Home » 2012 » febbraio (Page 2)

Zaia e il Veneto contro Monti e lo stato assistenzialista e centralista

Monti, finto liberale, nell’applicare le veline di Bruxelles, ha millantato liberalizzazioni e provvedimenti di “crescita” per l’Italia, traducendo a modo suo (e per quanti si bevono la sua propaganda)
l’applicazione di nuove tasse sui risparmi,
aumenti delle addizionali irpef,
patrimoniale sulla casa con la reintroduzione e l’aumento dell’ici,
incremento dell’attività di spionaggio e repressione fiscale,
penalizzazione delle categorie e professioni produttive e liberali.…
Continue reading

In Germania i lavoratori sono un valore

Questo risponde una docente di economia aziendale italiana che insegna a Francoforte, alla domanda della giornalista. La domanda era: “Perchè in Germania i lavoratori guadagnano di più che in Italia?”. La docente risponde che il fatto è dovuto alla considerazione di cui godono i dipendenti delle aziende in quel Paese, e anche dal fatto che […] …

Continue reading

il Tg3 esulta quando canta Obama

Guarda il video su YouTube: Oggi un piccolo post di disimpegno. Infatti parliamo della serata spettacolare che Obama ha voluto per annunciare la sua ricandidatura alla Casa Bianca. C’erano i divi della musica internazionale. Beh, un presidente degli Stati Uniti se la può permettere una serata così… Si può certo permettere di invitare Mike Jagger […] …

Continue reading

Fuori dal parlamento

… perchè uno che straparla in questo modo, in primis non dovrebbe pesare sulle nostre spalle e poi, dovrebbe solo morire di fame e di stenti. E io glielo auguro di tutto cuore.
Stracquadanio: “Niente fame con la crisi, è pieno di obesi”. Boutade del deputato Pdl: “In Italia ci sono 5 milioni di obesi, il problema non è trovare da mangiare”
Gli italiani non sono poveri, basta contare il numero di obesi.…
Continue reading

Monti e i favori alle banche

Altro che un taglio alle tasse: Monti ci stanga in banca. Nel testo sulle semplificazioni c’è un bollo dello 0,1% anche sui certificati di deposito e sui depositi vincolati
Altro che tagli alle tasse. Dopo aver fatto retromarcia sul fondo che avrebbe dovuto garantire un calo dell’aliquota fiscale per i redditi più bassi, il governo Monti si prepara a veder approvato oggi al Quirinale il decreto semplificazioni.…
Continue reading

Partiti incostituzionali, generatori di debito pubblico

  APPUNTO n. 1:   per la formazione di nuovi strumenti elettorali.   –  Come è stato riconosciuto da molti eminenti Costituzionalisti italiani, a incominciare da Leopoldo Elia, che ha scritto il magistrale saggio: “A quando una legge sui partiti?“, è particolarmente urgente la necessità di attuare con legge l’art. 49 della Costituzione.
Continue reading

Volontariato con (cospicuo) contributo pubblico

Continua la polemica sui soldi che il comune di Bologna paga o non incassa per agevolare le associazioni omosessuali.
Si parla del famoso “Cassero” , locale comunale concesso gratuitamente e con il pagamento delle utenze a carico del comune.
Da un articolo pubblicato ieri nella cronaca bolognese del Il Resto del Carlino, sembrerebbe che, finalmente, chi usufruisce del Cassero pagherà le utenze.…
Continue reading

L’odio per l’italia

Cittadinanza, Bersani incalzato da straniero: “Se fossi al governo…” di Sergio Rame
Il leader del Pd Pierluigi Bersani getta la maschera: “Fossimo stati noi al governo avremmo già fatto la norma e avremmo detto se questi bambini sono italiani o immigrati”. Fermato, in strada a Palermo, da un immigrato che gli ha chiesto a che punto è la discussione sullo ius soli, il segretario democratico dice chiaramente che, se la sinistra dovesse andare al governo, i vertici del Pd sarebbero subito pronti a “regalare” la cittadinanza ai figli degli immigrati.…
Continue reading

Troppo stato ci erode le retribuzioni

Una indagine dell’eurostat ci ha informato ufficialmente che gli stipendi italiani sono tra i più bassi dell’europa.
La nostra “miserabile” media è di ventitremila euro, contro i quarantunomila della Germania, i trentatremila della Francia, e i quasi quarantanovemila del Lussemburgo, primo in questa classifica.
La Fornero, che non perde occasione per straparlare, attribuisce tutto ciò alla produttività, alla precarietà e, udite udite, alla “disparità fra generi”: una spruzzatina di veterofemmisno non guasta mai, tanto l’analisi è già di suo un guazzabuglio degno della ministra che l’ha elaborata.…
Continue reading