Home » 2012 » agosto (Page 3)

La Brambilla continua a farci perdere voti

Michela Vittoria Brambilla ha una copertura mediatica superiore a qualsiasi altro politico del Pdl (Berlusconi escluso).
Purtroppo non per quello che ha saputo fare in modo egregio al Ministero del Turismo (confrontare per credere con l’attuale titolare, icona perfetta del governo dei tecnici per un’Italia vecchia e mummificata senza speranze per il futuro) o per una crociata contro i comunisti o la deriva morale della Nazione, ma per le sue paturnie ambientaliste e animaliste.
Continue reading

Sono e saranno sempre COMUNISTI !

Non cambiano mai, come affermiamo io e Berlusconi. Cambiano i nomi, ma resteranno sempre comunisti. Dentro. Ma anche fuori.Bersani (che non è il noto cantante), inaugurando la Festa Democratica a Reggio Emilia ha rispolverato il termine “Fascista” per catalogare gli avversari politici. Anzi, a risentirlo, mi è sembrato che abbia usato proprio “fassisti” come soleva il trinariciuto Peppone.Già, sono comunisti e trinariciuti.

Continue reading

Già, Mentone è sul confine svizzero.

Aumentano sempre più gli strafalcioni tra i giornalisti d’oggi. Uno che riempie la mia bacheca è sicuramente Paolo Di Mizio, caporedattore di Canale 5, dove cura la rassegna stampa. Tra le varie chicche che mi regala, l’altra notte ha affermato: “Mentone, al confine svizzero”. Bontà sua.Un’ altra perla televisiva mi è stata consegnata da una giornalista che, a commento dei numerosi incendi di questi giorni, ha detto: “….provocando la morte di molte specie di animali.”.

Continue reading

Addio a Neil Armstrong,il primo uomo della Luna

Neil Armstrong è morto all’età di 82 anni.
E’ la notizia che mi ha colpito maggiormente al giornale radio delle sei di questa mattina.
Neil Armstrong fu il primo uomo a posare il piede sulla Luna quel lontano 21 luglio 1969, che ho ricordato quaranta anni dopo QUI .
Per me, non ancora tredicenne e già appassionato di fantascienza, era il sogno che diventava realtà.
Continue reading

Di nuovo ladri di biciclette

Mio post del 30/11/2011 che vale la pena ripubblicare

Ladri di biciclette è il titolo di un bel film neorealista di De Sica. E’ la storia di un Italia del dopoguerra e di una società povera che riduce i propri cittadini a doversi mortificare anche con piccoli furti per poter portare da mangiare ai propri figli.…

Continue reading

Viva il Campionato !

E’ inutile.
Possono esserci campionati europei, mondiali, supercoppe, premier e liga e persino le olimpiadi, ma, per me, di Campionato ne esiste uno solo: quello del Calcio Italiano.
Nonostante sia tifoso di una squadra che, ormai, può solo guardare con nostalgia i trofei del passato e celebra il 7 giugno 1964 (vittorioso spareggio contro l’odiata Inter per la conquista dell’ultimo scudetto)  come Festa Nazionale, ma il Campionato resta il Campionato.
Continue reading

Si incomincia: Conte ed Agnelli la smettano…

Incomincia un altro campionato, ancora eppiù avvelenato grazie a chi non ha fatto altro che, in un anno intero, mestare nel torbido, prima tendando di attaccare uno scudetto legittimissimo della Mia Beneamata, dimenticando che la Juventus avrebbe dovuto retrocedere in C/1 o C/2 (e quindi fallire, probabilmente..), ed invece ricominciò dalla B.

Continue reading

Sprechi

Un rudere da tre milioni. E dopo nove anni indagano i magistrati. Doveva ospitare una scuola, oggi è abitato dai rom. E l’amministrazione paga 39mila euro l’anno di Ici di Stefano Zurlo
Uno scandalo lungo nove anni. Un edificio comprato dalla Provincia di Napoli nel 2003 per 3 milioni e 245mila euro.…
Continue reading

Revisione di spesa

Nel frattempo, per rilanciare la crescita, la PA assume una paccata di nuovi docenti… sempre a spese del contribuente privato… disoccupato.
Altro che tagli: 18 milioni di euro a sette enti che dovevano sparire. Altro che tagli agli sprechi: ben sette enti prima considerati “inutili” ricevono fondi per oltre 18 milioni di euro dal Miur di Clarissa Gigante
Altro che tagli agli sprechi, altro che spending review.…
Continue reading

La ditta a un euro…

Gli uomini che (non) fecero l’impresa a 1 euro di Mario Sechi
Aprire una società a responsabilità limitata con un euro di capitale. Bene. Bravi. Bis. E poi? Il governo prepara mirabolanti annunci sulla crescita. I tecnici sono passati dal peggiorismo (strumentale al loro arrivo) all’ottimismo senza realismo (anch’esso utile alla causa del provvisorio che in Italia diventa permanente).…
Continue reading