Home » 2011 » dicembre

Buon anno agli zombie ragionieri

I conti quadrano, l’Italia no. Ho assistito in religioso ascolto al telefilm horror Il giorno dei Monti Viventi di Marcello Veneziani 
Ogni volta che i giornalisti lo evocavano, si scoperchiava il sepolcro e lo spirito di Monti si manifestava biascicando un mantra inarrestabile, un infinito Om da cadavere assonnato che faceva cadere gli spettatori in stato di trance.…
Continue reading

Buon anno, nonostante tutto

Auguri sentiti a tutti di buon anno perché se questo 2011 è stato terrificante, il 2012 non sembra poter essere migliore, anzi. Posso vantarmi di non aver mai guardato i sermoni a reti unificate dei mai eletti presidenti della repubblica, e ovviamente non intendo rompere questa gloriosa tradizione per sentirmi le contumelie del comunista preferito da Kissinger, il mai eletto pulcinella del Quirinale che, come scrivo nel mio post su Rischio Calcolato, dall’alto dell’essere in tutto e per tutto il primo parassita del paese si permette pure di lanciar sermoni moralizzatori. 
Auguri a tutti di riuscire a sopravvivere ai salassi del governo “Falce, Croce &amp Compasso” di Mario Monti.…
Continue reading

E bon

Peccato che non si possano fare posts singoli “nascosti” agli occhi dei più… perchè ogni tanto si è in vena di confidenze e ogni tanto, non si può farne a meno di esternarle. Tuttavia, dopo due anni orribili, questo 2011 non mi è dispiaciuto granchè. Cominciamo dall’inizio… 23 dicembre 2008, una delle segretarie dell’azienda per cui lavoravo, mi da in mano la tredicesima e mi dice che da quel momento sono licenziata.…
Continue reading

Quando i nodi arrivano al pettine

Se la notizia riferita da Affaritaliani.it fosse confermata, il Presidente della Repubblica Napolitano dovrebbe quanto meno dimettersi. Ricordo che presidenti del passato si dimisero in seguito a fatti meno eclatanti.
Che la situazione economica italiana sia molto grave, l’hanno ormai capito anche i bambini dell’asilo, e non sarà certo Monti con le sue manovre da lacrime e sangue a risollevarla.…
Continue reading

Cupi bilanci e azzardate speranze

La fine di un anno e l’approssimarsi del nuovo, come sempre, ispirano propositi, bilanci, speranze.
Il 2011 è stato un anno orribile, con il quale sono state poste le premesse per un impoverimento generalizzato dell’Italia.
Napolitano (il cui messaggio di fine anno invito ad ignorare) ) ha calpestato, da comunista non ravveduto, la volontà popolare, agendo per costringere il Premier eletto Berlusconi alle dimissioni e sostituirlo con una persona di fiducia degli speculatori internazionali ed un governo che non ha avuto il consenso del Popolo.…
Continue reading

Nuova tassa?

A quando una tassa sull’aria che respiriamo? E se non ci sono i fondi, perchè allora non togliere le pensioni sociali agli immigrati che non hanno mai lavorato per neanche qualche mese in italia e usare quelli?
Il governo ci mette a dieta: adesso vuole tassare pure gli alcolici e i cibi spazzatura di Andrea Indini
Nuove regole sui ticket, alcune (poche) esenzioni, rimodulazione dei tetti per la spesa farmaceutica e ammodernamento delle strutture sanitarie.…
Continue reading

Lo spread a 523 punti

Timeline, giorno per giorno le dichiarazioni di Napolitano dalla telefonata della Merkel alle dimissioni del Cavaliere
19 ottobre Giorgio Napolitano: “Le difficoltà sono sotto gli occhi di tutti, se è vero che è trascorso un mese dalla approvazione in Parlamento del decreto di stabilizzazione finanziaria varato alla vigilia di Ferragosto, a queste difficoltà guarda con preoccupazione l’Europa, in attesa dell’attuazione e di ogni necessaria integrazione delle decisioni già adottate e di impellenti scelte di riforma strutturale e di stimolo alla crescita.…
Continue reading

Buon capodanno della 3° guerra mondiale

Nella mia vita ho visto passare parecchi anni, gli stessi anni che, dal loro punto di vista, hanno visto “passare” me, e sul mio corpo e nel mio corpo ci sono i segni delle primavere che ho vissuto. Mi sono scampato gli anni della guerra, per fortuna; non così è andata ai miei genitori, che […] …

Continue reading

Razzisti, o stufi marci?

Da “questa è la sinistra italiana”

13 gennaio, Recanati: un albanese di 26 anni spara ad un connazionale 41enne all’interno di un bar, uccidendolo.

29 gennaio, Firenze: due cittadini romeni hanno assalito una vettura della Polizia, intervenuta per aiutare un loro connazionale. I poliziotti hanno riportato lesioni per dieci giorni, uno degli aggressori aveva  un coltello.

Continue reading