Home » 2012 » marzo (Page 27)

Zombie tra gli zombie…

… 28 anni e un figlio buttati nel cesso. Ma si sa… lo fanno parlare comunque.Adesso Bruno fa l’agnellino: “Chiamavo l’agente pecorella solo perché avevo paura”. Santoro difende i No Tav: “Non è guerriglia ma resistenza”. Poi parla il provocatore: “E’ un gesto che faccio spesso, volevo interagire”. Ma non chiede scusa… di Francesco Maria Del Vigo Adesso Marco Bruno ci prende tutti per scemi.…

Continue reading

No Tav… l’inizio della Rivoluzione?

Guarda il video su YouTube: Naturalmente non può avere ragione chi si appende ai fili dell’alta tensione e poi cade fulminato dall’altezza di una decina di metri. Come non può avere ragione, a maggior ragione, quel delinquentello che provoca il povero militare a botte di “pecorella”… al quale povero militare faccio i miei complimenti per […] …

Continue reading

Lucio Dalla è scomparso

Guarda il video su YouTube: Questo spazio che ci siamo procurati sul web non può fare a meno di dire due parole sull’improvvisa morte di Lucio Dalla. Non foss’altro per la passione che da sempre nutriamo per la musica. Lucio è un altro grande cantautore che, anche con i suoi straordinari e simpatici gorgheggi, ci […] …

Continue reading

Lucio tra le Nuvole

Lucio Dalla, nato sotto il segno dei Pesci il 4 marzo 1943, morto sotto il segno dei Pesci il 1 marzo 2012. Con lui, Pupi Avati e altri amici musicisti bolognesi nasce il jazz made in Bologna.Questa splendida “Nuvolari” tratta dall’album “Automobili”, dedicata a Tazio Nuvolari detto …

Continue reading

Il crollo dello spread

Per i titoli di Stato italiani sta avvenendo un fatto che ha dell’incredibile, in paragone a quello che succedeva fino a soli pochi giorni fa: prosegue vistosamente il recupero dei prezzi, ciò che fa scendere altrettanto vistosamente i rendimenti. Il recupero di oggi ha poi contagiato fortemente anche la borsa, che ha chiuso con un guadagno del 2,93%.…
Continue reading

Il nuovo inganno di Bin Loden

Mario Monti, con azzeccata arguzia soprannominato Bin Loden da Francesco Storace in una interessante intervista pubblicata oggi ne Il Giornale, sta perpetrando un nuovo inganno contro gli Italiani.Coadiuvato dalla prona complicità della stampa, non perde giorno per annunciare provvedimenti e disegnare un’Italia che non c’è e non potrà mai esserci finchè non saranno toccati i santuari della spesa e del debito pubblico che si annidano nella pubblica amministrazione e nelle voci di spesa del bilancio statale.Bin Loden ha annunciato che sta elaborando la riforma fiscale che prevede uno spostamento (graduale, per carità) del carico fiscale dalla tassazione diretta a quella indiretta.In sostanza meno irpef e più iva.Detta così non potrebbe che trovarmi favorevole, perché è giusto che ci rimanga in tasca il nostro reddito in una alta percentuale (almeno il 90% del lordo) e, in base alle nostre personali priorità, si spenda per ricevere quei servizi e quei beni che noi desideriamo, senza dover pagare quel che piace ad altri.Ma le parole non sono inutili e quando Bin Loden usa l’avverbio “gradualmente”, noi possiamo facilmente tradurre: adesso aumentiamo il costo dei servizi, un domani, forse, diminuiremo di una percentuale da prefisso telefonico l’irpef.Senza considerare che è inutile pensare ad una vera riduzione delle tasse se prima non si taglia la spesa pubblica e tutto ciò che n deriva, mentre se è il pubblico ad offrire il servizio, magari in regime di monopolio, l’inganno assume i contorni di una beffa maligna vista la scarsa qualità dei servizi pubblici.Ma la consapevolezza che la stampa non lo smaschererà mai, porta Bin Loden a raddoppiare e lanciare una nuova minaccia: riequilibrio della tassazione delle rendite finanziarie.Il termine “riequilibrio”, intendiamoci, è sempre nel senso di adeguare alla percentuale più alta e non a quella minore.Ma significa anche che, non contenti della feroce tassazione sui depositi titoli, non contenti di aver aumentato del 60% (dal 12,5 al 20 %) la tassazione sui titoli (compravendita o interessi maturati) Bin Loden e i suoi si apprestano a mordere e sottrarci una fetta ancora più grossa dei risparmi che riusciamo, nonostante loro, a mettere da parte.Risparmi, si badi bene, che hanno già scontato una altissima tassazione nel momento in cui, sotto forma di reddito, ci sono pervenuti da clienti e datori di lavoro.Quindi pensano non solo di fregarci altri soldi aumentando il costo dei servizi, ma anche a sottrarci denaro già a noi pervenuto dopo la ghigliottina delle tasse sul reddito, riducendo i nostri risparmi.Sembra abbastanza chiara la politica perseguita da Bin Loden : impoverire gli Italiani, perché solo se saremo tutti più poveri, diventeremo sudditi ubbidienti, pronti ad eseguire quello che sarà imposto, nel timore di subire la punizione di vari sceriffi di Nottingham mascherati da agenti della riscossione imposte.Mi domando se il Pdl si renda conto di come il suo voto favorevole a questo governo, fiducia dopo fiducia, provvedimento dopo provvedimento, oltre a rappresentare un connubio innaturale con i comunisti, è anche un tradimento dei principi liberali sostenuti in campagna elettorale e sui quali ha ottenuto il voto degli Italiani: meno tasse per tutti.Non posso che unire la mia voce alla richiesta di Storace, perché la Destra si ricomponga, nell’opposizione a Bin Loden, sollecitando a tale scopo anche tutta la parte sana del Pdl, che ha sicuramente mal di pancia nel votare i balzelli e i provvedimenti da gabelliere di un governo non eletto dal Popolo e, per di più, in una maggioranza assieme ai comunisti, nemici di e da sempre di ogni istanza e progetto liberale e democratico.…

Continue reading

Ciao Lucio !

Ciao, Lucio, hai accompagnato la vita di molti di noi della mia generazione, ma poi anche quella di tante altre…Molti non sapevano, ma eri profondamente Cattolico e credente, a Bologna ti vedevano spesso in San Domenico, oppure nella Chiesa dei Celestini. Ciao e grazie per tante poesie.

«Sono cristiano, sono cattolico, credo fermamente in Dio e professo la mia fede sempre.

Continue reading

Con Monti si torna a comprare il vino sfuso

Guarda il video su YouTube: Da una parte, che si torni a comprare il vino e il latte sfusi potrebbe essere un ottimo segnale. Un segnale di ritorno alla società di un tempo, in cui si doveva stare attenti a come si spendevano i propri soldi, perchè gli operai, gli impiegati e i contadini non […] …

Continue reading

Dalla Val di Susa all’ India, lo Stato Italiano sotto attacco.

Continua l’ attacco portato al cuore dello Stato, interno ed esterno. I Nuovi Partigiani (come le BR amavano definirsi…)No-Tav, incuranti dei danni che portano ad un paese già in crisi coi ritardi che arrecano al cantiere, proseguono nei loro intenti terroristici, tenendo in scacco un intera parte del paese, con atti da vera insurrezione armata, come avevo già scritto per altri episodi che videro coinfolti la feccia peggiore dei No-global.Nello stesso tempo, lo stato Indiano prosegue nella guerra non dichiarata al Bel Paese, rifiutando la presenza dei nostri inviati militari, i Maggiori dei Carabinieri Paolo Fratini e Luca Flebus, agli esami balistici sui calibri dei proiettili che hanno ucciso i due pescatori.A questo punto occorre che il governicchio di Monti Mario si dia una smossa !…

Continue reading

I Leoni della San Marco nell’ assedio di Cèzembre in Normandia.

Quegli irriducibili nell’isola-bunker che non volevano cedere agli Alleatidi Gianluca Di Feo Corriere della Sera, 30 Maggio 2004Quella mattina sulle coste della Normandia c’erano anche loro. Una piccola armata di italiani che per scelta, per convenienza o per obbligo era schierata dalla parte dei tedeschi. Migliaia di uomini impegnati lungo il «vallo atlantico»: ventimila secondo alcune stime, addirittura 40 mila secondo altre.

Continue reading