Home » 2012 » gennaio (Page 20)

Liberalizzazioni passeriste

Liberalizzazioni, si inizia Benzina al supermercato. Monti: “Salteranno i colli di bottiglia”. In settimana il pacchetto di Passera: calmierare i carburanti e aprire il mercato delle licenze dei taxi
Le stelle polari sono concorrenza e mercato. L’obiettivo è colpire le rendite di posizione e gli interessi consolidati. Se non è un bluff, la prossima settimana il Governo di Mario Monti potrebbe alzare il velo sulla fase 2 (o «Cresci Italia») e mettere in pista il pacchetto per le cosiddette liberalizzazioni.…
Continue reading

Civile convivenza (???)

La storia.  I bimbi contesi di Albenga di Paolo Crecchi
Genova – L’amore può essere una fetta di prosciutto. Da servire nel piatto di Marco o accomodare nel panino di Laura, nomi di fantasia per due bambini, di cinque e tre anni, che il Tribunale dei Minori vuole assegnare a una famiglia adottiva.…
Continue reading

Iniquitalia

Nella foto accanto un’istantanea di Attilio Befera, per i nemici Becera, presidente della congrega di vampiri nota alle cronache come “Equitalia”. Secondo Bram Stoker tale personaggio è nato da una fugace relazione tra il conte Dracula e la contessa Erszebeth Batory. Si dice che la contessa Batory, a corto di contante, ripagò in natura il conte Dracula per una fornitura di sangue virgineo in cui la megera ungherese amava immergersi.

Continue reading

Una strada per Almirante

Mentre Monti, pensando di menarci per il naso raccontando la favoletta degli evasori che ci mettono le mani in tasca, umilia se stesso (e non mi interessa) e l’Italia (e questo sì che mi interessa) per raccogliere veline nel pellegrinaggio tra Bruxelles, Parigi e Berlino, invece di prendere l’unica decisione coraggiosa che dovrebbe essere assunta: lo smantellamento dell’euro ed il ritorno alle monete nazionali, apro una piccola parentesi per ricordare che Destra e sinistra esistono ancora, eccome !…
Continue reading

Ritorno al Futuro.

Nel sistemare un altro mio blog (ForzaCuba)prima che Splinder chiuda, ho trovato questo mio post dell’ Agosto 2006. Oggi attualissimo,basta sostituire il nome di Visco con Monti:

===============================

giovedì, 03 agosto 2006

Come a Cuba, avremo il Grande Fratello ? Chiedetelo a Visco.

A Cuba si chiama Seguridad. Nell’ex-DDR si chiamava Seguritmi, in Romania Securitate.

Continue reading

Ue e Ungheria

Ieri l’Italia del Cavaliere ora l’Ungheria di Orban. Ma il vero regime è l’Ue di Giuliano Ferrara 
Chi ha paura di Viktor Orban? Chi aveva paura di Silvio Berlusconi? Chi ha paura dei vescovi cattolici? Chi ha paura che le nazioni, i popoli, i costumi, le culture, le idee, le fedi d’Europa sopravvivano e anzi vivano in modo non folcloristico, come pegno di sovranità, come elemento di diversità e di ricchezza?…
Continue reading

Tempi di crisi, vacanze di lusso… per i politici

Dopo i tre porcellini (beccati alle maldive in un resort esclusivo) e non solo loro, eccone un altro che fa parte della casta… beccato in un altro resort esclusivo. E la sobrietà di tutti (soprattutto quella comunista) va a farsi fottere.
Pisapia Capodanno a 5 stelle per il sindaco Giuliano nel resort extra-lusso in Thailandia.…
Continue reading

Le origini del dissesto finanziario italiano 2

Tanto a pagare è sempre pantalone, cioè noi tutti accomunati nella stessa barca.
Alle origini del dissesto finanziario italiano c’è stato anche l’eccesso di fiducia concesso nel tempo a chi avrebbe dovuto occuparsi di gestione oculata del denaro pubblico.
Fin dagli anni ’80 tutti sapevano di quanto fosse abnorme e in via di continua espansione il debito pubblico italiano, ciò nonostante molti amministratori pubblici lo hanno ignorato e hanno abusato delle facoltà loro concesse, erogando pensioni anche a chi non ne aveva assolutamente diritto.…
Continue reading

Quell’ Italia che non dimentica: Acca Larentia, Napolitano e la Perina.

Eccomi qui, a dover tornare ancora sulla Strage di Acca Larenzia del 7 Gennaio 1978. Non solo per ricordare Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta e Stefano Recchioni. Per ribadire che sono 4 le vittime da ricordare. Il padre di Ciavatta, Mario, mai ripresosi per la morte del figlio, si suicidò per la disperazione bevendo un’ intera bottiglia di acido muriatico: quando lo trovarono, non aveva più le labbra, corrose dall’ acido.

Continue reading