Home » 2012 » luglio (Page 15)

Mortimer porta jella

E’ arrivato lui, si è messo vicino a Platini e abbiamo perso. E che batosta! Quattro a zero per la Spagna, mica sul fil di lana. Parlo di Rigor Mortis o Mortimer. Inutile metterci la “n” tanto per fare il giochetto di parole con sottinteso. Verrà la morte (cioè lui)  e avrà i tuoi occhi (Cesare Pavese).…
Continue reading

Stranezze…

E’ singolare di come il premier italiano (non eletto dal popolo) stia ora a Kiev a guardarsi la partita (molto probabilmente a spese del contribuente che, da oggi vede aumentarsi anche le bollette del gas e della luce) seduto accanto a Platini e, invece sia andato una sola volta (e di breve e veloce passaggio) a vedere terre e persone devastate dal terremoto… ma infondo, ai terremotati, proprio questo premier ha tolto anche i fondi per le ricostruzioni… e non solo.…
Continue reading

Il Pensiero Verde 2012-07-01 19:57:00

Lega Nord, al via l’era Maroni:  “Segretario senza ombre”.  Bossi in lacrime.
Assago (Mi) –  L’ex ministro dell’Interno eletto nuovo segretario: “Garantisco lo stesso impegno che ho messo negli ultimi tre anni alla lotta alla mafia. Io sono uno di voi, la mia porta sarà sempre aperta“. Bossi infiamma la platea: Chi pensava che la Lega morisse non ha capito bene
L’ex ministro: “Umberto resta un fratello, sempre nel cuore.…
Continue reading

L’esecutivo dei puliti

Altri guai per il governo: Corrado Passera è indagato. Il ministro dello Sviluppo accusato di reati fiscali come ex ad di Intesa di Gian Maria De Francesco
Divisi dalla vita ma uniti dal destino. Anche al ministro dello Sviluppo, Corrado Passera, è toccata la stessa sorte dell’ex collega banchiere Alessandro Profumo: l’attenzione della magistratura nei confronti di alcune operazioni effettuate in passato.…
Continue reading

FORZA ITALIA, nonostante…

FORZA ITALIA, nonostante Napolitano che dimentica tutti gli anni dell’ internazionalismo del PCI, dell’ Istria e della Dalmazia svendute da Togliatti ed il succube De Gasperi al Boia Tito; che dimentica quando i comunisti insultavano, a Monfalcone come a Bologna, i profughi che arrivavano alle stazioni, scappando dalle Foibe; che dimentica quando gli eroi dell’ odio rosso bruciavano il Tricolore.

Continue reading