Home » 2013 » aprile (Page 3)

Buon lavoro Lorenzin e De Girolamo

 
Da tg24.sky.it (in caso di rivendicazione del copyright, la foto verrà rimossa)
 
Da più parti si agognava ad un governo del cambiamento, e cambiamento è stato. I cambi di rotta più drastici, rispetto al passato, sono avvenuti in due ministeri chiave: Salute, e Politiche Agricole e Forestali. Lì, dove sfido chiunque a dire che ci sia una qualsiasi sorta di trait d’union con il passato, sono state nominate le Pidielline Beatrice Lorenzin, di Ostia (di fianco a Letta nella foto), e la beneventana Nunzia De Girolamo (di fianco a Lorenzin). Lì il cambio di rotta è stato tra i più dirompenti, e in rete non si risparmiano commenti negativi da parte dei vari detrattori.…
Continue reading

Gli imbecilli si spellano le mani

Non chiamatelo inciucio di Marco Cedolin
A due mesi esatti dalle elezioni di febbraio, sembra essere nato, dopo un parto lungo e travaglliato, il nuovo governo destinato ad accompagnare gli italiani sul fondo del baratro. Già ad una prima occhiata, non si fatica a rendersi conto che il neonato governo Letta rappresenta per molti versi un qualcosa d’inedito rispetto a quelli che lo hanno preceduto, pur muovendosi nel solco del “pilota automatico” voluto da Mario Draghi.…
Continue reading

Un governo di freschezza?

 
L’altro giorno ho sentito una trasmissione radiofonica demenzial-satirica “Un giorno da pecora” che aveva un tormentone preso dalla pubblicità. Ricordate quella della caramella balsamica con tre che fanno la sauna eppoi cantano in coro il nome della caramella: “Riiiicoooola”? Su quell’aria dopo la candidatura di Letta jr facevano in coro il tormentone “Enricoooolètttt”.

Continue reading

Il nostro disagio e il nostro disgusto… non necessità, virtù

Un lungo commento di Gondor: “Come dare torto a Veneziani per quello che ha scritto ?! Una sola eccezione: “fare di necessità virtù”. Siamo sicuri che la necessità di formare un governo con questa composizione sia ora una virtù? A ben pensare, il Governo Letta è l’esatta fotocopia di quello precedente (dominato dai Poteri forti transnazionali) e poco conta a tale riguardo l’assenza tra le sue fila del Commissario liquidatore dell’Italia (M.…
Continue reading

Il nuovo governo

Governo Letta, i ministri: Alfano agli Interni, Bonino agli Esteri, Cancellieri alla Giustizia. Il segretario Pdl è anche ministro degli Interni. Mauro alla Difesa, Saccomanni all’Economia, Zanonato allo Sviluppo Economico, Lupi a Infrastrutture e Trasporti, l’Agricoltura alla Di Girolamo, l’Ambiente a Orlando. Il ministro del Lavoro sarà il presidente dell’Istat Giovannini.…
Continue reading

Evviva! Il nwo avanza a grandi passi

Chi è Cécile Kyenge, primo ministro di colore. Kyenge, 49enne congolese, ha militato nei Ds e nel Pd: ha già depositato una proposta di legge per riconoscere la cittadinanza ai nati in Italia di Sergio Rame Il neo ministro dell’Integrazione, Cecile Kyenge, è nata a Kambove in Congo 49 anni fa ed è un medico oculista.…
Continue reading

Al governo con gli impresentabili

Sono stati necessari due mesi e svariate capocciate contro il muro, per convincere i comunisti che le strade, viste l’esito del voto di febbraio, erano solo due: voto o governo di larghe intese.
Poichè a sinistra, nonostante le sberle prese, non sono ancora completamente suonati, hanno capito che il voto li avrebbe ricacciati all’opposizione e, così, hanno accettato di fare un governo con gli impresentabili del PdL, con il “blocco berlusconiano” come lo chiama l’alleato sedotto e abbandonato, Vendola.
Continue reading

Mentre l’Islanda si prepara a dire “NO” all’UE, sentiamo cos’ha da dire il presidente Grimsson

Pubblicato anche su “Scenari Economici“
Correva l’anno 2007 e nel mondo le cose andavano avanti. L’ONU stilava la sua annuale graduatoria dell’Indice di sviluppo umano e la medaglia d’oro di questa graduatoria andava a un’isola del Mare del Nord abitata da circa 300mila abitanti, ovvero l’Islanda.
Sì, stando alle sirene onusiane, alle agenzie di rating e ai media non c’era posto migliore in cui vivere dell’Islanda.
Continue reading