Home » 2012 » giugno

Aggiornamento di stato. Post di servizio. II°

Il 29 Gennaio,ultimo mio contatore controllato su Splinder, mi dava:

visitato 184.596. Aggiungendo le 53.299 qui su blogger (nonostante poi il fatto che negli anni il contatore di Splinder si sia bloccato più volte, anche per lunghi periodi…)fanno 237.895.Non male per un blog con commenti ipermoderati e censurati da un vecchio brontolone come il sottoscritto.

Continue reading

Giornali e immigrazione

La guida all’immigrato fa la predica ai giornali Ma salva quelli “rossi”. I ministeri di Welfare e Interno vogliono educare i media “allarmistici”. Però la morale tocca soltanto al Giornale di Fabrizio Boschi
Comunicare l’immigrazione non è facile. Soprattutto in un Paese, come il nostro, dove dal 1861 ad oggi, gli stranieri sono aumentati del 7%: da 88.639 nell’anno dell’Unità d’Italia, a 4 milioni 570.317 nel 2010.…
Continue reading

Contenti voi…

E mentre tutte le testate (almeno quelle italiane) si sperticano in pelosissime lodi alla “mossa” di supermariomonti salvatore d’italia e d’europa… qui si scopre che la Standard & Poor a suo tempo truccò un pò le cose per declassare l’italia. Inoltre, per quanto riguarda la gran mossa montiana che ha fatto volare le borse e scendere lo spread, qui un altro punto di vista: poi, ovviamente, se ci si accontenta degli annunci, tutto va bene madama la marchesa…
Dalle stelle allo stallo di Gianni Petrosillo
Mario Monti annega in un fiume di parole facendo affogare l’Italia in un mare di lacrime e sangue.…
Continue reading

Gli Ultimi saranno i primi

Cari amici tutti, a proposito del discorso che facevamo nel post precedente “C’è chi sta con la Fornero” non posso che ribadire quanto ho già detto nello stesso post.

Ma vi dirò di più, noi faremo LA RIVOLUZIONE DEGLI ULTIMI. E credetemi, gli ultimi che dico io sono i primi che dovrebbero essere considerati dalla società.…

Continue reading

Qualcosa (seppur poco) si muove?

La destra nazionalista europea a Milano. Dagli Jobbik ungheresi al Front National: «Vogliamo costruire una Europa diversa da quella di oggi» l’incontro all’hotel michelangelo, vicino alla stazione centrale
MILANO – Hanno prenotato due sale. Una venerdì 6 luglio, l’altra il giorno successivo, all’hotel Michelangelo. «Parleremo del nostro concetto di Europa che è molto diverso da quello attuale», dice con una punta di orgoglio Luca Romagnoli, Fiamma Tricolore.…
Continue reading

I nostalgici del compromesso storico

Con la scelta di Casini di allearsi con Bersani, torna prepotentemente alla luce il disegno egemonico di cattolici e comunisti che diede vita a questa repubblica e impose la costituzione del 1948.
Se nel 1994, Casini (e Mastella) si distinsero scegliendo di costituire coraggiosamente il Ccd in contrasto con la maggioranza filocomunista del ppi allora di Martinazzoli (che poi è infatti confluita nel pci/pds/ds/pd), oggi Casini e i suoi rinnegano tale scelta per offrire uno sgabello a Bersani.…
Continue reading

Veneziani, Dio, i Diritti ed i Doveri.

Manco a farlo apposta, dopo aver dato le risposte al mio post di ieri, sono capitato nell’ articolo odierno di Marcello Veneziani sul Giornale, ripresosi dalla sua piccola sbandatina a favore del Buddismo e contro un bel libro che ne denunciava le magagne (Roberto Dal Bosco “Contro il Buddismo”).

Di nuovo un Veneziani che mi piace, e che ripropone il Pensiero Forte (e dunque Gerarchico) come base per il futuro.…

Continue reading

Disinnescare l’omogeneità delle nazioni

Guardate un po’ cosa dice  Peter Sutherland, l’ennesimo personaggio che pratica le porte girevoli dei  poteri mondialisti. Chi è costui? Uomo di punta della Goldman Sachs, presidente del gigante petrolifero della BP, uomo del Bilderberg club e già ministro delle giustizia irlandese, rappresentante di punta della Ue per le politiche migratorie. Troppi incarichi per non pensare male.…
Continue reading

Provaci ancora, Franz !

Nonostante l’immissione massiccia di non tedeschi (che non cantano l’inno nazionale come da immagini !) , il risultato non cambia: l’Italia del calcio batte la Germania nelle partite che contano (europei e mondiali).
E’ una autentica sindrome quella dei tedeschi verso l’Italia anche in un’epoca in cui la nazionalità dei giocatori viene annacquata con l’immissione di giocatori in possesso di cittadinanza, ma non di nazionalità.
Continue reading

C’è chi sta con la Fornero

Cari amici, vi segnalo un post di un amico che è d’accordo con le ultime dichiarazionini della Fornero, qui

Ma vi posto di seguito la mia risposta al suo post:

Il post è bocciato in pieno! Salvo solo la seconda parte del commento di Massimo, ma non condivido la prima parte.…

Continue reading