagliola scatta a prescindere se l’investimento o il bond acquistato abbia generato un guadagno

Tra le pieghe della legge di Stabilità, la patrimoniale c’è. Seppur mini, c’è. E’ spuntata nel documento approvato mercoledì dal governo delle larghe intese in tempi record.

Continue reading

Il Pdl fa da palo alla rapina

Case, pensioni, farmaci. Le tasse nascoste di Letta. Tagli ai crediti di imposta e riduzione dei rimborsi per chi ha pagato più tasse del dovuto. Che c’entrano queste e altre furbate col programma Pdl? di Framco Bechis

L’ultima sorpresa è arrivata ieri dal nuovo testo della legge di stabilità uscito dal consiglio dei ministri.

Continue reading

I ‘disperati’ pagano “97.500 euro per salire sui barconi”

Visto che nell’ultimo mese sono sbarcati circa 8mila clandestini, e che negli ultimi giorni la media è di almeno 500 al giorno, significa che nel giro di un anno – ceteris paribus – ovvero con questo governo di incapaci e calabraghe, dovremo ‘accogliere’ circa 180mila africani. Dove li metterete di grazia?
Continue reading