Home » 2012 » marzo (Page 3)

Le colpe degli italiani (inventate dal consiglio ue)

Strage di migranti dalla Libia Per il Consiglio d’Europa l’Italia è responsabile. Il rapporto del Consiglio d’Europa sulla morte di 63 migranti avvenuta nel Mediterraneo nel marzo scorso ha ravvisato errori compiuti dalle navi della Nato, dalla guardia costiera europea e dai paesi che hanno partecipato alla guerra in Libia di Luisa De Montis
“L’Italia, come primo Stato ad aver ricevuto la chiamata di aiuto e sapendo che la Libia non poteva ottemperare ai propri obblighi, avrebbe dovuto assumere la responsabilità del coordinamento delle operazioni di soccorso”.…
Continue reading

Qualche riflessione

Tre posts che meritano di essere letti: la cina è vicina, ci stanno ammazzando e not in my name. E aggiungo, naturalmente io sto tra TUTTI quegli italiani (e ne sono tanti più di quanto s’immagina lo spocchioso premier insultatore) che lo vogliono fuori da montecitorio.
Continue reading

Emilio Fede

Da tempo si sapeva – e lo aveva più volte ripetuto lo stesso interessato – che Emilio Fede avrebbe lasciato la direzione del Tg4, l’unico telegiornale che riuscivo a guardare senza essere preda dell’impulso di bastonare conduttore e gran parte degli intervistati.
Naturalmente quella parte sinistra di italiani abituata a ballare intorno ai cadaveri, ha gioito alla notizia e mi auguro che, come dopo Berlusconi ha avuto le tasse di Monti e le pensioni della Fornero, così dopo Fede sia servita in modo altrettanto efficace con un direttore che rappresenti Fede all’ennesima potenza (e più giovane).…
Continue reading

Monti: “Io so’ io, e voi non siete un c****!

Ascolta articolo su YouTube: “Questo governo gode di alto consenso, i partiti no”, che è la stessa cosa che disse Alberto Sordi nei panni del Marchese del Grillo: “Io so’ io e voi non siete un cazzo!” Questo è quello che il presidente del consiglio italiano ha detto a Tokio in un consesso che amplifica le sue dichiarazioni in tutto il mondo.…

Continue reading

Santi – ma quanti!

Probabilmente lo sapete già ma, per sicurezza teutonica – fiducia va bene, controllo è meglio -, vi confermo che il culto dei santi, dei morti, della Madonna non esiste nel mondo protestante. Pur credendo alla vita eterna, in realtà ci si comporta come se non esistesse. Si muore, punto e basta.…

Continue reading

Suicidi

Qui, la macabra conta dei suicidi per motivi economici… ma a quanto pare, numeri e difficoltà vengono completamente ignorate da chi invece dovrebbe interessarsi a tale “boom” esploso da un paio d’anni a questa parte con un peggioramento negli scorsi mesi.
Troppe tasse, un muratore si dà fuoco davanti all’Agenzia delle entrate: è grave.…
Continue reading

Alfano,il segretario pdl più amato … a sinistra

Con l’ennesima strusciata a tre con Bersani e Casini in un amplesso disgustosamente contro natura, Alfano ha raggiunto un accordo per una presunta riforma costituzionale ed una annunciata riforma elettorale.Alcune considerazioni preliminari si impongono, per poi far seguito, in altra occasione, con un primo esame della annunciata riforma elettorale (di quella costituzionale non vale parlarne ora tanto appare lontana nel tempo).In primo luogo in base a quale mandato Alfano insiste nel raggiungere accordi con Bersani e Casini.Il mandato elettorale del 2008 e tutte le successive occasioni elettorali hanno manifestamente conferito al Pdl ed ai suoi dirigenti un ruolo di netta contrapposizione ai comunisti e ai neodorotei che hanno fatto del salto della quaglia l’essenza della politica (più onestamente Casini che, pur avendo ricoperto per cinque anni il ruolo della quinta colonna, nel 2008 ha avuto il coraggio di presentarsi da solo, più meschinamente Fini per tutte le ragioni che conosciamo).Alfano, quindi, alle riunioni con Bersani e Casini non rappresenta altro che se stesso e quei parlamentari del Pdl che legherebbero l’asino ad ogni albero fosse indicato come salvifico da una competizione elettorale.Ma Alfano non ha neppure il mandato degli elettori che dovrebbe rappresentare per “buttare nel cesso”, come efficacemente direbbe Bossi, un sistema elettorale che ha garantito la governabilità e che merita semplicemente di essere esteso al senato e integrato con una clausola contro i traditori.L’elettorato di Centro Destra, politicamente più evoluto di quello di sinistra, non perdonerà certo Alfano per la congiura che potrebbe riportare in auge i governicchi della prima repubblica, con l’aggravante che al posto del psi Alfano si è scelto il pci/pds/ds/pd.Ricordo inoltro il fallimentare accordo che Alfano sottoscrisse sulle intercettazioni, subendo la Buongiorno, tanto che Berlusconi fu costretto a stracciarlo perché era peggiorativo persino della legge vigente.Urge, a questo punto, un analogo intervento per stracciare l’accordo frutto di innaturali e perversi connubi.Diversamente Alfano passerà tristemente alla storia come il becchino del Pdl e del Centro Destra, esattamente come Martinazzoli (parlandone con il rispetto dovuto ai morti, ma i fatti non si possono cambiare) è ricordato come il becchino della dc.…

Continue reading

Dalla bosnia e dalla romania con furore

Maxirissa con mazze e coltelli in mezzo ai passanti, sei arresti. Paura martedì pomeriggio: lite tra cittadini romeni e bosniaci mentre i passanti cercavano riparo tra le auto ROMA – Scatenano maxi rissa con mazze di ferro, cric e coltelli tra i passanti che cercano riparo fra le auto in sosta, in via della Magliana, a Roma: sei stranieri arrestati e un minorenne denunciato a piede libero dai carabinieri.…

Continue reading