Home » 2013 » luglio (Page 4)

Stupro di gruppo

Dicono, il carcere non automatico non è buonismo… e, bontà loro, la colpa è delle donne che si fanno stuprare e, ci spiegano perchè sia anche giusto che i giudici valutino caso per caso… dopo aver letto quel mucchio di stronzate, auguro a chi la pensa come gli articolisti una sola cosa.…
Continue reading

Io ho un sogno, Francesco…

Caro Francesco, ho un sogno. Vorrei che Lei durante questa GMG, con tutti gli occhi del mondo addosso, mi smentisse, dissipando tutti i miei dubbi. Vorrei discorsi tosti. Vorrei che condannasse l’ aborto con un omicidio, senza se e senza ma, e che i politici Cattolici che non lo dicano non vadano votati.
Continue reading

Decreto svuotacarceri

Svuota carceri, ok del Senato. La Lega protesta: “Escono gli stalker”. Il testo, che passa ora all’esame della Camera, è stato approvato con 206 sì e 59 no. La norma che evitava il taglio del personale carcerario grazie a 35 milioni prelevati dalla tassa sulle sigarette elettroniche è stata tolta dal ddl.…
Continue reading

Sul metodo Grillo ha ragione

Se credessi che quando parla di ripulire la politica dal letame, Grillo pensi agli stessi personaggi e partiti che vengono in mente a me, allora direi anche in alcuni contenuti, per ora, però, approvo i decibel con i quali Grillo attacca, “meritandosi” i rimbrotti della Boldrini che, evidentemente, non capisce quanto risulti stonata a molte orecchie la sua petulante voce a difesa degli immigrati, degli omosessuali e di tutto ciò che rappresenta il contrario del mio (e non solo mio …) concetto di Nazione sana.
Continue reading

Le specie protette: gli assassini extracomunitari

Kabobo ha ucciso tre persone a colpi di piccone. Ma per gli esperti non è capace di intendere Secondo gli psichiatri che dal 6 giugno lo seguono il ghanese sarebbe incapace di intendere e di volere. Per questo, oltre al carcere, potrebbe addirittura evitare il processo di Franco Grilli

L’orrore compiuto da Mada Kabobo, il ghanese che l’11 maggio scorso a Milano ha ucciso tre persone a colpi di piccone, è ancora davanti ai nostri occhi.

Continue reading

Giustizia malata

Un immigrato già ripetutamente espulso ma con provvedimenti mai eseguiti e che non avrebbe, da tempo, dovuto trovarsi a calpestare la nostra terra, è stato ferito a Padova dal proprietario della casa che stava svaligiando.
Agli arresti domiciliari è però finito il nostro connazionale che ha legittimamente difeso la sua proprietà ed al quale dovrebbe invece essere concesso un riconoscimento pubblico di merito.
Continue reading

Salutiamo il "Royal Baby"

Come ormai sappiamo tutti è nato il “Royal Baby”, il figlio di William e Kate ed erede al trono d’Albione.

Quello che pochi sanno è che l’attuale casata reale, e quindi anche il futuro Giorgio VII, sono saliti al trono in maniera non propriamente “legale” dal punto di vista dinastico. Nel 1688 il Parlamento Britannico si rivoltò al re cattolico Giacomo II Stuart e costrinse il re ad abdicare in favore della figlia protestante Maria II e del di lei marito Guglielmo III d’Orange, tagliando fuori dalla successione il legittimo erede Giacomo, colpevole d’essere di religione cattolica come la madre italiana Beatrice d’Este.…

Continue reading

Le specie protette, i gay e le lesbiche

 Prima questa notizia e poi il post di Nessie.
La legge pro gay è illiberale. Perché ci serve una norma speciale a tutela dei gay, degli islamici o dei neri e non degli anziani o degli indigenti? di Marcello Veneziani

Ci sono due precise ragioni contro la legge sull’omofobia e non c’entrano affatto né l’omofobia né l’omolatria, ossia il culto dei gay, che è oggi tendenza assai più pervasiva dell’altra.

Continue reading

Manifesto contro l’omolatria et similia

Oggi, finalmente, sia Il Giornale che Libero hanno pubblicato due solidi interventi contro la proposta di legge che, calpestando il diritto alla libertà di opinione, vuole compiacere le lobbies omosessuali.
Con due articoli di Davide Giacalone su Libero (di cui non ho ancora rinvenuto il link) e di Marcello Veneziani ne Il Giornale finalmente si legge sulla stampa qualche considerazione sensata e sana.
Continue reading