Home » 2011 » ottobre (Page 3)

I problemi dei giovani

In Italia così come in altri paesi industrializzati, le giovani generazioni devono lottare contro tanti fattori che giorno per giorno rendono sempre più difficili le loro condizioni. La difficoltà di trovare un posto di lavoro, e quindi un reddito che li renda autosufficienti, porta i giovani a compiere tanti sacrifici e sentirsi frustrati spesso in modo umiliante; la carenza di alloggi rende loro difficile programmare il futuro e li porta a procrastinare la vita nella famiglia paterna, deludendoli nel loro bisogno di autonomia e di libertà d’esperienza; il crollo di tante certezze e di tanti miti li porta a un a crisi di valori ideali per cui tutto appare contingente; le istituzioni già talvolta così lontane dal paese reale, appaiono ai giovani ancora più distanti e incapaci di risolvere o solamente capire i loro problemi.…

Continue reading

Sognare è lecito, realizzare è utopia

Leggo e rileggo la letteronza del governo alla UE. Non trovo difetti se mi pongo del punto di vista liberale. Non vedo cedimenti nella coerenza programmatica. Non balzano agli occhi ingiustizie sociali marchiane, se mi atteggio a socialistoide. Sempre che io mi vesta da buon liberale d’antan. Dunque Berlusconi e i quaranta birboni hanno fatto un buon lavoro: ci sono le liberalizzazioni promesse, l’età pensionabile europeista, le agevolazioni per le imprese, la deburocratizzazione tanto agognata, l’elasticità del lavoro, il paino Sud tremontiano , al riforma costituzionale in senso presidenzialista e chi più ne ha, più ne metta.…

Continue reading

Il Fascismo appartiene alla Storia d’Italia

Oggi, 28 ottobre, è l’89° anniversario della Marcia su Roma che segnò l’inizio del cosiddetto Ventennio tra il 1922 e il 1943 (25 luglio).

In passato ho scritto una serie di interventi (il cui collegamento è possibile trovare in calce al presente) che commentano un evento che è passato, che è Storia d’Italia.
Continue reading

l’Economist su Berlusconi. Ma chi ricorda mister Mortadella?

L’Economist oggi esce con all’interno una vignetta che rappresenta Berlusconi vestito come un clown, con tanto di cravattona con donnina discinta. Chissà come si sono divertiti nel pensare a come poterlo raffigurare per poter far divertire meglio la sinistra italiana e mondiale, nonchè monsieur Brunì. Certo è che la sinistra italiana è naturalmente molto soddisfatta […] …

Continue reading

C’è crisi…

No perché quando senti ‘ste cose, o quando perdi un quarto d’ora per parcheggiare al Cinecity stracolmo e un altro quarto d’ora di coda per prendere il biglietto ti vien da dire, ma sta crisi dove sta?

Continue reading

Merkel-Sarkò e l’italia

Grazie a Francia e Germania l’Europa trema davvero di Mauro Bottarelli
Siamo alla follia. All’inutile vertice Ue di domenica, chi era sul banco degli imputati? La Grecia con i suoi bilanci truccati e il default ormai alle porte (nonostante gli altri 8 miliardi di morfina in arrivo, a meno che il Fmi non li blocchi)?…
Continue reading

Scarsa lingua di terra che orla il mare

Premetto che l’ambiente non è né di destra né di sinistra e  che vivere in un ambiente geografico sicuro è nell’interesse di tutti gli Italiani. Quello che sta accadendo in Liguria, terra nella quale sono nata, e naturale porta del Nord-Italia e del Nord-Europa, per tutti quelli che vengono a respirare un po’ d’aria di mare nel mentre fanno qualche romantica passeggiata, è semplicemente catastrofico.…
Continue reading

… meglio tacere e…

Libia, l’Italia è in prima linea nella ricostruzione. La Russa: “La morte del raìs non era nei patti” di Sergio Rame
Adesso che la guerra intestina che per mesi ha dilaniato e diviso la Libia è finita, bisogna rimboccarsi le maniche e ricostruire. Dall’addestramento delle forze di sicurezza al controllo delle armi chimiche, fino allo sminamento.…
Continue reading

Bene così

L’unione europea ha condiviso le scelte del Governo illustrate nella lettera di intenti.
Le speranze della sinistra di ribaltare il Premier sono, ancora una volta, naufragate grazie alla solidità del rapporto tra Berlusconi e Bossi.
La lettura dei commenti della stampa induce in confusione, anche perché l’interesse di gran parte dei giornali è di perseguire una (ottusa) critica al Governo, finalizzando il tutto alla eliminazione di Berlusconi.…
Continue reading

Rinascita morale, non moralismo

Intorno alla vexata quaestio dei valori si sono spese pagine e pagine. Purtroppo però l’argomento resta di drammatica attualità. La decadenza morale, i cedimenti continui dei presupposti che stanno alla base della nostra cultura e del nostro vivere comune sono così evidenti da non lasciare campo a dubbi: una trasformazione valoriale è strettamente necessaria per riattivare la circolazione delle energie nel nostro paese.…

Continue reading