Home » 2011 » ottobre (Page 6)

Comunitarismo e liberalismo

Un testo sul comunitarismo che consigliamo

Il comunitarismo ha due origini distinte. Sul piano intellettuale, esso è una reazione alle concezioni “liberal” americane. Sul piano politico, esso è la conseguenza della perdita delle “civic virtues” della società americana e della nascita del multiculturalismo. Ma il comunitarismo non è una risposta adeguata alle esigenze della società post-industriale.…

Continue reading

Dinastie millenarie

Castiglion Fiorentino, panorama – da Wikipedia Quando Marcello – l’amico blogger cui è stato dedicato il blog aggregante Il Castello 1 – mi raccontò della durata millenaria della dinastia dei conti di Mammi – da cui volle prendere la sua nick name, facendosi chiamare Marcello di Mammi – fui alquanto scettico nel credere si sia potuti risalire ad origini così remote: in mille anni possono …

Continue reading

In the name of Love

Umani, troppo umani questi diritti! L’indomani dell’impalatura di Gheddafi, le cui spoglie non sappiamo ancora che fine faranno (l’opzione in fondo al mare in pasto ai pesci, modello Bin Laden è sempre possibile)  si viene a sapere da un lancio di agenzia che il numero uno del Consiglio di transizione libico, Mustafa Abdel Jalil, si e’ inginocchiato oggi in preghiera subito dopo avere presenziato alla cerimonia di proclamazione della liberazione della Libia, che si e’ tenuta a Bengasi.…
Continue reading

Post-Gheddafi con democratica sharia

La nuova Libia sarà una nazione islamica? Intanto sul web Al Qaeda festeggia la sharia di Ignazio Stagno
Tripoli – La Libia del dopo Gheddafi comincia a prendere forma. Bisogna capire cosa succederà nel Paese che dovrà mettersi sui binari democratici dopo quarant’anni di dittatura. Basti pensare che le generazioni più giovani sono nate sotto la dittatura, non hanno mai conosciuto la libertà di pensiero e di espressione.…
Continue reading

Gli imbecilli del Pd

Se il Pd difende il burqa. “La legge che lo vietaè anticostituzionale…” di Raffaello Binelli
Il Pd non gradisce la legge, attualmente allo studio in parlamento, che vieta di indossare in pubblico il burqa e il niqab. A spiegarne i motivi è il deputato Roberto Zaccaria, vicepresidente della Commissione Affari costituzionali della Camera.…
Continue reading

Siamo tutti d’accordo: paghino “gli altri”

I debiti vanno pagati (contrariamente ai deliri degli “indignati”)e l’Italia ha un debito pubblico di 1900 miliardi di euro grazie all’arco costituzionale (dc-pci-psi-psdi-pri-pli) degli anni settanta e ottanta che usava allegramente i soldi di tutti per le mediazioni politiche.
Sarebbe inutile estorcere denaro dalle tasche degli italiani con altre rapine come la patrimoniale, la reintroduzione dell’ici, l’aumento delle aliquote delle imposte dirette, il prelievo forzoso sui risparmi, senza prima chiudere i rubinetti della spesa.…
Continue reading

Le risate del matto.

Lo scorso anno, a Novembre, al vertice NATO di Lisbona, Sarkozy era stato indisponente (da buon mezzo ungherese ???) con il Premier Rumeno Basescu, come mostra un video reperibile su You Tube. Subito quest’ultimo era andato a sfogarsi con Berlusconi, il quale stava parlando proprio con il Primo Ministro magiaro; Silvio, dopo aver stretto calorosamente la mano a Basescu (di cui è buon amico), fa un eloquente gesto col dito portato alla tempia.

Continue reading

Ma che ca**o c’ha da ridere il cafone?

Quello stupido di Sarkozy, nel riferire del colloquio con Berlusconi, a una domanda posta alla collega Merkel da un giornalista, appunto sul colloquio, non ha saputo trattenere dei risolini. Se si pensa che il debito pubblico francese è poco al di sotto di quello italiano, e che la disoccupazione della Francia è anche superiore a […] …

Continue reading

Bersani vuole imitare Gheddafi?

Questo post mi è stato ispirato da una frase di questo articolo di Massimo. La frase, che avrebbe pronunciata Bersani, dice che “i soldi bisogna prenderli da chi li ha”. Ma in che modo? E già qui cascherebbero tanti asini.

Frasi del genere sono solo nel dna di chi disegna l’appiattimento delle società. Disegni fatti di manovre che fanno togliere ogni stimolo al giusto arricchimento individuale.

Continue reading