Home » 2013 » ottobre (Page 6)

Ritorno all’antico

 
Cari amici, scusate se mi sono assentato dal blog. La verità è che sono stato attirato nel vortice di Facebook. Ma oggi ho deciso di estraniarmene un poco, tornando al sempre caro e vecchio blog. Su FB ieri è successo un fatto. In molti avevamo condiviso un articolo, che poi ci è stato bannato (cancellato/oscurato). Erano commenti su un reportage francese che, con documentazione fotografica, riportava di atrocità che vengono compiute su donne congolesi.…
Continue reading

Pierrot Ferdinando Casini e i sassolini di Monti

E comunque rassegnati, anche senza Casini (che lì per lì ti è convenuto imbarcare) avresti fatto poca strada perché per me, per noi, sei, e sei sempre stato, una persona indecente che ha voluto fare, consapevolmente, il nazista contro i lavoratori italiani, in compagnia dei rappresentanti della Casta intera: i tuoi ministri, Berlusconi, Bersani, Casini, Fini.…

Continue reading

Sposati e sii sottomessa reloaded

Ribloggato da Il blog di Costanza Miriano: di Costanza Miriano Esce oggi la nuova edizione aggiornata del mio primo libro, con delle appendici alla fine di ogni capitolo, un “come è andata a finire, tre anni dopo” “Ma alla fine le tue amiche si sono sposate e sottomesse?” – mi ha chiesto Patricia, la editor […]…

Continue reading

La stangata fiscale c’è, eccome !

Sabato avevo evidenziato il ridicolo di chi, in ossequio agli ordini di scuderia, si arrampicava sugli specchi pur di confermare la favoLETTA della riduzione delle tasse .
Ieri, però, lo stesso quotidiano ha cambiato prospettiva, giudicando con ogni evidenza impossibile sostenere il contrario e, con ciò, rispettando l’intelligenza dei suoi lettori.
Il Resto del Carlino infatti, come da riproduzione a margine, titola: la stangata c’è.
Continue reading

Disinformazione di regime ridicola e dalle gambe corte

Il Resto del Carlino è il quotidiano che, da sempre, entra in casa mia.
Lo comprava mio padre, ho continuato a comprarlo io e, nonostante tutto, continuerò a farlo per la cronaca di Bologna e del Bologna, visto che le alternative con cronaca locale (Repubblica e Corsera) sono addirittura peggio.
Il quotidiano con la lettura del quale sono cresciuto aveva la direzione di un Grande come Girolamo Modesti che rappresentava la vera alternativa e opposizione alla giunta comunista di Bologna, oggi, però, è veramente caduto in basso.
Continue reading

L’incontro con il re!

Padre Giovanni Taulero racconta che dopo aver pregato per molti anni il Signore, chiedendogli di mandargli chi gli insegnasse la vera vita spirituale, un giorno udì una voce che gli disse: «Va’ in quella chiesa, e troverai la tua risposta!» Il padre andò in quella chiesa, e sulla porta trovò un mendicante, scalzo e tutto […]…

Continue reading

Ciao, Ferro, Fascistone di Predappio, mi mancherai !

Apprendo con tristezza che lunedì scorso è mancato, dopo una lunga malattia, Benizzi Ferrini, storico fondatore del negozio di Predappio “Ferlandia”. Tutta la variegata umanità, migliaia e migliaia tra Fascisti, turisti giapponesi, curiosi ed anche antifassisti, che ogni anno si reca in visita (col benestare degli amministratori sinistri, che gongolano per i soldini che si spendono nel paesello romagnolo), conosce questo negozio all’ entrata di Predappio (sulla sinistra, diffidare dalle imitazioni… ). Dove si può trovare veramente di tutto, dai manifesti su Codreanu ai busti del Nonno, dalle bandiere con Celtica alle magliette con Odino.

Continue reading

Sociologia delle Religioni, criptomarxismo a tonnellate…

Signor Salvatore Abruzzese, lei che critica Gnocchi e Palmaro, sarà pure Sociologo delle Religioni a Trento (Università che mi ricorda la nascita delle BR…), ma se definisce Gesù semplicemente il “falegname di Nazareth” si autorelega nel limbo pauperista. Eppure dovrebbe conoscere che Giuseppe non era un semplice falegname, ma un imprenditore benestante come Pietro.

Continue reading

Le fantasie di Letta

” E’ una legge di stabilità che per la prima volta abbassa il debito, abbassa il deficit, abbassa la spesa primaria e abbassa un pò di tasse …”.
Peccato che aumenti, molto di più, altre tasse.
Molti ricordano Prodi che, vinte (?) le elezioni del 2006, come primo provvedimento mise le sue mani adunche sulle aliquote di Berlusconi che ci avevano realmente abbassato le tasse senza aumentare altre tipologie di imposte e a gennaio 2007 ci trovammo tutti con qualche decina di euro in meno.
Continue reading