Home » 2013 » febbraio

Primæ noctis

La finestra dell’Angelus vuota

In questa prima notte senza pontificato, c’è già un po’ di nostalgia.

Quella finestra vuota su Piazza San Pietro la dice lunga: a guardarla si accavallano malinconia e speranza.

Sentimenti umani. E come tali sembrano proprio voler ingenerare la convinzione che un evento come la designazione del successore petrino esuli dalla materia del c.d.…

Continue reading

Sempre col cappello in mano…

A proposito di clowns di Marco Cedolin

Normalmente dopo la chiusura dei seggi elettorali e lo spoglio delle schede, fa seguito un periodo di contatti informali fra i partiti, che sfociano poi nell’insediamento del nuovo parlamento e nei contatti formali finalizzati alla creazione del nuovo governo. Solamente una volta che il nuovo governo è stato creato, il premier inizia a vistare o ricevere i leader degli altri paesi ed a confrontarsi con loro, illustrando la strada politica che intende intraprendere.

Continue reading

Un Papa che ricorderemo

Ancora un paio di ore e Sua Santità Benedetto XVI diverrà Papa Emerito e si aprirà la Sede Vacante.
Con un gesto che denota amore per la Sua chiesa e lucidità intellettuale, il Papa ha abdicato lo scorso 11 febbraio con decorrenza 28 febbraio ore 20.
Dovrebbe essere già partito per la residenza di campagna, lasciando liberi i cardinali di riunirsi in conclave ed eleggere il successore.
Continue reading

Da Reggio Emilia esposto contro Berlusconi

Circolavano vari detti leggendari un tempo, nella lotta tra Modena, Reggio Emilia, Bologna, su chi avesse il primato della dabbenaggine. Beninteso, le 3 “ridenti” città sono sempre tutte a sinistra, mai sia che non si sia comunisti in quelle terre. E ugualmente, da buoni postcomunisti (cioè unica soluzione per tutti quelli che non sono veterocomunisti), sono terre di Grillini, tanto che a Bologna il centrosinistra è andato sotto al 50%. Subito, all’indomani del voto, il Cavaliere è già strapieno di accuse e processi, che non enucleiamo qui.

Continue reading

Pdl e Pd perdono dieci milioni di voti

…sempliciotti, fascisti (o comunisti, dipende), mitomani e via di questo passo… perciò gente da poco. Ma che stranooo!!! Ma quando abbiamo votato Pd e Pdl però eravamo il meglio dell’elettorato, vero??? O no!…

Continue reading

L’opa di Bersani sui parlamentari grillini

Bersani è un morto che parla, uno stalker politico” dice Grillo.
“Venga a dirmelo in parlamento” replica lo smacchiatore mancato.
E’ tutta nella sfida a vedersi in parlamento (peraltro Grillo non è stato eletto) che si evidenzia la strategia di Bersani: carpire gli eletti grillini.
L’opa (offerta pubblica di acquisto)  è lanciata (offrendo tra l’altro la presidenza della camera e la “papabile” sembrerebbe addirittura una ecologista di Greenpeace !!!), vediamo chi presenterà l’opv (offerta personale di vendita).
Continue reading

La grillocrazia che allarma i nazisti…

Schaeuble: “Rischio contagio da Italia fare un governo prima possibile”. Il ministro tedesco delle Finanze preoccupato per l’incertezza politica del dopo elezioni: “Certe cose le abbiamo già viste in Grecia. La crisi dell’euro non è finita” di Andrea Tarquini 
BERLINO – “L’Italia è ormai un caso grave, contagioso, infettivo per il futuro dell’Europa.…
Continue reading

La grecia… ah, no, scusate, l’italia

Destabilizzare le banche italiane per imporre un (nuovo) governo compiacente a Berlino e Bce di Marco della Luna
Per imporre in Italia un governo compiacente alla linea Monti-Merkel-Goldman Sachs nonostante l’esito elettorale di ieri, potrebbe essere a breve organizzata una crisi bancaria italiana che terrorizzi la popolazione e crei il consenso per un governo di quel tipo in cambio di aiuti monetari di BCE, Fed e altri.…
Continue reading

Ultima chiamata per la Destra

Come ho sempre scritto non mi occupo della sinistra, quindi non sono interessato ai mal di pancia di Bersani e dei suoi.
Ancora meno sono interessato o coinvolto da Grillo, un fenomeno che si spegnerà non appena si potrà toccare con mano che se vanno al governo (vedi Parma) falliscono e se restano sulle barricate, alla fine urlano senza costrutto (come è accaduto a tanti movimenti di protesta anche più organizzati di quello grillino).
Continue reading